Venezia
1
Fiorentina
0
fine
(1-0)
procuratori-se-il-candidato-non-e-di-area-partitica
A breve nuova tornata di nomine (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
il commento
17 ore

Il vistoso fascismo che non esiste

Al posto di abolirli tutti, come chiedono sinistra e sindacati italiani, si potrebbe cominciare con quello che occupa i palchi dei “no vax no pass”
La formica rossa
17 ore

La differenza tra sindacati forti e quelli supini

La polemica sul patrimonio di Unia nasconde in realtà il desiderio recondito di qualcuno di annichilire le ambizioni dei lavoratori
Commento
2 gior

Il giovane Holden, il Ticino Club e ‘allora le foibe?’

Molino, lavoro, TiSin: a ogni casino che scoppia in questo cantone, i responsabili rispondono parlando d’altro
Commento
3 gior

Il ‘Back in the U.S.S.R.’ di Morisoli e Pamini

Il piano quinquennale dell’Udc: ridurre le tasse ai più abbienti e raggiungere l’equilibrio fiscale a suon di tagli. Ipocrisia? No, lotta distributiva
La formica rossa
4 gior

La volpe, il principe e la truffa del falso nipote

Una storia triste che dimostra come in Ticino, quando si affaccia un emulo di Tewanna Ray, c’è sempre qualcuno che ci casca
Commento
5 gior

I luoghi comuni certificati Unesco

La lista dei patrimoni immateriali era nata per salvare culture morenti, ma da qualche tempo entrano pizze, tango, baguette e chiacchiere all’aperto
La formica rossa
5 gior

Calo demografico, parlare di salari è così brutto?

Di soluzioni dalla politica se ne sentono di ogni: fantasiose o più concrete. Basterebbe pagare stipendi dignitosi, al netto di tante chiacchiere
IL RICORDO
6 gior

Il ‘monello’, uno degli ultimi tenori

Alex Pedrazzini ha dato il meglio di sé come consigliere di Stato, alla testa del Dipartimento delle Istituzioni
Commento
6 gior

‘Sciur padrun’ di ieri e di oggi

Dalle mondine in poi i tempi non sono cambiati. Non quando si parla di lavoro e salari degni come capita nel Mendrisiotto
Commento
1 sett

La sfida polacca

Varsavia rilancia il ‘Polexit’ con una sentenza del suo Tribunale costituzionale. Ma la stragrande maggioranza dei cittadini vuole restare nell’Ue
Commento
1 sett

La doppia morale di San Saviano da Facebook

Il recente blackout dei social ha portato tanti a criticare le piattaforme sulle piattaforme stesse, generando paradossali cortocircuiti
Commento
 
24.09.2021 - 05:250
Aggiornamento : 14:12

Procuratori, se il candidato non è di area (partitica)

Il Gran Consiglio sarà chiamato presto a eleggere tre pp. Lottizzazione o competenze? Intanto gli esperti indicano quella che considerano la candidatura migliore

Ci (ri)siamo. Presto il Gran Consiglio sarà alle prese con un nuovo pacchetto di nomine in magistratura. In questa tornata i novanta deputati saranno chiamati a designare anche tre procuratori: due andranno a incrementare il numero di inquirenti in seguito al potenziamento dell’organico del Ministero pubblico deciso nei mesi scorsi da Consiglio di Stato e parlamento, mentre uno occuperà il posto liberatosi dopo il passaggio di Nicola Respini al Tribunale d’appello. L’elezione di pp e giudici di solito manda in fibrillazione i partiti che con trattative e accordi (oggi tocca a me, domani a te) cercano di spartirsi le poltrone a Palazzo di giustizia, piazzando i candidati appartenenti alle rispettive aree politiche. È quella lottizzazione denunciata a parole, ma praticata al momento delle nomine. Alcune formazioni politiche devono allora aver accusato forti dolori di pancia quando hanno appreso che la Commissione di esperti considera il candidato, che ci risulta essere indipendente, René Libotte, 36 anni, dal 2017 procuratore pubblico del Canton Grigioni, il migliore fra gli aspiranti procuratori reputati idonei a ricoprire la carica. Se cinque periti, in prevalenza ex giudici, ritengono che quella di Libotte, lanciatosi nella corsa senza essere in quota a questo o a quel partito, sia la candidatura migliore (vedi la ‘Regione’ del 14 settembre), qualcosa vorrà pur dire.

L’obiezione è la solita: in base alla Costituzione cantonale è il Gran Consiglio che elegge le toghe, non la Commissione di esperti, tenuta solo a esprimere all’attenzione dei deputati un parere tecnico sulle candidature. D’accordo, tuttavia al parlamento incombe anche la responsabilità di assicurare alla magistratura persone capaci, a prescindere dal loro colore partitico. Oggi, soprattutto oggi, se ci riferiamo unicamente all’autorità giudiziaria di perseguimento penale, il Ministero pubblico ticinese ha bisogno di persone – donne e uomini, appartenenti o non appartenenti a un’area partitica – professionalmente preparate, equilibrate (i pp decidono anche della nostra libertà), in grado di sopportare i duri ritmi di lavoro di un ufficio confrontato con oltre diecimila incarti, tra grandi e piccoli, in entrata all’anno. Ed è su queste persone che i cittadini si augurano cada la scelta del Gran Consiglio. Bene, riguardo ai tre futuri pp siamo in attesa di conoscere le proposte di elezione che la commissione parlamentare ‘Giustizia e diritti’ sottoporrà al plenum.

In prospettiva il parlamento prenda in seria considerazione un cambiamento del sistema di nomina

Crediamo comunque che, in prospettiva, sia necessario, da parte del Gran Consiglio, prendere seriamente in considerazione un cambiamento del sistema di nomina dei procuratori. Per esempio si potrebbe attribuire al parlamento la competenza di designare soltanto la Direzione del Ministero pubblico, ovvero il procuratore generale e i suoi sostituti. Alla Direzione il compito poi di reclutare il resto della squadra, cioè il grosso degli inquirenti: concorso, assessment, contratto. Non sarebbe una novità in Svizzera. In questo modo non sparirebbe del tutto l’influenza dei partiti sulle nomine, dato che la Direzione dell’ufficio continuerebbe a essere eletta dal parlamento. Ma potrebbe ridursi di molto, pensando appunto al resto della squadra. E magari qualche partito non esigerebbe più il contributo finanziario al magistrato che grazie al suo sostegno ha fatto eleggere. Un contributo che, quantomeno all’apparenza, solleva più di un dubbio sull’indipendenza e l’autonomia, come magistrato, di quel pp o di quel giudice. E probabilmente cesserebbero i cambiamenti di casacca (partitica) in zona Cesarini di coloro che con il sistema attuale le tentano tutte pur di farsi eleggere.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved