Friborgo
Zurigo
19:45
 
una-legge-covid-adatta-alla-realta
Keystone
Il certificato della discordia
ULTIME NOTIZIE Opinioni
La formica rossa
12 ore

Non gioco più, vado a casa: l’ultradestra piangina e la tivù

Invece di affrontare a viso aperto i risultati delle votazioni dopo mesi di scempiaggini sul Covid, l’Udc si nega alla Rsi
Commento
14 ore

Legge Covid, un assist che il governo ora deve saper cogliere

Il Consiglio federale esce rafforzato dal secondo, chiaro ‘sì’ alle urne. Ma adesso deve agire con maggior risolutezza per contrastare la pandemia
Commento
14 ore

Polo sportivo a Lugano, arriva anche l’assist dei cittadini

Il progetto supera, con un certo agio, lo scoglio del referendum. Iniezione di fiducia per il Municipio che ha segnato la rete decisiva
Commento
2 gior

Lezione di democrazia made in Usa

Kyle Rittenhouse è stato prosciolto dalla giuria del Wisconsin, che considera l’autodifesa più legittima del diritto di non morire crivellato
Commento
2 gior

Una certa simpatia per rettori e referendum

È arduo identificare una gerarchia: come salvaguardare la salute della democrazia senza proteggere quella dei cittadini?
LA TRAVE NELL’OCCHIO
3 gior

La normalizzazione dell’indecenza

Nei dizionari aggiornati trovate un termine ritornato di moda: cachistocrazia, ossia “governo dei peggiori e dei mediocri”
Commento
3 gior

Rete Uno: trattateci come esseri intelligenti, vi prego

Raramente mi deprimo e raramente inizio di malumore una giornata. Ma da una decina di giorni, ascoltando Rete Uno, mi capita ogni giorno
Commento
3 gior

Prepariamoci al ‘Long Covid’ delle fantasie di complotto

Quella dei complottisti è una minoranza, tuttavia il seguito è ampio: quali le conseguenze di una diffusa sfiducia nella scienza e nella politica?
Commento
4 gior

La diplomazia del ping Peng

Cina vs Usa: l’affare Peng Shuai, le Olimpiadi di Pechino, i 50 anni dal disgelo creato attorno al tennistavolo. Le vecchie strategie di due vecchi nemici
Commento
5 gior

Poveri infermieri, eroi usa e getta

Investire nella formazione senza migliorare le condizioni di lavoro è come versare acqua in una brocca bucata
Commento
6 gior

Polo sportivo a Lugano, siamo in zona Cesarini

È grande l’attesa per l’esito del referendum, una sorta di esame per il Municipio, mentre volge al termine l’agguerrita campagna verso il voto
Commento
 
20.11.2021 - 05:300

Una legge Covid adatta alla realtà

Consiglio federale in bambola, sostenitori latitanti: campo libero per i fautori del ‘no’. Ma le loro tesi non reggono. E di alternative non se ne vedono

Bisogna «guardare la realtà in faccia», ha detto il cancelliere austriaco Alexander Schallenberg. Il suo governo lo ha fatto. Ha decretato un lockdown generale: da lunedì 20 giorni di confinamento per tutti, poi solo per i non vaccinati. E dal 1o febbraio 2022 vaccino obbligatorio.

In Svizzera a numeri siamo messi meglio. Ma la quota di adulti vaccinati è la stessa dell’Austria (65% circa). E se mai dovesse crescere ancora (come inesorabilmente fanno da settimane contagi e ricoveri), la sostanza non cambierebbe granché. “Anche quando l’80% circa della popolazione adulta sarà già vaccinata, oltre un milione di persone potranno continuare a essere contagiate, col rischio di una grave malattia. Un sovraccarico del sistema sanitario è perciò assolutamente realistico. Non siamo ancora fuori dalla zona di pericolo”, ha dichiarato alla ‘Nzz’ l’epidemiologo Christian Althaus.

Guardare la realtà in faccia? «Speriamo di poter controllare l’evoluzione della situazione con le misure attuali», si è limitato a dire il ministro della sanità Alain Berset. Troppo poco. Anche perché ci troviamo nel pieno di una rognosa campagna sulla legge Covid. Un Consiglio federale imbambolato, titubante, forse timoroso di urtare la suscettibilità degli indecisi; sostenitori con pochi soldi e ancora meno voglia di esporsi: il risultato è che i fautori del ‘no’ hanno campo libero. E senza solidi argini retorici a contenere gli eccessi dei più sfegatati, quelli che confondono la libertà con l’egoismo, assistiamo a una subdola deriva, che assume persino tratti negazionisti. «La pandemia non è mai esistita», ci è toccato sentire a una recente manifestazione di no-vax a Berna.

Chi non nega l’evidenza (le oltre 11mila persone decedute per Covid-19 in Svizzera; l’efficacia dei vaccini), e parliamo di buona parte dei contrari alla legge Covid, qualche argomento a sostegno del ‘no’ lo porta. Ma la fondatezza delle loro tesi è vicina allo zero. Il Consiglio federale non potrà “decidere arbitrariamente” su restrizioni e allentamenti: non gli vengono attribuite competenze che già non ha sulla base della legge sulle epidemie. La “sorveglianza digitale di massa”, esercitata attraverso l’estensione del tracciamento dei contatti o il controllo del ‘pass’ sanitario? Non è altro che uno spauracchio: i dati restano protetti, più al sicuro di quando – ogni giorno, incuranti dei pericoli – lasciamo le nostre tracce su internet o sui social network.

E poi c’è l’odiato certificato Covid, assurto a simbolo di una gestione bollata come “discriminatoria” della pandemia. A chi piace, francamente? Però permette di andare allo stadio o di bere qualcosa al bar con una certa tranquillità. Il ‘pass’, misura temporanea, più blanda di altre restrizioni e chiusure, è il minore dei mali. Chi lo denigra (come l’Udc) dovrebbe almeno indicare un’alternativa sensata e concreta, non limitarsi alla generica richiesta di una “strategia chiara di uscita dalla pandemia” o a chiedere un aumento delle capacità ospedaliere, peraltro impossibile da realizzare a breve termine.

L’inverno sarà rigido anche in Svizzera, sul piano epidemiologico. Non arriveremo a copiare dall’Austria il lockdown duro e l’obbligo vaccinale. Ma nuove restrizioni e chiusure sono verosimili. Il Consiglio federale le potrà decretare sulla base della legge sulle epidemie, anche senza le modifiche alla legge Covid in votazione il 28. E in caso di ‘no’, il pass non scomparirebbe subito. Ma la situazione è già di per sé difficile, le prospettive tutt’altro che rassicuranti. Chi ce lo fa fare di complicarci la vita, affossando una legge che un minimo la semplifica?

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved