i-permessi-di-soggiorno-tra-legge-e-maschi-alfa
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
3 ore

Il giovane Holden, il Ticino Club e ‘allora le foibe?’

Molino, lavoro, TiSin: a ogni casino che scoppia in questo cantone, i responsabili rispondono parlando d’altro
Commento
1 gior

Il ‘Back in the U.S.S.R.’ di Morisoli e Pamini

Il piano quinquennale dell’Udc: ridurre le tasse ai più abbienti e raggiungere l’equilibrio fiscale a suon di tagli. Ipocrisia? No, lotta distributiva
La formica rossa
2 gior

La volpe, il principe e la truffa del falso nipote

Una storia triste che dimostra come in Ticino, quando si affaccia un emulo di Tewanna Ray, c’è sempre qualcuno che ci casca
Commento
3 gior

I luoghi comuni certificati Unesco

La lista dei patrimoni immateriali era nata per salvare culture morenti, ma da qualche tempo entrano pizze, tango, baguette e chiacchiere all’aperto
La formica rossa
3 gior

Calo demografico, parlare di salari è così brutto?

Di soluzioni dalla politica se ne sentono di ogni: fantasiose o più concrete. Basterebbe pagare stipendi dignitosi, al netto di tante chiacchiere
IL RICORDO
4 gior

Il ‘monello’, uno degli ultimi tenori

Alex Pedrazzini ha dato il meglio di sé come consigliere di Stato, alla testa del Dipartimento delle Istituzioni
Commento
4 gior

‘Sciur padrun’ di ieri e di oggi

Dalle mondine in poi i tempi non sono cambiati. Non quando si parla di lavoro e salari degni come capita nel Mendrisiotto
Commento
5 gior

La sfida polacca

Varsavia rilancia il ‘Polexit’ con una sentenza del suo Tribunale costituzionale. Ma la stragrande maggioranza dei cittadini vuole restare nell’Ue
Commento
1 sett

La doppia morale di San Saviano da Facebook

Il recente blackout dei social ha portato tanti a criticare le piattaforme sulle piattaforme stesse, generando paradossali cortocircuiti
Commento
1 sett

Lugano, tandem Foletti-Badaracco: sia davvero una svolta

Pur legittima la candidatura di Quadri, appare sensata la decisione della maggioranza del Municipio sul vicesindacato. Si rifletta ora in azioni concrete.
Commento
 
01.10.2021 - 05:300
Aggiornamento : 09:02

I permessi di soggiorno tra legge e maschi alfa

Gobbi continua a venire bacchettato dal Tribunale federale per la prassi con gli stranieri. Che non sono gli unici a doversi preoccupare

«Il fatto grave è vedere una sorta di accettazione generale di questo modo di procedere. È qualcosa che dovrebbe portare a una critica molto forte da parte della società civile, garante della democrazia. Eppure tutto sembra un po’ anestetizzato». Ha ragione da vendere, il granconsigliere verde Nicola Schönenberger, quando commenta l’ennesimo scivolone ticinese in materia di permessi di soggiorno (su ‘laRegione’ di ieri). La vicenda, per chi se la fosse persa: la settimana scorsa il Dipartimento delle istituzioni ha comunicato un cambio di prassi nella concessione dei permessi B, dopo alcune recenti sentenze del Tribunale federale. La questione, in realtà, è tutt’altro che nuova: da anni le corti, anche cantonali, accolgono i ricorsi di chi si vede negato un permesso con ragioni che si rivelano pretestuose davanti alla legge. La legge, appunto: non i Verdi, ma i codici per i quali ha diritto al permesso anche chi, ad esempio, si trova spesso all’estero per ragioni familiari o di lavoro (purché, naturalmente, restino accertati la presenza sul territorio e il legame con esso dal punto di vista professionale). Dovrebbe essere un’ovvietà, in un mondo globalizzato e sempre più avvezzo al telelavoro, ma evidentemente non lo è per chi conta le mutande nei cassetti degli stranieri e controlla se gli è scaduto il latte in frigo.

Potrebbe sembrare un problema che riguarda solo i ‘non patrizi’, ma non è così. Perché se un consigliere di Stato fa il muso davanti ai giudici rivendicando il “mandato popolare dei ticinesi” – dopo che aveva già ostentato la sua “volontà politica” e il “bollir di busecche” per certi altolà giuridici – vuol dire che pone la legittimazione del suo operato al di fuori del diritto, nella pericolosissima zona grigia d’una malintesa ‘volontà generale’ (scusaci tanto, Rousseau). Certo, è ipocrita far le verginelle dei codici e pensare che non vi sia una certa discrezionalità nell’applicarli. Ma questo non giustifica certe posture da maschio alfa, rafforzate dal pietoso anorchidismo di molta politica che dovrebbe denunciarle: il compito dell’esecutivo non è quello di contestare le leggi, né di tirare per anni la corda coi tribunali.

Se poi Norman Gobbi brandisce il consenso di buona parte del legislativo cantonale, beh, due torti non fanno una ragione. Anche i granconsiglieri dovranno pur capire, dai e dai, che è scellerato ramponar consensi cercando di apparire più leghisti della Lega. Anche perché il costante esercizio della forza sui deboli – dimostrato dallo stesso Gran Consiglio, ad esempio, quando si trattò di negare la cittadinanza a chi è in debito con l’assistenza – non investe solo gli stranieri: prima o poi si abbatte su chiunque non sia in grado di difendersi. Non è certo questo il caso dei truffatori e dei mafiosi stranieri, rispetto ai quali invece si guarda troppo spesso dall’altra parte. Tant’è vero che nonostante il recente rafforzamento – del quale va dato merito, questo sì, allo stesso Gobbi – i poliziotti che si occupano di criminalità organizzata in Ticino restano molti meno di quelli spediti a contare pigiamini negli armadi altrui, e la Procura fatica a tener dietro ai reati finanziari. Chissà che il veto di Losanna non offra un ulteriore incentivo a ripartire proprio da lì. Con le busecche un po’ meno bollenti, magari.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved