mettete-dei-premi-nei-vostri-cannoni
La festa per il Nobel a Muratov (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
il commento
1 ora

Putin e l’arma della grande fame

Bloccare il grano e le navi che lo trasportano, affamando l’Ucraina e le nazioni sottosviluppate. Così Mosca prova a far svoltare la guerra in suo favore
Commento
2 gior

Viaggio nell’arena (flatulente) della Rai

La decisione del direttore generale della tv di Stato italiana di separare i talk show dall’informazione ha sollevato una mezza rivolta
L’ANALISI
2 gior

Non è la panacea, ma proviamoci

La Sfl ha approvato il nuovo format della Super League: 12 squadre e playoff
Commento
2 gior

Il disagio psichico e il circo Barnum dei social

Un tempo erano donne barbute e nani ad attrarre la gente nei circhi, oggi il disagio psichico esposto impietosamente attira i click degli utenti del web
Commento
3 gior

Schröder, poltrone come matrioske

I tedeschi gli chiedono di mollare i suoi incarichi russi e lui ne fa spuntare altri. Il vizio tropical-mediterraneo della sedia incollata non ha confini
Commento
4 gior

L’eterno declino degli Usa

La strage razzista di Buffalo è l’ennesimo, tragico sintomo di un Paese diviso, le cui fratture interne sono speculari alla potenza militare
Commento
4 gior

Il Vescovo di Lugano e il vasetto (vuoto) di marmellata

Il prete del Mendrisiotto, fermato ubriaco e con precedenti accuse di molestie, ci porta a riflettere sul binomio superato di misericordia e giustizia
Commento
5 gior

TiSin, la Lega e l’arte della fuga

I granconsiglieri Aldi e Bignasca abbandonano il sindacato giallo che ha cercato di aggirare la legge sul salario minimo. Eppure molti minimizzavano
Commento
6 gior

Matignon: trent’anni dopo, una donna

Donna, autorevole, di sinistra e di sensibilità ambientale: Élisabeth Borne è la nuova prima ministra francese
Commento
1 sett

Lo Stato e la diligenza del buon padre di famiglia

La retorica della destra è riuscita a fare breccia: il pareggio nei conti pubblici andrà raggiunto entro la fine del 2025
laR
 
09.11.2021 - 05:30
Aggiornamento : 08:06

Mettete dei premi nei vostri cannoni

Il Sacharov al dissidente Navalny, il Nobel a Muratov, direttore dello scomodo Novaya Gazeta: così l’Occidente prova a stanare Putin sui diritti umani

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

È cambiato il vento, Mosca ne dovrà tener conto. Ad Alexei Navalny è andato il premio Sacharov 2021 del Parlamento europeo; al giornalista di opposizione, Dmitrij Muratov, il premio Nobel per la pace. L’Occidente pare aver mutato rotta con la Russia di Vladimir Putin. Se dopo lo scoppio della crisi ucraina nel 2014 si è tentato di evitare qualsiasi tipo di confronto o scontro col Cremlino - adesso si è passati al contrattacco.

Anche perché, denunciano europei e americani, la propaganda nazional-patriottica occidentofobica non accenna a placarsi; chiunque non sia allineato col potere rischia di vedersi appiccicata addosso l’etichetta di “agente straniero”; persino una esperta corrispondente è stata cacciata dal Paese per essere una “minaccia alla sicurezza” nazionale.

Quei premi sono anche una risposta a certe derive comparse con la pandemia. In alcuni siti di notiziari non occidentali è apparso un tastino magico. Se lo si preme scompaiono tutte le notizie, ad esempio sul Covid. Si ottiene così una versione “Covid-free”. Se, invece, si è di cattivo umore un secondo tastino magico propone la cancellazione di notizie negative. Davanti allo schermo apparirà una versione, “struzzo”, del notiziario.

In televisione, in alcuni Paesi non occidentali, tale linea editoriale è già tornata di moda. Come ai tempi della Guerra Fredda si ascoltano telegiornali composti in genere da un 10% di cronaca “neutra”, circa 30% di occupazione politica dei membri del governo, 40% di propaganda del regime garante della felicità nello Stato “migliore” al mondo, 20% di intrattenimento.


Navalny libero (Keystone)

Il risultato è che spesso la gente non sa più cosa succede. Se, ad esempio, in Urss, dove la censura imperava, la popolazione conscia di quella realtà sfogava la voglia di sapere leggendo caterve di libri o guardando i pochi film stranieri disponibili – oggi la situazione è peggiorata, aggravata dalla temporanea chiusura per la pandemia delle frontiere, che vanno aperte presto come garanzia contro certe fandonie.

I soventi inconsapevoli fruitori di social media e navigatori di Internet sono infatti assaliti da una marea di fake news e da affermazioni di dubbia valenza senza avere, spesso, quella preparazione per filtrare i materiali con cui si viene a contatto.

Un caso? A inizio settembre un conoscente ci ha girato la notizia, di fonte russa, secondo cui in Italia la gente stava aspettando lo Sputnik-V. Peccato, però, che Roma avesse a disposizione vaccini di altre marche addirittura per una terza dose. Tale “pezzo” aveva, però, come obiettivo il lettore nazionale per rafforzare la narrativa ufficiale. Ma non solo. La guerra di certi Stati contro le grandi società di internet, ufficialmente per ragioni economiche, nasconde invero il tentativo di mettere loro la museruola e di impedire ai navigatori locali di reperire notizie scomode alle autocrazie. A certe latitudini si parla già di internet nazionale.

Inutile dire che l’attacco alla libertà di espressione e di pensiero nel mondo sta assumendo ora connotati diversi rispetto a quelli del passato e quei rischi, descritti da George Orwell nelle sue opere, stanno diventando ancor più reali. Questi due premi, in sintesi, sono la risposta migliore ai tasti magici e alle veline, un modo anche per svegliare i troppi struzzi.

Leggi anche:

Il Premio Sacharov a Navalny

Premio Nobel per la pace ai giornalisti Ressa e Muratov

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
dmitrij muratov nobel nobel pace premio sacharov russia vladimir putin
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved