ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
15 ore

Con la candidatura di Marchesi, a destra parte la bagarre

Se il presidente Udc verrà eletto in governo, sarà a scapito di un seggio leghista. La Lega dovrà difendersi anche dagli ‘amici’, che però corrono veloce
Commento
15 ore

L’era del tofu merluzzato

Gli italiani disposti a provare qualsiasi cosa pur di vedere un cambiamento. Ma il cambiamento, finché ci saranno Casini e i suoi emuli, pare impossibile
Commento
1 gior

Un’onda nera sull’Italia

L’analisi di Aldo Sofia dopo il voto che ha visto trionfare Giorgia Meloni
Commento
1 gior

Dal ‘sì’ ad Avs 21 segnali chiari alla politica

No a un ulteriore aumento dell’età di pensionamento, no a riforme a scapito delle donne meno abbienti, avanti con quella del secondo pilastro
Commento
3 gior

Zanchi, Bossalini, la malerba e la capacità di rimanere zen

Nella battaglia politica che si combatte attorno al Corpo di polizia di Locarno, la fretta è cattiva consigliera per capodicastero e comandante
La formica rossa
4 gior

Bum! Bal(l)istica elettorale

L’ennesima trovata di Nussbaumer e No Vax assortiti preferisce non prendere le armi, ‘per intanto’
Commento
4 gior

La metamorfosi del franco: da kriptonite ad acquasanta

Di fronte al rialzo dei tassi deciso dalla Bns potremmo ripetere: ‘Jusqu’ici tout va bien’. Ma il problema non sta nella caduta, bensì nell’atterraggio
il commento
5 gior

Il grande ricatto di Putin

Con la mobilitazione parziale la guerra entra in casa di milioni di russi. Washington è convinta che il tempo giocherà contro il leader del Cremlino
Commento
6 gior

Valera è la cosa giusta

Tagliare il traguardo del Puc ha richiesto tempo e coraggio. Anche quello di resistere alle lusinghe delle lobby
Commento
1 sett

Rito dunque sono

Siamo in molti a lasciarci suggestionare dal rituale del saluto alla Regina per la sua capacità di stimolare un senso di riconoscimento trasversale
Commento
1 sett

Putin: troppo piccolo per il Grande Gioco

Il summit di Samarcanda ha rivelato tutte le crepe nelle relazioni tra la Russia, la Cina e gli altri aspiranti a un ‘nuovo ordine mondiale’
laR
 
30.09.2021 - 05:30
Aggiornamento: 13:48

Stefan Blättler, l’accompagnatore che serve all’Mpc

Il 62enne capo della polizia cantonale bernese è stato eletto procuratore generale della Confederazione. Una buona scelta per un’istituzione fragilizzata.

stefan-blattler-l-accompagnatore-che-serve-all-mpc
Keystone
Stefan Blättler, per alcuni è l‘anti-Lauber

Stefan Blättler era a fine carriera. Una carriera senza macchia, fatta quasi per intero nella polizia cantonale bernese, di cui è apprezzato comandante dal 2006. In primavera le dimissioni. Dal 1o gennaio 2022 avrebbe dovuto dirigere l’Istituto svizzero di polizia. Poi i suoi piani sono stati scombussolati. Il posto di procuratore generale della Confederazione – dice lui – non lo ha cercato: sarebbe stata una persona della «cerchia professionale ristretta» a suggerirgli di candidarsi. E così, anziché godersi un ‘buen retiro’ professionale sulle placide rive del lago di Neuchâtel, anticamera di una meritata pensione, questo schivo 62enne si ritroverà presto su una delle poltrone più scomode della Berna federale. Sempre al centro dell’attenzione, coi riflettori dei media puntati addosso e il fiato dei politici sul collo.

Blättler parte con un capitale di fiducia immenso. Ha fatto quasi il pieno dei voti all’Assemblea federale, che ieri lo ha eletto. La Commissione giudiziaria aveva cercato ovunque il profilo ideale, per un anno intero (tre i bandi di concorso!), costellato da indiscrezioni e polemiche. Per il suo presidente, il ‘senatore’ Andrea Caroni, questo «jolly» – che era candidato unico – è la persona giusta per portare finalmente tranquillità in seno al Ministero pubblico della Confederazione (Mpc) dopo gli ultimi, turbolenti anni di Michael Lauber. «So ciò che mi attende, so che le aspettative del pubblico e del Parlamento sono molto elevate», ha dichiarato Blättler.

Le sfide non mancano. Sul piano operativo, complesse inchieste internazionali in ambiti delicati come il terrorismo, la criminalità organizzata, il riciclaggio di denaro, i crimini di guerra; su quello organizzativo, ad esempio, la deteriorata relazione con l’autorità di vigilanza. Il Parlamento ha chiesto al Consiglio federale di concretizzare lo scenario ‘status quo plus’: una Procura federale indipendente, sempre sotto il controllo di un’autorità di vigilanza a sé stante ma rafforzata. Ugualmente da approfondire è l’ipotesi di una direzione collegiale, così come quella di una ripartizione delle competenze tra Mpc e procure cantonali.

Blättler ha al massimo sei anni di tempo. Sembra essere all’altezza del compito. Ha dimostrato di saper portare avanti progetti complessi, come è stato il caso della creazione di una polizia unica per il canton Berna. Non è del mestiere (è un poliziotto, figlio d’arte peraltro): non ha mai lavorato come procuratore. Ma in quanto comandante di lungo corso di un corpo di polizia (e non di uno qualsiasi), ha consuetudine col diritto penale e di procedura penale. D’altro canto, nel suo futuro ruolo, non per forza dovrà condurre di persona delle inchieste.

Dal 1975 quattro dei suoi otto predecessori se ne sono andati più o meno contro la loro volontà. Lui sarà solo un procuratore generale di transizione? L’impressione è che possa essere più di questo. Forse non lascerà una forte impronta. Ma sembra in grado quantomeno di prendere per mano un’istituzione dalla credibilità incrinata. «Prenderò delle misure, se delle misure andranno prese», ha detto. La stessa cautela in passato gli ha fatto dire che, prima di creare nuove leggi, bisogna applicare bene quelle esistenti; e oggi lo porta a indicare nel rafforzamento della collaborazione tra le diverse istituzioni di perseguimento penale, sui piani federale e cantonale, una delle sue priorità.

Consolidare il buono che c’è, piccoli passi in nuove direzioni, senza strattoni: è quanto serve a un’istituzione fragilizzata, che ancora sconta il danno di immagine procuratole dal ‘caso Lauber’ e dalla prescrizione dell’inchiesta Fifa.

Leggi anche:

Stefan Blättler eletto procuratore generale della Confederazione

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved