ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
22 ore

Plr, la candidatura di Alessandra Gianella è un guanto di sfida

Una lista forte da parte liberale radicale è uno sprone per tutte le forze politiche, perché la crisi morde e fuori dal Palazzo i timori si moltiplicano
Commento
1 gior

Troppe segnalazioni cadute nel vuoto: serve un filo diretto

Ex direttore delle Medie arrestato e molti altri casi di disagio: perché non pensare a un numero WhatsApp per gli allievi?
Commento
1 gior

L’ingrato compito di doversi accollare i costi della crisi

Senza i milioni della Bns il Preventivo 2023 del Cantone balla male: tuttavia il contesto richiederebbe un’azione agli antipodi da parte dello Stato
Commento
2 gior

Referendum grotteschi, ‘cristallini’ esempi di democrazia

Messa in scena perfetta per un leader militarmente alle strette, dopo aver sperato di occupare la capitale nemica con un blitz di una manciata di giorni
Commento
4 gior

L’arte della supercazzola, dal Mascetti a TiSin

L’associazione padronale Ticino Manufacturing si sfila dalle sue stesse oscenità, con un comunicato piuttosto surreale
Commento
4 gior

Ueli Maurer, lo statista riluttante

Da artefice dell’ascesa dell’Udc a consigliere federale e rispettato ‘tesoriere’. Il suo ritiro chiude un cambio generazionale nel primo partito svizzero.
Commento
5 gior

Quando la bomba scoppia in mano all’artificiere

Tutti i non sentito dire dei piani alti dell’amministrazione cantonale: dall’ex funzionario del Dss al direttore di scuola media
Commento
6 gior

La rivoluzione contro il velo

Le donne in piazza con coraggio dopo la morte di Mahsa Amini, colpevole di avere un hijab messo male. Il regime però ha risposto con il pugno duro
Commento
1 sett

Cassa malati, sogno (o chimera) di un pomeriggio autunnale

L’annuncio dei premi 2023 è senz’altro un brutto risveglio. Abbondano le motivazioni che spiegano la stangata, mancano le soluzioni
Commento
1 sett

Con la candidatura di Marchesi, a destra parte la bagarre

Se il presidente Udc verrà eletto in governo, sarà a scapito di un seggio leghista. La Lega dovrà difendersi anche dagli ‘amici’, che però corrono veloce
Commento
1 sett

L’era del tofu merluzzato

Gli italiani disposti a provare qualsiasi cosa pur di vedere un cambiamento. Ma il cambiamento, finché ci saranno Casini e i suoi emuli, pare impossibile
Commento
1 sett

Un’onda nera sull’Italia

L’analisi di Aldo Sofia dopo il voto che ha visto trionfare Giorgia Meloni
Commento
1 sett

Dal ‘sì’ ad Avs 21 segnali chiari alla politica

No a un ulteriore aumento dell’età di pensionamento, no a riforme a scapito delle donne meno abbienti, avanti con quella del secondo pilastro
laR
 
04.12.2021 - 05:30

Angela Merkel, il punk e i fantasmi del Terzo Reich

La cancelliera uscente sceglie Nina Hagen per l’addio, ma si ritrova dentro una parata militare dal sapore troppo retrò. Forse sarebbe meglio smetterla

angela-merkel-il-punk-e-i-fantasmi-del-terzo-reich
Verità o finzione? (Keystone)

La sua banda suona il punk rock. E tutto il resto all’occorrenza. Ce ne siamo accorti giovedì sera, quando Angela Merkel ha scelto la colonna sonora dell’addio, dopo 16 anni da cancelliera, mettendo alcune delle sue canzoni preferite nelle mani di una banda militare.

Molti hanno sottolineato la scelta di un brano in particolare, “Du hast den farbfilm vergessen” dell’icona punk Nina Hagen, etichettandola come un’eccentrica stramberia della solitamente composta Merkel. Dimenticando che entrambe sono cresciute in Germania Est e che l’ormai ex cancelliera, classe 1954, aveva esattamente vent’anni quando uscì quel pezzo. E la musica dei tuoi vent’anni, qualunque sia, ti si attacca addosso e non ti lascia più, anche se diventi una delle donne più potenti del mondo. Merkel, poi, ha gusti variegati in musica, visto che passa con disinvoltura dal Festival wagneriano di Bayreuth al sottopalco sudato di Bruce Springsteen.


Nina Hagen per la pace, nel 2008 (Keystone)

Ma per chi l’ha vista e per chi non c’era, è il caso di andare oltre i suoni e badare alle immagini, passando dalle parole, anzi dai titoli.

La traduzione italiana di “Du hast den farbfilm vergessen” è “Hai dimenticato la pellicola a colori”. E più seguivi la cerimonia più sembrava diventare tutto in bianco e nero, anche se siamo nel 2021 ed era tutto in Hd. La banda aveva un che di inquietante, elmetti neri, guanti neri, divise nere con piccoli dettagli bianchi che sembravano uscite da un’altra epoca, tutt’altro che gloriosa per la Germania. Inoltre, alcuni militari tenevano delle torce inclinate all’incirca con lo stesso angolo con cui s’alzava il braccio per salutare il Führer.


Merkel nell’alto castello (Keystone)

Agli occhi di un tedesco che conosce bene la storia del suo Paese quei simboli rappresenteranno sicuramente altro, di più antico e profondo, non il Terzo Reich, ma quella cerimonia l’ha guardata tutto il mondo. E a vederla vengono in mente le fiaccolate naziste (c’è un video Pathé, girato a Berlino nel 1939 quasi sovrapponibile, non fosse per i copricapi) e quelle del Ku Klux Klan, provocando uno di quei cortocircuiti a cui cinema e tv ormai ci hanno abituato.

Forse avremmo davvero bisogno di un segnale che ci dica se quel che stiamo guardando è reale oppure no quando accendiamo il televisore, perché si fa sempre più fatica a capire il confine tra la cerimonia per Merkel e certe scene de “L’uomo nell’alto castello”.


Un momento della cerimonia (Keystone)

E forse è anche arrivato il momento, non solo per la Germania, di far scivolare in secondo piano elmetti, baionette, uniformi e mostrine. Vale per l’Italia, terra d’arte per eccellenza che per celebrare sé stessa al posto di mettere in vetrina Dante e Caravaggio fa sfilare i carri armati e volare Frecce Tricolori. Un Paese che, tra l’altro, ha un ruolino di guerre vinte da retrocessione. La Francia – che almeno qualche guerra l’ha vinta – avrebbe di che vantarsi quanto l’Italia dei suoi figli celebri e disarmati, invece preferisce mettere l’orgoglio patrio e il Tricolore negli scarichi della Patrouille acrobatica. Putin, in Russia, ha fatto della parata del 9 maggio, giorno della vittoria sui nazisti, un’esibizione di muscoli degna di un culturista, per non parlare degli Stati Uniti, che attorno al mito dei veterani hanno costruito lo spirito della nazione.

L’immagine di Merkel e della ministra della Difesa, due donne in mezzo a un plotone di uomini indistinguibili, in divisa ed elmetto nero, simili a comparse in una scena di massa di un film di guerra, avrà una sua ratio. Ma, nel Paese dei grandi filosofi, vedere un gruppo di militari tedeschi in formazione che avanza per Berlino con passo marziale dovrebbe essere molto più straniante di una vecchia canzone punk.


Orgoglio francese con i colori della Paf (Keystone)

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved