sostiene-barbero-sfidando-l-uragano
Lo storico Alessandro Barbero (Wikipedia)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
14 ore

Il disagio psichico e il circo Barnum dei social

Un tempo erano donne barbute e nani ad attrarre la gente nei circhi, oggi il disagio psichico esposto impietosamente attira i click degli utenti del web
Commento
17 ore

Schröder, poltrone come matrioske

I tedeschi gli chiedono di mollare i suoi incarichi russi e lui ne fa spuntare altri. Il vizio tropical-mediterraneo della sedia incollata non ha confini
Commento
1 gior

L’eterno declino degli Usa

La strage razzista di Buffalo è l’ennesimo, tragico sintomo di un Paese diviso, le cui fratture interne sono speculari alla potenza militare
Commento
2 gior

Il Vescovo di Lugano e il vasetto (vuoto) di marmellata

Il prete del Mendrisiotto, fermato ubriaco e con precedenti accuse di molestie, ci porta a riflettere sul binomio superato di misericordia e giustizia
Commento
2 gior

TiSin, la Lega e l’arte della fuga

I granconsiglieri Aldi e Bignasca abbandonano il sindacato giallo che ha cercato di aggirare la legge sul salario minimo. Eppure molti minimizzavano
Commento
3 gior

Matignon: trent’anni dopo, una donna

Donna, autorevole, di sinistra e di sensibilità ambientale: Élisabeth Borne è la nuova prima ministra francese
Commento
4 gior

Lo Stato e la diligenza del buon padre di famiglia

La retorica della destra è riuscita a fare breccia: il pareggio nei conti pubblici andrà raggiunto entro la fine del 2025
Commento
6 gior

A braccetto con Erdogan, pur di avere ragione

Siamo disposti a tutto pur di confermare le nostre tesi, perfino di accompagnarci a Erdogan che impallina i nuovi ingressi Nato per proprio tornaconto
Commento
6 gior

Stampa, di mordacchia in mordacchia

Giornalismo svizzero, da Berna ulteriori restrizioni. Di questo passo l’articolo costituzionale sulla libertà dei media diventerà lettera morta
laR
 
26.10.2021 - 05:30
Aggiornamento : 11:33

Sostiene Barbero (sfidando l’uragano)

Da qualche giorno il famoso medievista è bersaglio di uno ‘shitstorm’ per una sua opinione sulle disparità sociali di genere

di Roberto Antonini, giornalista Rsi
Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Alessandro Barbero è un affermato medievista e certamente, alle nostre latitudini, il più popolare tra gli storici divulgatori. Da qualche giorno è bersaglio di uno “shitstorm” alimentato da social, politici, opinionisti. Come regolarmente succede – in particolare ma non solo – in Italia, il fragore della polemica e la ferocia del linguaggio intimidatorio spazzano via come un uragano forza 12 qualsiasi residuo di confronto: i prêt-à-porter ideologici non lasciano scampo al dialogo, la dialettica viene azzerata dai riflessi pavloviani e da secchiate di insulti. Nel trionfo del digitale, chi non si iscrive nella logica 0 o 1 – sto da una parte o dall’altra – è condannato al pubblico ludibrio e inserito manu militari nella lista di proscrizione del politicamente accettabile.

Il ciclone che ha precipitato Barbero dalla categoria dei geni in quella dei cretini/reazionari è un’intervista che il celebre accademico ha rilasciato al termine di una serie di lezioni sulle donne nella storia. Nella quale, in estrema sintesi, si interroga sui ritardi nel raggiungimento di una reale parità nelle carriere politiche e professionali, chiedendosi se non siano anche da ascrivere a fattori strutturali in un’epoca in cui spavalderia e aggressività, ingredienti più presenti tra i maschi che tra le femmine, aiutano a salire la scala sociale. Barbero non ritiene certo che il cocktail in cui si mescolano tempeste ormonali ed effetti di millenni di storia patriarcale sulla genetica sia di quelli da inserire nei manuali dei migliori drink. Al contrario: in questo prudente accenno di differenza tra i sessi sposa la tesi di chi afferma, sulla base di una casistica del tutto condivisibile, che mediamente se le donne facessero più politica la politica sarebbe migliore.

Ad aprire il fuoco incrociato di reazioni indignate, oltre alla folta schiera di leoni da tastiera e filosofi da emoji, alcuni politici fattisi notare per la qualità non proprio eccelsa delle loro analisi: “Barbero dice castronerie di proporzioni cosmiche” (Carlo Calenda, progressista), “se Barbero vuole conoscere una donna aggressiva può parlare con me dopo che ho letto le sue parole” (Pina Picierno, eurodeputata Pd). Si dileggia. Punto. Si distorce il senso delle parole. Ci si compiace in slogan a effetto. Scorciatoia che evita la riflessione. Alla ricerca disperata di polemiche da alimentare a dismisura fanno la fila alcune firme del giornalismo, scrittori e scrittrici habitué dei salotti televisivi ben in mostra sotto la luce dei riflettori.

La complessità della questione, l’interazione di una storia prettamente patriarcale dalle strutture sociali, religiose, ideologiche prevaricatrici con le componenti neuroscientifiche (ben evidenziate da un classico in materia, antidoto contro i pregiudizi di ogni tipo, ‘Il cervello delle donne’ della neuropsichiatra di Berkeley Louann Brizendine) cancellate con un colpo di spugna. Vietato riflettere. Dialogare è peccato mortale. “Non sento, non vedo ma parlo” sentenziavano in una caricatura umoristica le tre scimmiette sagge. “Il dubbio è uno dei nomi dell’intelligenza” scriveva Jorge Luis Borges. Le parole del grande scrittore argentino ci inducono a pensare che, al di là dei contenuti specifici e discutibili sulle questioni di genere, con l’esaltazione quotidiana delle soluzioni precotte si stia ormai celebrando il funerale della ragione.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
alessandro barbero genere pari opportunità
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved