i-talebani-guantanamo-e-noi
4 detenuti liberati alcuni anni fa dal carcere americano a Cuba, fanno parte del nuovo governo talebano (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
LA TRAVE NELL’OCCHIO
1 ora

Ricchezza: pochi su e tanti giù

L’aumento delle disuguaglianze impone di ripensare un modello di sviluppo dominato dalla ‘teoria dello sgocciolamento’. Anche in Ticino
Commento
5 ore

La ‘strigliata’ di Vitta e una politica che deve guardare al futuro

Rilancio del Cantone e riequilibrio delle finanze, finora il menu uscito dai partiti è vario ma confuso. Serviranno sintesi e convergenze: ‘Non si scappa’
L'ANALISI
1 gior

Scelta intrigante, ma in gioco c’è una fetta di credibilità

A Croci-Torti manca l’esperienza e non l’entusiasmo o la competenza. Quella della nuova dirigenza bianconera è una scommessa che sarebbe disastroso perdere
Commento
1 gior

Putin ha vinto, ma un po’ meno

Il suo partito ha perso forza, ma si impone comunque alle legislative tra abitudine, paura, pressioni e accuse di brogli
Commento
1 gior

Metti la Svizzera nell’‘anglosfera’

Lo strano gioco delle alleanze ha messo la Francia in un angolo. Berna guarda decisa verso Londra e, soprattutto, Washington
Commento
2 gior

A bordocampo uno scaricatore di porto arrossirebbe

La deriva nel linguaggio e nel comportamento del tifo: sui campi di calcio crescono l’aggressività e il turpiloquio facile
Commento
4 gior

Tra spinte gentili e presunte derive autoritarie

L’immunità di gregge è l’obiettivo da raggiungere per buttarsi alle spalle l’incubo Covid. E il pass è uno dei modi. L’altro è l’obbligo vaccinale
Commento
4 gior

Rimborsi per legittima difesa, aridaje

Per colpa di un condizionale mancante bisogna rivotare un’iniziativa che non sta in piedi. Prima i promotori facevano i duri, ora le povere vittime
Commento
4 gior

Più o meno tasse per i super ricchi 

I grandi contribuenti devono essere tassati maggiormente o sgravati? Ci sono due possibili risposte suggerite dalla politica
Commento
 
13.09.2021 - 05:300
Aggiornamento : 12:14

I talebani, Guantanamo e noi

Svanisce definitivamente l’illusione che al bipolarismo della guerra fredda potesse seguire un periodo di tolleranza tra le nazioni e di 'democrazia a volontà'

La rovinosa partenza delle truppe americane da Kabul, con la tragico-grottesca consegna di un intero Paese ai talebani alla viglia della più simbolica delle ricorrenze, è celebrata da un ampio spettro geopolitico. Scontata l’esaltazione dei lugubri barbuti imitatori del profeta e di jihadisti increduli, che ancora non avevano fatto il lutto con la morte del califfato. A festeggiare la disfatta dello zio Sam, oltre agli Stati antagonisti, troviamo a latitudini più vicine a noi anche la variegata schiera di incalliti fan dell’antiamericanismo più viscerale il quale può oggi dunque pasteggiare a champagne. La disfatta, con il suo prezzo inestimabile che pagheranno gli afghani (e in particolare i giovani urbanizzati e le donne che nel ventennio hanno visto la loro scolarizzazione passare dallo 0 all’80%), segna indubbiamente il capolinea di un’intera epoca. Svanisce definitivamente l’illusione che al bipolarismo della guerra fredda potesse seguire un periodo di tolleranza tra le nazioni e di “democrazia a volontà”, la pace “kantiana” o la “fine della storia” a seconda degli esperti, il tutto gestito dal gendarme del mondo.

Le risposte date al terrorismo (inevitabile e giustificata quella del 2001 in Afghanistan, scellerata, devastante e pretestuosa quella di due anni più tardi in Iraq) non si riducono a una considerazione già ampiamente commentata: il tentativo di esportare un modello sociale e istituzionale con le cannoniere. Utile forse ricordare che, sempre in Afghanistan, già i sovietici, impossessatisi di Kabul 42 anni fa con un sanguinoso golpe, dovettero pagare con una guerra devastante (un milione e mezzo di morti) il fallito innesto di un modello socialista laico e più egualitario in un società tribale e fortemente religiosa.

Il vero fallimento gravido di conseguenze durature sta altrove: nell’aver calpestato, in nome della lotta al terrorismo, i principi stessi dello Stato di diritto e la salvaguardia dei diritti umani. Guantanamo è lì per ricordarci che al male Washington ha risposto con il male. Dopo 20 anni di trattamento disumano, 39 prigionieri oggi sono ancora lì ingabbiati, in attesa di un improbabile processo. Come credere che praticando il “waterboarding” o la “rectal rehydration”, autorizzati da George W. Bush (e poi vietati da Barack Obama), si possa guadagnare credibilità? Come immaginare che i 4 detenuti liberati alcuni anni fa dal carcere americano a Cuba, in uno scambio con un ostaggio statunitense, e da poco entrati… nel governo talebano, possano ora promuovere valori vicini a quelli su cui abbiamo fondato la nostra democrazia? E che dire dei droni che nella caccia ai jihadisti nelle montagne pakistane hanno lasciato dietro di sé una lunga scia di orrore tra civili innocenti?

Il danno per la difesa dei diritti umani è di quelli pesanti: il “faro della democrazia” è quasi spento, altri, dalla Russia alla Cina (“libertà, democrazia e diritti umani sono diventati uno strumento del capitalismo” proclama il Quotidiano del Popolo) non aspettavano altro per prendere a mazzate, con ancora maggior vigore, quei valori che loro più o meno ignorano e che dovrebbero proteggere tutti noi da abusi, prevaricazioni, dittature.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved