il-monello-uno-degli-ultimi-tenori
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
1 gior

Passeggiata scolastica e crepe nella collegialità

La rituale gita del Consiglio federale fa dimenticare le dissonanze in seno all’Esecutivo emerse a più riprese negli ultimi tempi
L'analisi
2 gior

L’inflazione segna la fine del paradigma ‘a bassa cilindrata’

Buona parte degli economisti sostiene che i rincari sono determinati dall’eccesso di denaro in circolazione, confondendo l’effetto con la causa
Commento
2 gior

Bisogna sconfiggere Putin, non Dostoevskij

Il ministero ucraino della Cultura ha deciso di censurare musica e letteratura russe. Dimenticando che la cultura non fa la guerra
Commento
3 gior

Wonder Woman e il pianoforte a coda abitano nel Luganese

Un annuncio di lavoro richiede alla babysitter doti linguistiche, gastronomiche, pedagogiche, musicali, antropologiche, mediche e non solo
Commento
5 gior

Dopo aver corso per Totti, ora Tommasi corre per Verona

L’ex calciatore della Roma diventa sindaco alla guida di una lista civica appoggiata dal centro-sinistra. Una figura atipica nella politica italiana
Commento
6 gior

La Corte suprema Usa e i suoi imam

Stati a guida repubblicana lancia in resta dopo la sentenza anti-aborto. Dietro c’è una strategia a lungo e tenacemente perseguita
Commento
1 sett

A scuola di TiSin (elogio del cazziatone)

Le motivazioni della sanzione a una delle aziende di Ticino Manufacturing per aver aggirato il salario minimo lasciano aperta la questione politica
Commento
1 sett

M5S, la diversità di essere uguali

Lo strappo di Di Maio ci fa vedere in controluce il mondo quasi alieno e tutte le bugie che il Movimento ha raccontato prima di tutto a sé stesso
l’ospite
1 sett

Le conseguenze della guerra

IL RICORDO
laR
 
12.10.2021 - 05:30
Aggiornamento: 13.10.2021 - 12:14
di Franco Zantonelli

Il ‘monello’, uno degli ultimi tenori

Alex Pedrazzini ha dato il meglio di sé come consigliere di Stato, alla testa del Dipartimento delle Istituzioni

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

L’ultima volta che ho incontrato Alex Pedrazzini era poco prima di un Natale di pochi anni fa, quando la nostra vita ancora non era stata sconvolta dalla pandemia. Con la sua figura imponente se ne stava, avvolto da un mantello e con una lobbia che gli copriva la testa riccioluta, a presidiare una bancarella all’imbocco di via Nassa, a Lugano. Era una bancarella in cui si potevano acquistare oggettini che servivano a finanziare la fondazione Arcobaleno, che si occupa di adozioni a distanza. Con il suo fare schietto, accompagnato da una di quelle considerazioni scherzose che nel suo argomentare non mancavano mai, mi convinse ad acquistare un enorme guanto per proteggermi dal freddo, le cui dimensioni sarebbero andate bene a uno yeti. Alex Pedrazzini, che riusciva a ironizzare pure sul nomignolo di Mammaloturk, affibbiatogli da Giuliano Bignasca, è stato sicuramente uno degli ultimi politici di talento, meglio uno degli ultimi tenori, che abbiano occupato uno scranno del Gran Consiglio.

Il meglio di sé l’aveva comunque dato come Consigliere di Stato, alla testa del Dipartimento delle Istituzioni, approdatovi portandosi dietro le esperienze della direzione di due penitenziari, prima La Stampa poi Champ Dollon. Lo chiamavano “Il monello”, per certe sue prese di posizione poco convenzionali, rispetto a una politica che ancora era ingessata, nonostante sulla scena avesse già fatto irruzione la Lega dei Ticinesi. Fu Fulvio Pelli a coniare quel soprannome, spiegò Alex Pedrazzini. “Perché – disse – considerava che certe mie scelte fossero dettate più che da ponderata valutazione di tutti gli elementi in campo da voglia di sorprendere”. In realtà, in quegli anni turbolenti in cui fu Consigliere di Stato, insieme all’allora comandante della Polizia cantonale, Mauro Dell’Ambrogio, costituì un binomio all’insegna dell’ordine e della sicurezza con pochi eguali nella storia recente del Canton Ticino. Nell’estate del ’92, insediato da poco più di un anno, gli toccò la replica della “Carovana della libertà” leghista, che con Dell’Ambrogio affrontò con uno spiegamento di uomini e mezzi imponente. Lo capirono anche Bignasca e Maspoli i quali, dopo annunci tonitruanti, ripiegarono sull’occupazione della Swissminiatur. L’anno prima, invece, l’autostrada l’avevano occupata davvero ma Alex Pedrazzini non aveva ancora preso del tutto le misure dell’imprevedibilità degli uomini della Lega. Nell’ottobre dello stesso anno ci fu il tentativo di evasione dalla Stampa, finito nel sangue, con l’uccisione di due detenuti. Mi ricordo di una lunga intervista, che feci ad Alex Pedrazzini, nel suo studio di Consigliere di Stato, a Bellinzona, all’indomani di quel sanguinoso episodio, e mi ricordo pure la schiettezza con cui rispose a tutte le domande che gli posi. Non era, insomma, uno di quei politici un po’ scivolosi, sperimentati nel saper riempire del nulla microfoni e taccuini. Alex Pedrazzini, forse anche per questo, non senza una certa invidia, da parte dei suoi colleghi passava per un “monello”: ebbe un grande potere, affrontò momenti e temi delicatissimi, ma non fu mai un uomo di potere. Soprattutto ebbe, sempre, il coraggio delle proprie azioni.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
alex pedrazzini ricordo ultimi tenori
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved