ULTIME NOTIZIE Opinioni
L'analisi
1 ora

Lugano, il Plan B resta criptico

Discussione generale in Consiglio comunale senza colpi di scena: tanto fumo e poche informazioni utili alla cittadinanza
IL COMMENTO
1 gior

La sfida tra Zali, sfinge non più così impassibile, e l’elefante

Le dichiarazioni del direttore del Dt sull’alleanza con l’Udc sono una bomba che rischia di esplodere, e mostrano un mix tra fastidio e preoccupazione
La formica rossa
2 gior

A Carnevale ogni firma vale?

Si dice che in amore e in guerra tutto sia lecito, ma vale lo stesso nella democrazia diretta?
IL COMMENTO
2 gior

Il pallone sgonfiato e la guerra della disinformazione

È probabile che il pallone non costituisse una vera minaccia, ma la sua presenza nei cieli americani ha assunto una forte valenza geopolitica
IL COMMENTO
4 gior

I due estremi del cerchio

Le criticità del settore sociosanitario e quelle del socioeducativo sono intrinsecamente legate: la situazione è preoccupante
IL COMMENTO
5 gior

L’Udc, la destra italiana e la politica del dispetto

Su entrambe le sponde della Tresa si moltiplicano l’ostruzionismo ai soccorsi dei migranti e le ‘idee balzane’ circa le pratiche d’asilo
Il commento
6 gior

Minchia signor Zelensky

Perché Sanremo è Sanremo, ma non è e non potrà mai essere soltanto musica. Per fortuna
IL COMMENTO
1 sett

L’altra battaglia nel cuore di Mosca

Gli equilibri di potere decideranno le sorti della guerra quanto il campo. Cani sciolti, militari e Fsb: Putin sa come mettere gli uni contro gli altri
IL COMMENTO
1 sett

Da Guzmán a Messina Denaro

Affinità e (soprattutto) divergenze tra gli arresti dei due supercriminali
IL RICORDO
laR
 
12.10.2021 - 05:30
Aggiornamento: 13.10.2021 - 12:14

Il ‘monello’, uno degli ultimi tenori

Alex Pedrazzini ha dato il meglio di sé come consigliere di Stato, alla testa del Dipartimento delle Istituzioni

di Franco Zantonelli
il-monello-uno-degli-ultimi-tenori
Ti-Press

L’ultima volta che ho incontrato Alex Pedrazzini era poco prima di un Natale di pochi anni fa, quando la nostra vita ancora non era stata sconvolta dalla pandemia. Con la sua figura imponente se ne stava, avvolto da un mantello e con una lobbia che gli copriva la testa riccioluta, a presidiare una bancarella all’imbocco di via Nassa, a Lugano. Era una bancarella in cui si potevano acquistare oggettini che servivano a finanziare la fondazione Arcobaleno, che si occupa di adozioni a distanza. Con il suo fare schietto, accompagnato da una di quelle considerazioni scherzose che nel suo argomentare non mancavano mai, mi convinse ad acquistare un enorme guanto per proteggermi dal freddo, le cui dimensioni sarebbero andate bene a uno yeti. Alex Pedrazzini, che riusciva a ironizzare pure sul nomignolo di Mammaloturk, affibbiatogli da Giuliano Bignasca, è stato sicuramente uno degli ultimi politici di talento, meglio uno degli ultimi tenori, che abbiano occupato uno scranno del Gran Consiglio.

Il meglio di sé l’aveva comunque dato come Consigliere di Stato, alla testa del Dipartimento delle Istituzioni, approdatovi portandosi dietro le esperienze della direzione di due penitenziari, prima La Stampa poi Champ Dollon. Lo chiamavano “Il monello”, per certe sue prese di posizione poco convenzionali, rispetto a una politica che ancora era ingessata, nonostante sulla scena avesse già fatto irruzione la Lega dei Ticinesi. Fu Fulvio Pelli a coniare quel soprannome, spiegò Alex Pedrazzini. “Perché – disse – considerava che certe mie scelte fossero dettate più che da ponderata valutazione di tutti gli elementi in campo da voglia di sorprendere”. In realtà, in quegli anni turbolenti in cui fu Consigliere di Stato, insieme all’allora comandante della Polizia cantonale, Mauro Dell’Ambrogio, costituì un binomio all’insegna dell’ordine e della sicurezza con pochi eguali nella storia recente del Canton Ticino. Nell’estate del ’92, insediato da poco più di un anno, gli toccò la replica della “Carovana della libertà” leghista, che con Dell’Ambrogio affrontò con uno spiegamento di uomini e mezzi imponente. Lo capirono anche Bignasca e Maspoli i quali, dopo annunci tonitruanti, ripiegarono sull’occupazione della Swissminiatur. L’anno prima, invece, l’autostrada l’avevano occupata davvero ma Alex Pedrazzini non aveva ancora preso del tutto le misure dell’imprevedibilità degli uomini della Lega. Nell’ottobre dello stesso anno ci fu il tentativo di evasione dalla Stampa, finito nel sangue, con l’uccisione di due detenuti. Mi ricordo di una lunga intervista, che feci ad Alex Pedrazzini, nel suo studio di Consigliere di Stato, a Bellinzona, all’indomani di quel sanguinoso episodio, e mi ricordo pure la schiettezza con cui rispose a tutte le domande che gli posi. Non era, insomma, uno di quei politici un po’ scivolosi, sperimentati nel saper riempire del nulla microfoni e taccuini. Alex Pedrazzini, forse anche per questo, non senza una certa invidia, da parte dei suoi colleghi passava per un “monello”: ebbe un grande potere, affrontò momenti e temi delicatissimi, ma non fu mai un uomo di potere. Soprattutto ebbe, sempre, il coraggio delle proprie azioni.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved