ULTIME NOTIZIE Opinioni
Il commento
17 ore

Minchia signor Zelensky

Perché Sanremo è Sanremo, ma non è e non potrà mai essere soltanto musica. Per fortuna
IL COMMENTO
1 gior

L’altra battaglia nel cuore di Mosca

Gli equilibri di potere decideranno le sorti della guerra quanto il campo. Cani sciolti, militari e Fsb: Putin sa come mettere gli uni contro gli altri
IL COMMENTO
2 gior

Da Guzmán a Messina Denaro

Affinità e (soprattutto) divergenze tra gli arresti dei due supercriminali
il commento
3 gior

Tornato Netanyahu, tornate le stragi

Dietro l’escalation di violenza tra israeliani e palestinesi non si può non vedere l’ombra di ‘Bibi’, appena tornato al potere
La formica rossa
5 gior

‘Guerra bbbrutto’

"Esigere la pace" è la presunta soluzione al conflitto in Ucraina di chi si oppone alla consegna dei carri armati a Kiev
IL COMMENTO
5 gior

Soldi finti, pirati veri

Riflessioni sulle dinamiche che, negli ultimi anni, hanno portato al fallimento della squadra rossoblù
IL COMMENTO
6 gior

Lugano sorride alla cultura alternativa. L’ora della svolta?

Diversi segnali positivi, a partire dalla Straordinaria ma non solo, fanno ben sperare nel 2023. La strada è in salita, ci vogliono pazienza e volontà
il commento
1 sett

Carri armati a mezzanotte

La Germania sblocca la fornitura di Leopard, che aiuterà l’Ucraina, ma indispettisce il Cremlino
IL COMMENTO
1 sett

Le parole della politica (sono importanti)

La sfiducia del Consiglio comunale di Mendrisio nei confronti dei vertici del dicastero Aziende ha portato all’esonero del municipale responsabile
laR
 
13.09.2021 - 05:30
Aggiornamento: 12:14

I talebani, Guantanamo e noi

Svanisce definitivamente l’illusione che al bipolarismo della guerra fredda potesse seguire un periodo di tolleranza tra le nazioni e di 'democrazia a volontà'

di Roberto Antonini, giornalisti Rsi
i-talebani-guantanamo-e-noi
4 detenuti liberati alcuni anni fa dal carcere americano a Cuba, fanno parte del nuovo governo talebano (Keystone)

La rovinosa partenza delle truppe americane da Kabul, con la tragico-grottesca consegna di un intero Paese ai talebani alla viglia della più simbolica delle ricorrenze, è celebrata da un ampio spettro geopolitico. Scontata l’esaltazione dei lugubri barbuti imitatori del profeta e di jihadisti increduli, che ancora non avevano fatto il lutto con la morte del califfato. A festeggiare la disfatta dello zio Sam, oltre agli Stati antagonisti, troviamo a latitudini più vicine a noi anche la variegata schiera di incalliti fan dell’antiamericanismo più viscerale il quale può oggi dunque pasteggiare a champagne. La disfatta, con il suo prezzo inestimabile che pagheranno gli afghani (e in particolare i giovani urbanizzati e le donne che nel ventennio hanno visto la loro scolarizzazione passare dallo 0 all’80%), segna indubbiamente il capolinea di un’intera epoca. Svanisce definitivamente l’illusione che al bipolarismo della guerra fredda potesse seguire un periodo di tolleranza tra le nazioni e di “democrazia a volontà”, la pace “kantiana” o la “fine della storia” a seconda degli esperti, il tutto gestito dal gendarme del mondo.

Le risposte date al terrorismo (inevitabile e giustificata quella del 2001 in Afghanistan, scellerata, devastante e pretestuosa quella di due anni più tardi in Iraq) non si riducono a una considerazione già ampiamente commentata: il tentativo di esportare un modello sociale e istituzionale con le cannoniere. Utile forse ricordare che, sempre in Afghanistan, già i sovietici, impossessatisi di Kabul 42 anni fa con un sanguinoso golpe, dovettero pagare con una guerra devastante (un milione e mezzo di morti) il fallito innesto di un modello socialista laico e più egualitario in un società tribale e fortemente religiosa.

Il vero fallimento gravido di conseguenze durature sta altrove: nell’aver calpestato, in nome della lotta al terrorismo, i principi stessi dello Stato di diritto e la salvaguardia dei diritti umani. Guantanamo è lì per ricordarci che al male Washington ha risposto con il male. Dopo 20 anni di trattamento disumano, 39 prigionieri oggi sono ancora lì ingabbiati, in attesa di un improbabile processo. Come credere che praticando il “waterboarding” o la “rectal rehydration”, autorizzati da George W. Bush (e poi vietati da Barack Obama), si possa guadagnare credibilità? Come immaginare che i 4 detenuti liberati alcuni anni fa dal carcere americano a Cuba, in uno scambio con un ostaggio statunitense, e da poco entrati… nel governo talebano, possano ora promuovere valori vicini a quelli su cui abbiamo fondato la nostra democrazia? E che dire dei droni che nella caccia ai jihadisti nelle montagne pakistane hanno lasciato dietro di sé una lunga scia di orrore tra civili innocenti?

Il danno per la difesa dei diritti umani è di quelli pesanti: il “faro della democrazia” è quasi spento, altri, dalla Russia alla Cina (“libertà, democrazia e diritti umani sono diventati uno strumento del capitalismo” proclama il Quotidiano del Popolo) non aspettavano altro per prendere a mazzate, con ancora maggior vigore, quei valori che loro più o meno ignorano e che dovrebbero proteggere tutti noi da abusi, prevaricazioni, dittature.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved