prepariamoci-al-long-covid-delle-fantasie-di-complotto
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
35 min

Afghanistan, la vile ritorsione per una guerra persa

La denuncia della ricercatrice Fereshta Abbasi: ‘Gli afghani vivono un incubo, vittima della crudeltà dei talebani e dell’apatia internazionale’
il commento
1 gior

I replicanti del Pd: la criniera logora chi non ce l’ha

Letta riporta avanti la vecchia guardia del Pd imbarcando anche virologi e sindacalisti. Un partito che ormai funziona come un apparato in stile sovietico
Commento
1 gior

Nella padella del ‘woke’

L’interruzione di un piccolo concerto per ‘appropriazione culturale’ offre l’ennesimo pretesto per sparare sul multiculturalismo
Il commento
2 gior

La normalità di un Festival che doveva fare festa

Se già il Concorso ufficiale non ha luce, altri film sono destinati al buio. E non basta la Piazza, forse servirebbe una spiaggia, come fa Cannes
Commento
3 gior

Presidente, che ne dice di ‘Solarissimo’?

Marco Solari ha regnato più di Raimondo Rezzonico, ma ‘il presidentissimo è solo lui’ (e ‘Solarissimo’ fa troppo Megadirettore: si accettano proposte)
Commento
6 gior

L’ultimo apostolo del male social è Andrew Tate

Misoginia, sessismo, razzismo, omofobia, culto della violenza. I suoi contenuti incarnano il peggio della società, eppure è una webstar. Chi è?
il commento
1 sett

Bruce Springsteen ha perso la voce

Biglietti fino a 5mila dollari, i fan protestano, lui tace e manda avanti il suo manager. Eppure il Boss ci aveva insegnato la coscienza sociale
Commento
1 sett

Lugano senza Borradori, un anno dopo

La scomparsa dell’ex sindaco: un bilancio in chiaroscuro dell’operato del Municipio e uno sguardo verso i futuri appuntamenti elettorali
Commento
1 sett

Carlo Calenda, il guastatore

L’ego del nipote di uno dei maestri della commedia all’italiana rischia di consegnare l’Italia al centro-destra del trio Meloni-Salvini-Berlusconi
La formica rossa
1 sett

Aló Presidente, il richiamo ‘bolivariano’ di Alessandro Speziali

Se gli aperitivi in salsa elettorale iniziano già a metà agosto, come faremo ad arrivare ‘fit’ ad aprile 2023?
laR
 
26.11.2021 - 05:30
Aggiornamento: 17:57

Prepariamoci al ‘Long Covid’ delle fantasie di complotto

Quella dei complottisti è una minoranza, tuttavia il seguito è ampio: quali le conseguenze di una diffusa sfiducia nella scienza e nella politica?

Sono finito in una chat di complottisti. Una chat pubblica, frequentata da poche centinaia di persone, alcune delle quali lì per curiosità o per scherno: evitiamo di ingigantire fenomeni che sono e restano minoritari, sia nella società in generale sia tra chi non condivide alcune o molte decisioni nella gestione della pandemia.

Non parliamo di persone perplesse dall’efficacia di alcune misure o preoccupate dalle conseguenze sociali, politiche ed economiche delle restrizioni o ancora non convinte della completa indipendenza dalla politica e dalle case farmaceutiche della comunità medica e scientifica. Parliamo di persone convinte che il coronavirus sia un’invenzione dei poteri forti per controllare le persone, come del resto già prima l’Aids sarebbe stato inventato per convincere le persone a usare il preservativo perché si facevano troppi figli. Si è discusso anche del ‘gender’ con cui si vuol fare il lavaggio del cervello ai giovani per “omosessualizzarli”, e degli insetti che “vogliono farceli mangiare a tutti i costi perché presto dichiareranno fuorilegge la carne”, grazie anche ai media che ubbidiscono tutti agli ordini di non ho capito bene chi.

Una minoranza, dicevamo, quelli che sostengono queste fantasie di complotto, come il collettivo Wu Ming ha proposto di chiamarle per distinguerle dalle invece sensate ipotesi di complotto. Perché rifiutare storie prive di fondamento e di buon senso non significa dare cieca fiducia a governanti, giornalisti, scienziati eccetera: i complotti esistono davvero, così come errori, conflitti di interesse, incompetenza. Una minoranza, eppure io quella chat non l’ho cercata per documentare quanto siano lunatici gli anti-vaccinisti o per prenderli in giro: ci sono finito perché invitato da un conoscente. E all’interno di quella chat ho trovato altre persone conosciute, frequentazioni online e dal vivo. Persone simpatiche, ragionevoli, che certo non credono alle assurdità di una rete globale di pedofili che vogliono dominare il mondo – uno dei capisaldi del movimento QAnon – ma che al contempo non credono alla “versione ufficiale”. Peraltro a ragione, visto che in quella “versione ufficiale” rientrano anche errori, cattiva comunicazione, incomprensioni e sensazionalismi mediatici. Come è possibile che queste persone, che conosco e con cui spesso ho avuto discussioni anche accese ma sempre costruttive, si trovino lì ad ascoltare queste fantasie di complotto? I motivi possono essere diversi, dal fatto che quelle fantasie danno comunque un senso a quel che accade al fatto che spesso tendiamo a bollare come complottismi anche osservazioni e critiche sensate (è, in estrema e insoddisfacente sintesi, la tesi di Wu Ming 1 nel libro ‘La Q di qomplotto’ recentemente presentato a Mendrisio).

C’è tuttavia un altro interrogativo, forse più urgente vista la situazione in cui ormai ci troviamo: quanto profonda e duratura è la spaccatura che si è formata? Il problema non è tanto se e quando tornerò ad avere quelle “discussioni accese ma costruttive” con i conoscenti finiti in quella chat, ma le conseguenze a lungo termine di una totale – e diffusa, perché non riguarda solo pochi complottisti – mancanza di fiducia verso istituzioni scientifiche, sanitarie e politiche, che certo non può essere compensata da una altrettanto sconsiderata cieca fiducia nelle autorità. La pandemia finirà, ma questo “Long Covid sociale” rischia di rimanere a lungo.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
complotto coronavirus vaccino anti covid
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved