procuratori-se-il-candidato-non-e-di-area-partitica
A breve nuova tornata di nomine (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
10 ore

Corsia per i Tir nel Mendrisiotto, quando la misura è colma

Nel Distretto spiazzano l’agire dell’autorità federale e il silenzio del Cantone. E monta la voglia di un’azione di protesta
L’analisi
13 ore

Il pacifismo, i valori assoluti e il ‘dilemma del carrello’

Risolvere l’esperimento noto come ‘trolley problem’ mette in crisi certe pretese di superiorità morale
Commento
2 gior

Putin e l’effetto boomerang

Cremlino rassegnato all’allargamento dell’Alleanza atlantica a Svezia e Finlandia. E l’Ucraina ora è dotata di armi pesanti occidentali
sguardo a nord
3 gior

I bastian contrari

Commento
3 gior

È tornato il Wef di lotta e di governo

Dalle tematiche care ai ‘no-global’ fino alle proposte per riformare un sistema economico che ha mostrato tutti i suoi limiti
il commento
4 gior

Putin e l’arma della grande fame

Bloccare il grano e le navi che lo trasportano, affamando l’Ucraina e le nazioni sottosviluppate. Così Mosca prova a far svoltare la guerra in suo favore
Commento
6 gior

Viaggio nell’arena (flatulente) della Rai

La decisione del direttore generale della tv di Stato italiana di separare i talk show dall’informazione ha sollevato una mezza rivolta
L’ANALISI
6 gior

Non è la panacea, ma proviamoci

La Sfl ha approvato il nuovo format della Super League: 12 squadre e playoff
Commento
1 sett

Il disagio psichico e il circo Barnum dei social

Un tempo erano donne barbute e nani ad attrarre la gente nei circhi, oggi il disagio psichico esposto impietosamente attira i click degli utenti del web
Commento
1 sett

Schröder, poltrone come matrioske

I tedeschi gli chiedono di mollare i suoi incarichi russi e lui ne fa spuntare altri. Il vizio tropical-mediterraneo della sedia incollata non ha confini
Commento
1 sett

L’eterno declino degli Usa

La strage razzista di Buffalo è l’ennesimo, tragico sintomo di un Paese diviso, le cui fratture interne sono speculari alla potenza militare
laR
 
24.09.2021 - 05:25
Aggiornamento : 14:12

Procuratori, se il candidato non è di area (partitica)

Il Gran Consiglio sarà chiamato presto a eleggere tre pp. Lottizzazione o competenze? Intanto gli esperti indicano quella che considerano la candidatura migliore

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Ci (ri)siamo. Presto il Gran Consiglio sarà alle prese con un nuovo pacchetto di nomine in magistratura. In questa tornata i novanta deputati saranno chiamati a designare anche tre procuratori: due andranno a incrementare il numero di inquirenti in seguito al potenziamento dell’organico del Ministero pubblico deciso nei mesi scorsi da Consiglio di Stato e parlamento, mentre uno occuperà il posto liberatosi dopo il passaggio di Nicola Respini al Tribunale d’appello. L’elezione di pp e giudici di solito manda in fibrillazione i partiti che con trattative e accordi (oggi tocca a me, domani a te) cercano di spartirsi le poltrone a Palazzo di giustizia, piazzando i candidati appartenenti alle rispettive aree politiche. È quella lottizzazione denunciata a parole, ma praticata al momento delle nomine. Alcune formazioni politiche devono allora aver accusato forti dolori di pancia quando hanno appreso che la Commissione di esperti considera il candidato, che ci risulta essere indipendente, René Libotte, 36 anni, dal 2017 procuratore pubblico del Canton Grigioni, il migliore fra gli aspiranti procuratori reputati idonei a ricoprire la carica. Se cinque periti, in prevalenza ex giudici, ritengono che quella di Libotte, lanciatosi nella corsa senza essere in quota a questo o a quel partito, sia la candidatura migliore (vedi la ‘Regione’ del 14 settembre), qualcosa vorrà pur dire.

L’obiezione è la solita: in base alla Costituzione cantonale è il Gran Consiglio che elegge le toghe, non la Commissione di esperti, tenuta solo a esprimere all’attenzione dei deputati un parere tecnico sulle candidature. D’accordo, tuttavia al parlamento incombe anche la responsabilità di assicurare alla magistratura persone capaci, a prescindere dal loro colore partitico. Oggi, soprattutto oggi, se ci riferiamo unicamente all’autorità giudiziaria di perseguimento penale, il Ministero pubblico ticinese ha bisogno di persone – donne e uomini, appartenenti o non appartenenti a un’area partitica – professionalmente preparate, equilibrate (i pp decidono anche della nostra libertà), in grado di sopportare i duri ritmi di lavoro di un ufficio confrontato con oltre diecimila incarti, tra grandi e piccoli, in entrata all’anno. Ed è su queste persone che i cittadini si augurano cada la scelta del Gran Consiglio. Bene, riguardo ai tre futuri pp siamo in attesa di conoscere le proposte di elezione che la commissione parlamentare ‘Giustizia e diritti’ sottoporrà al plenum.

In prospettiva il parlamento prenda in seria considerazione un cambiamento del sistema di nomina

Crediamo comunque che, in prospettiva, sia necessario, da parte del Gran Consiglio, prendere seriamente in considerazione un cambiamento del sistema di nomina dei procuratori. Per esempio si potrebbe attribuire al parlamento la competenza di designare soltanto la Direzione del Ministero pubblico, ovvero il procuratore generale e i suoi sostituti. Alla Direzione il compito poi di reclutare il resto della squadra, cioè il grosso degli inquirenti: concorso, assessment, contratto. Non sarebbe una novità in Svizzera. In questo modo non sparirebbe del tutto l’influenza dei partiti sulle nomine, dato che la Direzione dell’ufficio continuerebbe a essere eletta dal parlamento. Ma potrebbe ridursi di molto, pensando appunto al resto della squadra. E magari qualche partito non esigerebbe più il contributo finanziario al magistrato che grazie al suo sostegno ha fatto eleggere. Un contributo che, quantomeno all’apparenza, solleva più di un dubbio sull’indipendenza e l’autonomia, come magistrato, di quel pp o di quel giudice. E probabilmente cesserebbero i cambiamenti di casacca (partitica) in zona Cesarini di coloro che con il sistema attuale le tentano tutte pur di farsi eleggere.

Leggi anche:

La commissione Giustizia sente il perito

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
gran consiglio parlamento procuratori pubblici
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved