ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
12 ore

Cassa malati, sogno (o chimera) di un pomeriggio autunnale

L’annuncio dei premi 2023 è senz’altro un brutto risveglio. Abbondano le motivazioni che spiegano la stangata, mancano le soluzioni
Commento
1 gior

Con la candidatura di Marchesi, a destra parte la bagarre

Se il presidente Udc verrà eletto in governo, sarà a scapito di un seggio leghista. La Lega dovrà difendersi anche dagli ‘amici’, che però corrono veloce
Commento
1 gior

L’era del tofu merluzzato

Gli italiani disposti a provare qualsiasi cosa pur di vedere un cambiamento. Ma il cambiamento, finché ci saranno Casini e i suoi emuli, pare impossibile
Commento
2 gior

Un’onda nera sull’Italia

L’analisi di Aldo Sofia dopo il voto che ha visto trionfare Giorgia Meloni
Commento
2 gior

Dal ‘sì’ ad Avs 21 segnali chiari alla politica

No a un ulteriore aumento dell’età di pensionamento, no a riforme a scapito delle donne meno abbienti, avanti con quella del secondo pilastro
Commento
4 gior

Zanchi, Bossalini, la malerba e la capacità di rimanere zen

Nella battaglia politica che si combatte attorno al Corpo di polizia di Locarno, la fretta è cattiva consigliera per capodicastero e comandante
La formica rossa
5 gior

Bum! Bal(l)istica elettorale

L’ennesima trovata di Nussbaumer e No Vax assortiti preferisce non prendere le armi, ‘per intanto’
Commento
5 gior

La metamorfosi del franco: da kriptonite ad acquasanta

Di fronte al rialzo dei tassi deciso dalla Bns potremmo ripetere: ‘Jusqu’ici tout va bien’. Ma il problema non sta nella caduta, bensì nell’atterraggio
il commento
6 gior

Il grande ricatto di Putin

Con la mobilitazione parziale la guerra entra in casa di milioni di russi. Washington è convinta che il tempo giocherà contro il leader del Cremlino
laR
 
04.12.2021 - 05:30

Qatar 2022, lo spettacolo deve continuare

La Giso ha detto qualcosa di sinistra: ha invitato la federazione di calcio a disertare i Mondiali, in protesta contro le condizioni di lavoro inumane

di Franco Zantonelli
qatar-2022-lo-spettacolo-deve-continuare
Keystone
A Doha nel frattempo è partito il conto alla rovescia

Nel film ‘Aprile’ Nanni Moretti invitava Massimo D’Alema a dire qualcosa di sinistra o, quantomeno, “qualcosa di civiltà”. Qualcosa di sinistra, che sicuramente sarebbe piaciuta a Moretti, l’ha detta la Giso, la Gioventù socialista svizzera, senza timore dell’impopolarità, all’indomani della qualificazione della nazionale rossocrociata ai mondiali del Qatar. I giovani socialisti, non nuovi a uscite provocatorie, hanno invitato la federazione di calcio a disertare la manifestazione per protestare contro le condizioni di lavoro inumane, che hanno contraddistinto la costruzione degli stadi, costate la vita a 6’500 operai. Per la Giso non dovremmo andare ai mondiali anche considerando la persecuzione di cui sono vittime, nell’emirato, gli omosessuali.

Possiamo immaginare che cosa succederebbe nel caso in cui la federazione, dopo la qualificazione, vissuta come un’epopea da un intero Paese, ritenesse ragionevoli le argomentazioni dei giovani socialisti e decidesse che la partecipazione alla Coppa del Mondo è immorale. Anche per la puzza di mega-tangente che l’emiro del Qatar avrebbe versato a Nicolas Sarkozy, per ringraziarlo dei buoni uffici dell’Eliseo nel contribuire a far ottenere i mondiali al suo staterello. Eppure, anche se quanto denunciato dalla Giso non fa una piega, il mondo dello sport, soprattutto quello professionistico, è sempre stato distante dalla cosiddetta società civile. E non saranno certo i calciatori inginocchiati contro il razzismo prima delle partite a modificare una mentalità che è immutata da decenni. Nel ’68 a nessuno venne in mente di disertare le Olimpiadi di Città del Messico, nonostante la sanguinosa repressione delle manifestazioni studentesche che le avevano precedute. Neppure la strage degli atleti israeliani ai giochi di Monaco del ’72 comportò reazioni del tipo “fermiamoci un attimo e riflettiamo”. No, lo spettacolo deve sempre continuare.

Troviamo tuttavia particolarmente grave quando, a voltarsi dall’altra parte, sono coloro da cui ci si attende una particolare sensibilità verso certe tematiche. La sinistra europea, compresa quella comunista, tanto per fare un esempio, consentì lo svolgimento dei mondiali di calcio in Argentina nel ’78, quando già si sapeva delle gravissime violazioni dei diritti umani compiute da Videla e dalla sua banda. E dire che, due anni prima, nel ’76, i comunisti italiani insorsero contro la spedizione nel Cile di Pinochet della squadra di Coppa Davis. Probabilmente, essendo il tennis molto meno popolare del calcio, anzi a quei tempi ancora considerato uno sport da ricchi, non temettero un’erosione di consensi per il loro boicottaggio. Insomma, dissero e fecero qualcosa di sinistra, sapendo di non prendere rischi. E dire che, ai tempi, quando le competizioni sportive non erano il business che muove i miliardi di oggi, sarebbe stato più semplice imporre un’etica diversa anche a mondiali e olimpiadi.

Forse anche la Giso, come nel caso dell’iniziativa 99%, dice cose di sinistra già consapevole che non saranno realizzabili. Ma la sinistra, vedi le posizioni contraddittorie del Ps sul Polo sportivo di Lugano, ormai dice e disdice.

E pure Nanni Moretti si è probabilmente stufato di occuparsene.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved