Ajoie
3
Lugano
4
2. tempo
(1-2 : 2-2)
Zugo
0
Bienne
0
2. tempo
(0-0 : 0-0)
Ginevra
2
Losanna
2
2. tempo
(2-1 : 0-1)
Friborgo
1
Berna
1
2. tempo
(1-1 : 0-0)
Langnau
1
Lakers
1
2. tempo
(0-0 : 1-1)
Zurigo
3
Davos
0
2. tempo
(3-0 : 0-0)
Langenthal
1
Olten
5
2. tempo
(1-0 : 0-5)
Ticino Rockets
2
GCK Lions
5
2. tempo
(2-2 : 0-3)
Sierre
0
Zugo Academy
0
2. tempo
(0-0 : 0-0)
annusare-invece-di-sprecare
Depositphotos
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
15 ore

Covid-19, lettera a una cugina No Vax

Cara cugina, alle feste sei venuta in volata. C’è chi non ti ha abbracciata e tu ci sei rimasta male, anche se capivi...
Commento
1 gior

Il gennaio maledetto dei maschi alfa

Il 2022 è iniziato male per la sottospecie più proterva, quella incline a violare le regole, per poi pensare di cavarsela con quattro scuse in croce
Commento
1 gior

Tutt’altro che tennis: Djokovic e il sottosuolo dello sport

In fondo ciò che si prova di fronte alla sentenza della Corte australiana è una sensazione di giustizia, di giustizia e di sorpresa a dire il vero
Commento
3 gior

Una Regione lunga 30 anni

Nel 1992 una nuova sinergia ha dato vita al nostro quotidiano, oggi celebriamo l’anniversario per rinnovare il nostro amore per la divulgazione
Il commento
3 gior

Per causa di forza maggiore

Annullato il visto di Novak Djokovic. Con un verdetto politico che riduce le chance di spuntarla in appello, domani alla Corte federale
il commento
4 gior

È morto Sassoli. Abbasso Sassoli! Viva Sassoli! Viva me!

La reazione alla morte del presidente dell’Europarlamento mette in evidenza la schizofrenia social, tra (auto)santificazioni e orrendi complottismi
Commento
5 gior

I Blues Brothers e il capitalismo accidentale

I licenziamenti presso Dpd dimostrano ancora una volta l’avanzata di un sistema irresponsabile, fomentato dalle voci bianche della deregulation
Commento
6 gior

L’onore perduto di Darius Rochebin

È toccato a Macron il compito di ‘riabilitare’ II giornalista svizzero, detonatore di un’inchiesta su molestie sessuali e mobbing alla Ssr
Commento
1 sett

Una bomba a orologeria chiamata Kazakistan

L’ex repubblica sovietica è uno snodo cruciale a livello economico-energetico e ora anche un termometro della situazione sociale in Asia Centrale
Commento
1 sett

Il Covid, un incubo ricorrente

Già l’anno scorso speravamo di buttarci alle spalle la pandemia. Invece siamo ancora alle prese con varianti e restrizioni, eppure un terzo non si vaccina
 
03.12.2021 - 05:300
Aggiornamento : 07:48

Annusare invece di sprecare

Mentre 675mila persone sono povere in Svizzera si gettano via quasi 3 milioni di tonnellate di cibo commestibile. Una follia tutta elvetica

La quantità di cibo commestibile che finisce nella spazzatura è davvero impressionante. Ogni anno in Svizzera si gettano via 2,8 milioni di tonnellate di cibo, togliendo preziose riserve a chi non ha abbastanza da mangiare, causando danni diretti o indiretti all’ambiente. Con questa montagna di alimenti si possono riempire migliaia di camion: una fila lunga da Amburgo a Napoli! Sprechi che inquinano come la metà di tutti gli spostamenti privati fatti in autovettura nel nostro Paese. E si traducono in tanti soldi gettati via: si stima che una famiglia elvetica di 4 persone spreca così 2’500 franchi l’anno. Nella filiera agroalimentare, lo spreco riguarda tutte le fasi, dal campo al consumatore finale, ma il luogo per eccellenza dove si annida di più sono le economie domestiche. Piccole quantità di cibo gettate ogni giorno possono apparire insignificanti, eppure messe tutte insieme producono uno spreco abissale. Nessuno acquista cibo con l’intenzione di buttarlo via, ma poi succede per svariati motivi: si fa una spesa eccessiva rispetto alle reali esigenze; si cucina troppo e gli avanzi non vengono riutilizzati; si conserva in modo inadeguato il cibo lasciando così andare a male molti prodotti. Un grosso problema sono le etichette alimentari, a dire il vero non sempre di facile comprensione. Infatti, il 20% degli sprechi domestici, secondo un recente studio, avviene proprio per un’errata interpretazione delle etichette. Ora tutto potrebbe diventare più semplice. La notizia è di settimana scorsa (vedi pagine 4 e 5). Viene prolungata la vita di tutti gli alimenti poco deperibili come riso, pasta, cioccolata, farina, succhi di frutta… Quegli alimenti con scritto “da consumare preferibilmente entro” saranno ancora buoni da 6 fino a 360 giorni a dipendenza del prodotto. Facciamo un esempio: oggi un chilo di pasta scaduta da un mese viene gettato via, non può più essere né venduto, né donato, né consumato; la sua vita si allungherà di un anno. Si stima che 100mila tonnellate di ottimo cibo potranno così venire salvate. Forse nei piccoli negozi troveremo il riso scaduto da un mese a metà prezzo, ma al supermercato? La grande distribuzione ci ha risposto che ci sta pensando. Ci vorrà tempo e c’è tutta una mentalità da cambiare. Dovremmo imparare a usare di più i sensi per capire se un alimento è commestibile o meno. Tenendo ben presente che un terzo di ciò che mangiamo viene importato da regioni dove acqua e cibo scarseggiano. Gettarlo via è da irresponsabili.

Sprechi e precariato in Svizzera di anno in anno crescono di pari passo: 675mila persone vivono sotto la soglia della povertà mentre si gettano via quasi 3 milioni di tonnellate di cibo commestibile. Una vera follia. Una piccola parte (11mila tonnellate l’anno) viene salvata e ridistribuita ai più disagiati in Svizzera da enti benefici, come Tavola Svizzera e Tavolino Magico. Inoltre si moltiplicano le iniziative per salvare cibo. Tutto molto bello. Lo sforzo è lodevole e notevole ma l’impatto purtroppo è minimo. Eppure la Svizzera si è impegnata a ridurre della metà gli sprechi alimentari entro il 2030. La Confederazione sta elaborando un piano d’azione che verrà presentato a inizio 2022. Siamo molto in ritardo, soprattutto se vogliamo costruire una mentalità antisprechi già dalle Elementari.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved