BOS Bruins
1
Detroit Red Wings
2
fine
(0-0 : 0-1 : 1-1)
FLO Panthers
5
WAS Capitals
4
fine
(1-2 : 0-2 : 4-0)
NJ Devils
2
SJ Sharks
5
fine
(0-1 : 0-3 : 2-1)
MIN Wild
5
ARI Coyotes
2
3. tempo
(1-1 : 3-0 : 1-1)
NAS Predators
6
COB Jackets
0
3. tempo
(3-0 : 2-0 : 1-0)
STL Blues
3
TB Lightning
3
overtime
(0-3 : 2-0 : 1-0 : 0-0)
DAL Stars
2
CAR Hurricanes
0
2. tempo
(1-0 : 1-0)
LA Kings
ANA Ducks
04:30
 
salvini-e-gli-effetti-del-mojito-a-lungo-termine
Selfie per Salvini al Papeete Beach (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
23 ore

La variante Omicron e il nostro egoismo autolesionista

Le nuove mutazioni dipendono anche dal fatto che il virus continua a circolare liberamente nei Paesi dove non si ha accesso al vaccino
La formica rossa
1 gior

Non gioco più, vado a casa: l’ultradestra piangina e la tivù

Invece di affrontare a viso aperto i risultati delle votazioni dopo mesi di scempiaggini sul Covid, l’Udc si nega alla Rsi
Commento
1 gior

Legge Covid, un assist che il governo ora deve saper cogliere

Il Consiglio federale esce rafforzato dal secondo, chiaro ‘sì’ alle urne. Ma adesso deve agire con maggior risolutezza per contrastare la pandemia
Commento
1 gior

Polo sportivo a Lugano, arriva anche l’assist dei cittadini

Il progetto supera, con un certo agio, lo scoglio del referendum. Iniezione di fiducia per il Municipio che ha segnato la rete decisiva
Commento
3 gior

Lezione di democrazia made in Usa

Kyle Rittenhouse è stato prosciolto dalla giuria del Wisconsin, che considera l’autodifesa più legittima del diritto di non morire crivellato
Commento
3 gior

Una certa simpatia per rettori e referendum

È arduo identificare una gerarchia: come salvaguardare la salute della democrazia senza proteggere quella dei cittadini?
LA TRAVE NELL’OCCHIO
4 gior

La normalizzazione dell’indecenza

Nei dizionari aggiornati trovate un termine ritornato di moda: cachistocrazia, ossia “governo dei peggiori e dei mediocri”
Commento
4 gior

Rete Uno: trattateci come esseri intelligenti, vi prego

Raramente mi deprimo e raramente inizio di malumore una giornata. Ma da una decina di giorni, ascoltando Rete Uno, mi capita ogni giorno
Commento
4 gior

Prepariamoci al ‘Long Covid’ delle fantasie di complotto

Quella dei complottisti è una minoranza, tuttavia il seguito è ampio: quali le conseguenze di una diffusa sfiducia nella scienza e nella politica?
Commento
5 gior

La diplomazia del ping Peng

Cina vs Usa: l’affare Peng Shuai, le Olimpiadi di Pechino, i 50 anni dal disgelo creato attorno al tennistavolo. Le vecchie strategie di due vecchi nemici
Commento
6 gior

Poveri infermieri, eroi usa e getta

Investire nella formazione senza migliorare le condizioni di lavoro è come versare acqua in una brocca bucata
Commento
19.10.2021 - 05:300
Aggiornamento : 15:20

Salvini e gli effetti del mojito a lungo termine

Batosta elettorale per il leader della Lega, a cui non viene perdonato più nulla. Eppure fino all’estate del 2019 sembrava inarrestabile

Tutta la destra complottista italiana passa un sacco di tempo a indagare su cosa ci sia dentro ai vaccini, dietro a Big Pharma, attorno a Bill Gates, sopra a Mario Draghi, sotto la politica del Green Pass e nemmeno uno che si sia preso la briga di controllare il mistero più misterioso di tutti: e cioè cosa diavolo contenesse il mojito del Papeete, quello che Matteo Salvini ha tracannato due estati fa pensando di brindare in anticipo alla sua scalata a presidente del Consiglio, rivelatosi invece una specie di indigesta pozione magica al contrario.

All’epoca volava nei sondaggi, appariva in tv praticamente a reti unificate, commentava gli sbarchi, i fondi europei e il Milan, rischiando di confondere Gigi Donnarumma con Carola Rackete, era contemporaneamente a Lampedusa, a Roma, a Milano, a Bibbiano, in discoteca, in fabbrica e in chiesa, tutto talmente a rotta di collo che rischiava di presentarsi con la chiave inglese in pista, il crocifisso in catena di montaggio e il long drink al confessionale. Calpestava avversari politici, irrideva i nemici e quando non ne trovava li inventava, bastava mandare avanti la sua macchina del fango social - la Bestia di Luca Morisi - a rovistare nelle pagine delle cronache locali, lì un povero cristo col passaporto sbagliato beccato a rubare polli si trova sempre. Poi, parlava, col megafono o dal citofono importava poco e cambiava niente: un trionfo.


Salvini a Cernobbio con il pollice in su (Facebook)

Gli altri inseguivano senza capire, arrancavano: potevano dire insensatezze o genialate, attaccarlo o copiarlo, lui sembrava invulnerabile. C’è stato un momento in cui Salvini, come certi scrittori e cantautori osannati acriticamente ma senza più un briciolo di genio, avrebbe potuto fare o dire qualsiasi cosa, declamare Shakespeare in dialetto o rotolarsi nel fango in diretta tv: funzionava.

Il mojito è stato il suo spartiacque, il suo tuffo di Obelix nel calderone di Panoramix: da quel momento non si torna indietro.

Nell’agosto del 2019 si presenta a Pescara chiedendo di essere eletto per salvare il Paese. Si era fatto i conti, non si sa dopo quanti mojiti, e si era convinto di arrivare ad avere la maggioranza in Parlamento senza aver bisogno di nessuno, se non degli alleati più a destra di lui. Il giorno della sfiducia in Parlamento lo sbranarono tutti, Conte lo mise a posto come fa il maestro con l’asino della classe, che incassa e si limita a fare le facce buffe.


Conte vs Salvini il giorno della sfiducia in Parlamento (Keystone)

Nasce un nuovo governo M5S-Pd, senza la Lega. Stare all’opposizione poteva essere il jolly nelle sue mani che gli permetteva di criticare un esecutivo certo non solidissimo. Ma è arrivata la pandemia che ha messo al centro urgenze che hanno oscurato i suoi cavalli di battaglia: spariti i migranti, sparito il tema tasse, soppiantato dagli aiuti economici, sparito lui. Quando il governo Conte vacilla, Salvini si frega le mani, ma fregano lui.

Arriva - a sorpresa - Draghi: non un supereroe (anche se tanti hanno provato a descriverlo così), di sicuro, però, ha una corazza tale che tutte le frecce scoccate da Salvini sono tornate indietro come boomerang. Il leader della Lega, pur di rimanere a galla si allea con l’area no vax-no pass, una minoranza rumorosa, coesa, ma capace di allontanare l’elettorato moderato. Infine vede il suo mago dei social finire dentro a un’inchiesta per droga. Sbanda, sbaglia tempi, temi, modi, candidati. Straperde le elezioni.

Gli effetti del mojito a lungo termine.


Il leader della Lega on la maglia Salvini Premier (Keystone)

Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved