i-permessi-di-soggiorno-tra-legge-e-maschi-alfa
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
1 ora

Presidente, che ne dice di ‘Solarissimo’?

Marco Solari ha regnato più di Raimondo Rezzonico, ma ‘il presidentissimo è solo lui’ (e ‘Solarissimo’ fa troppo Megadirettore: si accettano proposte)
Commento
3 gior

L’ultimo apostolo del male social è Andrew Tate

Misoginia, sessismo, razzismo, omofobia, culto della violenza. I suoi contenuti incarnano il peggio della società, eppure è una webstar. Chi è?
il commento
4 gior

Bruce Springsteen ha perso la voce

Biglietti fino a 5mila dollari, i fan protestano, lui tace e manda avanti il suo manager. Eppure il Boss ci aveva insegnato la coscienza sociale
Commento
5 gior

Lugano senza Borradori, un anno dopo

La scomparsa dell’ex sindaco: un bilancio in chiaroscuro dell’operato del Municipio e uno sguardo verso i futuri appuntamenti elettorali
Commento
6 gior

Carlo Calenda, il guastatore

L’ego del nipote di uno dei maestri della commedia all’italiana rischia di consegnare l’Italia al centro-destra del trio Meloni-Salvini-Berlusconi
La formica rossa
6 gior

Aló Presidente, il richiamo ‘bolivariano’ di Alessandro Speziali

Se gli aperitivi in salsa elettorale iniziano già a metà agosto, come faremo ad arrivare ‘fit’ ad aprile 2023?
Commento
1 sett

Russia, teatro di uno scontro tra due generazioni

I 70enni, ubriachi di propaganda televisiva, appoggiano l’Operazione militare speciale. I minori di quaranta chiedono l’apertura di trattative con Kiev
Commento
1 sett

L’Ucraina e le ambiguità del Papa

Si sbloccano il viaggio a Kiev, l’incontro con Kirill e forse anche con Putin. Bergoglio doveva fugare alcuni dubbi dopo le sue dichiarazioni stonate
Commento
1 sett

È il carovita, bellezza!

La ricomposizione del potere d’acquisto dei salariati risulta auspicabile e priva di rischi: a trarne beneficio sarebbe tutta l’economia
Commento
1 sett

Orbán il sovranista e la ‘purezza razziale’

‘Non vogliamo diventare un popolo di razza mista’, ha detto l’autocrate ungherese che Meloni saluta come ‘leader dei sovranisti’
laR
 
01.10.2021 - 05:30
Aggiornamento: 09:02

I permessi di soggiorno tra legge e maschi alfa

Gobbi continua a venire bacchettato dal Tribunale federale per la prassi con gli stranieri. Che non sono gli unici a doversi preoccupare

«Il fatto grave è vedere una sorta di accettazione generale di questo modo di procedere. È qualcosa che dovrebbe portare a una critica molto forte da parte della società civile, garante della democrazia. Eppure tutto sembra un po’ anestetizzato». Ha ragione da vendere, il granconsigliere verde Nicola Schönenberger, quando commenta l’ennesimo scivolone ticinese in materia di permessi di soggiorno (su ‘laRegione’ di ieri). La vicenda, per chi se la fosse persa: la settimana scorsa il Dipartimento delle istituzioni ha comunicato un cambio di prassi nella concessione dei permessi B, dopo alcune recenti sentenze del Tribunale federale. La questione, in realtà, è tutt’altro che nuova: da anni le corti, anche cantonali, accolgono i ricorsi di chi si vede negato un permesso con ragioni che si rivelano pretestuose davanti alla legge. La legge, appunto: non i Verdi, ma i codici per i quali ha diritto al permesso anche chi, ad esempio, si trova spesso all’estero per ragioni familiari o di lavoro (purché, naturalmente, restino accertati la presenza sul territorio e il legame con esso dal punto di vista professionale). Dovrebbe essere un’ovvietà, in un mondo globalizzato e sempre più avvezzo al telelavoro, ma evidentemente non lo è per chi conta le mutande nei cassetti degli stranieri e controlla se gli è scaduto il latte in frigo.

Potrebbe sembrare un problema che riguarda solo i ‘non patrizi’, ma non è così. Perché se un consigliere di Stato fa il muso davanti ai giudici rivendicando il “mandato popolare dei ticinesi” – dopo che aveva già ostentato la sua “volontà politica” e il “bollir di busecche” per certi altolà giuridici – vuol dire che pone la legittimazione del suo operato al di fuori del diritto, nella pericolosissima zona grigia d’una malintesa ‘volontà generale’ (scusaci tanto, Rousseau). Certo, è ipocrita far le verginelle dei codici e pensare che non vi sia una certa discrezionalità nell’applicarli. Ma questo non giustifica certe posture da maschio alfa, rafforzate dal pietoso anorchidismo di molta politica che dovrebbe denunciarle: il compito dell’esecutivo non è quello di contestare le leggi, né di tirare per anni la corda coi tribunali.

Se poi Norman Gobbi brandisce il consenso di buona parte del legislativo cantonale, beh, due torti non fanno una ragione. Anche i granconsiglieri dovranno pur capire, dai e dai, che è scellerato ramponar consensi cercando di apparire più leghisti della Lega. Anche perché il costante esercizio della forza sui deboli – dimostrato dallo stesso Gran Consiglio, ad esempio, quando si trattò di negare la cittadinanza a chi è in debito con l’assistenza – non investe solo gli stranieri: prima o poi si abbatte su chiunque non sia in grado di difendersi. Non è certo questo il caso dei truffatori e dei mafiosi stranieri, rispetto ai quali invece si guarda troppo spesso dall’altra parte. Tant’è vero che nonostante il recente rafforzamento – del quale va dato merito, questo sì, allo stesso Gobbi – i poliziotti che si occupano di criminalità organizzata in Ticino restano molti meno di quelli spediti a contare pigiamini negli armadi altrui, e la Procura fatica a tener dietro ai reati finanziari. Chissà che il veto di Losanna non offra un ulteriore incentivo a ripartire proprio da lì. Con le busecche un po’ meno bollenti, magari.

Leggi anche:

Permessi di soggiorno, ‘ora non si spari nel mucchio’

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
norman gobbi permessi soggiorno stranieri
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved