nodo-intermodale-uno-scivolone-per-eccesso-di-slancio
Ti-Press
Per adesso (e chissà per quanto ancora) siamo messi così
ULTIME NOTIZIE Opinioni
La formica rossa
10 ore

Non gioco più, vado a casa: l’ultradestra piangina e la tivù

Invece di affrontare a viso aperto i risultati delle votazioni dopo mesi di scempiaggini sul Covid, l’Udc si nega alla Rsi
Commento
12 ore

Legge Covid, un assist che il governo ora deve saper cogliere

Il Consiglio federale esce rafforzato dal secondo, chiaro ‘sì’ alle urne. Ma adesso deve agire con maggior risolutezza per contrastare la pandemia
Commento
12 ore

Polo sportivo a Lugano, arriva anche l’assist dei cittadini

Il progetto supera, con un certo agio, lo scoglio del referendum. Iniezione di fiducia per il Municipio che ha segnato la rete decisiva
Commento
2 gior

Lezione di democrazia made in Usa

Kyle Rittenhouse è stato prosciolto dalla giuria del Wisconsin, che considera l’autodifesa più legittima del diritto di non morire crivellato
Commento
2 gior

Una certa simpatia per rettori e referendum

È arduo identificare una gerarchia: come salvaguardare la salute della democrazia senza proteggere quella dei cittadini?
LA TRAVE NELL’OCCHIO
3 gior

La normalizzazione dell’indecenza

Nei dizionari aggiornati trovate un termine ritornato di moda: cachistocrazia, ossia “governo dei peggiori e dei mediocri”
Commento
3 gior

Rete Uno: trattateci come esseri intelligenti, vi prego

Raramente mi deprimo e raramente inizio di malumore una giornata. Ma da una decina di giorni, ascoltando Rete Uno, mi capita ogni giorno
Commento
3 gior

Prepariamoci al ‘Long Covid’ delle fantasie di complotto

Quella dei complottisti è una minoranza, tuttavia il seguito è ampio: quali le conseguenze di una diffusa sfiducia nella scienza e nella politica?
Commento
4 gior

La diplomazia del ping Peng

Cina vs Usa: l’affare Peng Shuai, le Olimpiadi di Pechino, i 50 anni dal disgelo creato attorno al tennistavolo. Le vecchie strategie di due vecchi nemici
Commento
 
19.11.2021 - 05:300

Nodo intermodale, uno scivolone per eccesso di slancio

Il pasticcio delle decisioni di Muralto sul comparto stazione annullate dal governo, che ha portato al congelamento dell’intero progetto

È brutto dirlo, ma lo stralcio del credito milionario per il nodo intermodale alla stazione Ffs di Muralto imposto dal Consiglio di Stato è dovuto in primo luogo a un grosso pasticcio nato dalla fretta. La fretta del locale Municipio di presentare al suo Consiglio comunale due messaggi con la garanzia di avere i numeri per farli approvare prima del rinnovo dei poteri comunali, con tutte le incognite che gli sono proprie. Poi ce la si poteva giocare alle urne, in occasione del referendum ampiamente annunciato dall’opposizione con l’appoggio di una vasta porzione di scontenti a traino. Ma lì il contesto è più liquido e la “macchina da guerra” di una gestione dinastica come quella rappresentata dal partito di storica maggioranza – Ordine e Progresso, il locale Ppd – avrebbe avuto tutte le carte per non partire battuto.

A Muralto, invece, le cose sono andate diversamente per un chiaro eccesso di disinvoltura. Così il grosso ingranaggio viario previsto alla stazione si è inceppato di colpo, bloccando di conseguenza una risposta (perfettibile fin che si vuole, e infatti invisa a molti, ma necessaria) a uno sviluppo del trasporto pubblico regionale e urbano che dal dicembre dello scorso anno ha subito un’accelerata epocale.

Il perché si sia giunti a questo stallo che lascia allibiti tutti (Cantone, Cit, Fart, Ffs, utenza e probabilmente pure Comune) sta scritto anche, ma non solo, nella severa sentenza del Consiglio di Stato sui ricorsi inoltrati contro le decisioni del legislativo riguardo ai due messaggi in questione; ovverosia la variante di Pr per tutto il comparto della stazione e il credito di 4,7 milioni per la costruzione di una pensilina grezza per i bus. La prima motivazione addotta dal governo è oggettivamente imbarazzante: nel gioco del “vai e vieni” fra consiglieri comunali dimissionari e nuovi – funzionale, dobbiamo aggiungere, all’ottenimento della maggioranza qualificata necessaria per votare la modifica pianificatoria – la procedura stabilita dalla Legge organica comunale non è stata seguita correttamente. In un caso un consigliere si è dimesso con un’e-mail al sindaco e senza informare il Municipio, e non c’è stata neppure alcuna decisione formale di accettazione (previo esame commissionale) da parte del legislativo. Ci sarebbe anche da discutere sui 5 nuovi entrati la stessa sera del Consiglio comunale: un po’ come chiamare dagli spalti un tifoso perché c’è da tirare il rigore decisivo.

Non sono purtroppo meno gravi, se vogliamo usare questo termine, le altre censure sollevate dal governo: il messaggio sui quasi 5 milioni per la futura pensilina non poteva ottenere l’ok prima che la relativa modifica pianificatoria venisse adottata dal Consiglio di Stato. In più, risultava già a monte non abbastanza approfondito per consentire al legislativo un voto “con piena cognizione di causa”.

Tutti elementi certamente ignoti alla Commissione gestione e finanze del Gran Consiglio, che il 9 novembre, nel suo rapporto sui crediti PaLoc, parlava del nodo intermodale di Muralto come di “un’opera fondamentale nel concetto della nuova mobilità del Locarnese” e faceva “appello esplicito agli attori in gioco affinché ci si adoperi nel risolvere velocemente e con spirito costruttivo le procedure in corso”. Peccato che nel frattempo fosse stato chiesto il Var e, caso rarissimo, il rigore di cui sopra si è tramutato in autogol.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved