Lakers
1
Lugano
3
fine
(1-1 : 0-1 : 0-1)
Zurigo
7
Ginevra
5
fine
(1-1 : 3-4 : 3-0)
Friborgo
5
Berna
3
3. tempo
(1-1 : 0-2 : 4-0)
Ambrì
3
Losanna
2
3. tempo
(0-1 : 2-1 : 1-0)
La Chaux de Fonds
7
Winterthur
0
3. tempo
(1-0 : 6-0 : 0-0)
Kloten
5
Langenthal
2
3. tempo
(0-0 : 4-2 : 1-0)
Sierre
8
Zugo Academy
1
3. tempo
(2-0 : 4-1 : 2-0)
Turgovia
4
Visp
1
3. tempo
(1-0 : 2-1 : 1-0)
il-monello-uno-degli-ultimi-tenori
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
17 ore

Salvini e gli effetti del mojito a lungo termine

Batosta elettorale per il leader della Lega, a cui non viene perdonato più nulla. Eppure fino all’estate del 2019 sembrava inarrestabile
il commento
1 gior

Il vistoso fascismo che non esiste

Al posto di abolirli tutti, come chiedono sinistra e sindacati italiani, si potrebbe cominciare con quello che occupa i palchi dei “no vax no pass”
La formica rossa
1 gior

La differenza tra sindacati forti e quelli supini

La polemica sul patrimonio di Unia nasconde in realtà il desiderio recondito di qualcuno di annichilire le ambizioni dei lavoratori
Commento
3 gior

Il giovane Holden, il Ticino Club e ‘allora le foibe?’

Molino, lavoro, TiSin: a ogni casino che scoppia in questo cantone, i responsabili rispondono parlando d’altro
Commento
4 gior

Il ‘Back in the U.S.S.R.’ di Morisoli e Pamini

Il piano quinquennale dell’Udc: ridurre le tasse ai più abbienti e raggiungere l’equilibrio fiscale a suon di tagli. Ipocrisia? No, lotta distributiva
La formica rossa
5 gior

La volpe, il principe e la truffa del falso nipote

Una storia triste che dimostra come in Ticino, quando si affaccia un emulo di Tewanna Ray, c’è sempre qualcuno che ci casca
Commento
6 gior

I luoghi comuni certificati Unesco

La lista dei patrimoni immateriali era nata per salvare culture morenti, ma da qualche tempo entrano pizze, tango, baguette e chiacchiere all’aperto
La formica rossa
6 gior

Calo demografico, parlare di salari è così brutto?

Di soluzioni dalla politica se ne sentono di ogni: fantasiose o più concrete. Basterebbe pagare stipendi dignitosi, al netto di tante chiacchiere
Commento
1 sett

‘Sciur padrun’ di ieri e di oggi

Dalle mondine in poi i tempi non sono cambiati. Non quando si parla di lavoro e salari degni come capita nel Mendrisiotto
IL RICORDO
 
12.10.2021 - 05:300
Aggiornamento : 13.10.2021 - 12:14

Il ‘monello’, uno degli ultimi tenori

Alex Pedrazzini ha dato il meglio di sé come consigliere di Stato, alla testa del Dipartimento delle Istituzioni

L’ultima volta che ho incontrato Alex Pedrazzini era poco prima di un Natale di pochi anni fa, quando la nostra vita ancora non era stata sconvolta dalla pandemia. Con la sua figura imponente se ne stava, avvolto da un mantello e con una lobbia che gli copriva la testa riccioluta, a presidiare una bancarella all’imbocco di via Nassa, a Lugano. Era una bancarella in cui si potevano acquistare oggettini che servivano a finanziare la fondazione Arcobaleno, che si occupa di adozioni a distanza. Con il suo fare schietto, accompagnato da una di quelle considerazioni scherzose che nel suo argomentare non mancavano mai, mi convinse ad acquistare un enorme guanto per proteggermi dal freddo, le cui dimensioni sarebbero andate bene a uno yeti. Alex Pedrazzini, che riusciva a ironizzare pure sul nomignolo di Mammaloturk, affibbiatogli da Giuliano Bignasca, è stato sicuramente uno degli ultimi politici di talento, meglio uno degli ultimi tenori, che abbiano occupato uno scranno del Gran Consiglio.

Il meglio di sé l’aveva comunque dato come Consigliere di Stato, alla testa del Dipartimento delle Istituzioni, approdatovi portandosi dietro le esperienze della direzione di due penitenziari, prima La Stampa poi Champ Dollon. Lo chiamavano “Il monello”, per certe sue prese di posizione poco convenzionali, rispetto a una politica che ancora era ingessata, nonostante sulla scena avesse già fatto irruzione la Lega dei Ticinesi. Fu Fulvio Pelli a coniare quel soprannome, spiegò Alex Pedrazzini. “Perché – disse – considerava che certe mie scelte fossero dettate più che da ponderata valutazione di tutti gli elementi in campo da voglia di sorprendere”. In realtà, in quegli anni turbolenti in cui fu Consigliere di Stato, insieme all’allora comandante della Polizia cantonale, Mauro Dell’Ambrogio, costituì un binomio all’insegna dell’ordine e della sicurezza con pochi eguali nella storia recente del Canton Ticino. Nell’estate del ’92, insediato da poco più di un anno, gli toccò la replica della “Carovana della libertà” leghista, che con Dell’Ambrogio affrontò con uno spiegamento di uomini e mezzi imponente. Lo capirono anche Bignasca e Maspoli i quali, dopo annunci tonitruanti, ripiegarono sull’occupazione della Swissminiatur. L’anno prima, invece, l’autostrada l’avevano occupata davvero ma Alex Pedrazzini non aveva ancora preso del tutto le misure dell’imprevedibilità degli uomini della Lega. Nell’ottobre dello stesso anno ci fu il tentativo di evasione dalla Stampa, finito nel sangue, con l’uccisione di due detenuti. Mi ricordo di una lunga intervista, che feci ad Alex Pedrazzini, nel suo studio di Consigliere di Stato, a Bellinzona, all’indomani di quel sanguinoso episodio, e mi ricordo pure la schiettezza con cui rispose a tutte le domande che gli posi. Non era, insomma, uno di quei politici un po’ scivolosi, sperimentati nel saper riempire del nulla microfoni e taccuini. Alex Pedrazzini, forse anche per questo, non senza una certa invidia, da parte dei suoi colleghi passava per un “monello”: ebbe un grande potere, affrontò momenti e temi delicatissimi, ma non fu mai un uomo di potere. Soprattutto ebbe, sempre, il coraggio delle proprie azioni.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved