NJ Devils
2
PHI Flyers
1
2. tempo
(1-1 : 1-0)
CHI Blackhawks
0
SJ Sharks
1
2. tempo
(0-0 : 0-1)
BOS Bruins
1
VAN Canucks
2
2. tempo
(1-1 : 0-1)
ANA Ducks
0
TOR Leafs
0
1. tempo
(0-0)
la-lega-i-padronazzi-e-la-gobba-di-igor
‘Gobba? Quale gobba?’
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
1 gior

Lezione di democrazia made in Usa

Kyle Rittenhouse è stato prosciolto dalla giuria del Wisconsin, che considera l’autodifesa più legittima del diritto di non morire crivellato
Commento
1 gior

Una certa simpatia per rettori e referendum

È arduo identificare una gerarchia: come salvaguardare la salute della democrazia senza proteggere quella dei cittadini?
LA TRAVE NELL’OCCHIO
2 gior

La normalizzazione dell’indecenza

Nei dizionari aggiornati trovate un termine ritornato di moda: cachistocrazia, ossia “governo dei peggiori e dei mediocri”
Commento
2 gior

Rete Uno: trattateci come esseri intelligenti, vi prego

Raramente mi deprimo e raramente inizio di malumore una giornata. Ma da una decina di giorni, ascoltando Rete Uno, mi capita ogni giorno
Commento
2 gior

Prepariamoci al ‘Long Covid’ delle fantasie di complotto

Quella dei complottisti è una minoranza, tuttavia il seguito è ampio: quali le conseguenze di una diffusa sfiducia nella scienza e nella politica?
Commento
3 gior

La diplomazia del ping Peng

Cina vs Usa: l’affare Peng Shuai, le Olimpiadi di Pechino, i 50 anni dal disgelo creato attorno al tennistavolo. Le vecchie strategie di due vecchi nemici
Commento
4 gior

Poveri infermieri, eroi usa e getta

Investire nella formazione senza migliorare le condizioni di lavoro è come versare acqua in una brocca bucata
Commento
5 gior

Polo sportivo a Lugano, siamo in zona Cesarini

È grande l’attesa per l’esito del referendum, una sorta di esame per il Municipio, mentre volge al termine l’agguerrita campagna verso il voto
Commento
6 gior

Molestie e violenze: primo, non tacere.

Dalla ragazza inseguita agli stupri, occorre finirla di normalizzare comportamenti inammissibili. Perché ‘lui è fatto così’ non è una giustificazione.
Commento
1 sett

Un colpo in canna per l’accesso al mercato italiano

Differire l’approvazione dell’Accordo sui frontalieri quale condizione per l’accesso al mercato finanziario italiano da parte delle banche svizzere
Commento
 
10.09.2021 - 05:300
Aggiornamento : 13:56

La Lega, i padronazzi e la gobba di Igor

Pseudosindacato leghista aiuta alcune imprese ad aggirare la nuova legge sul salario minimo per pagare poco i frontalieri. Però va tutto bene, eh

Ricapitolando: c’è un buco nella legge sul salario minimo, una scappatoia che consente di continuare a pagare meno i dipendenti, sempre che a stabilirlo sia un contratto collettivo; alcune aziende corsare vogliono a tutti i costi passarci, da quel buco, sicché si inventano un foglio di carta ad hoc e mettono i dipendenti – perlopiù frontalieri – di fronte al bivio: o firmate per il solito piatto di lenticchie o la porta è lì. La storia sarebbe già sordida così, ma qui arriva la pennellata da maestri, il tocco di classe tipicamente nostrano: a fare da sensale per il nuovo contratto è TiSin, pseudosindacato giallo (pardon, “associazione in difesa del lavoro”) vicino alla Lega dei Ticinesi, con un comitato fondatore che include il capogruppo e la vicecapogruppo in Gran Consiglio. Proprio lo stesso movimento del ‘padroni a casa nostra’, quelli che a sentir loro tirerebbero su un muro a Brogeda.

Ora, invece, viene fuori che approfittare dei ‘tagliàn’ è meglio che cacciarli. Ancora una volta – era già successo con le segretarie frontaliere di Battista Ghiggia, all’epoca candidato agli Stati – il primanostrismo leghista si rivela per quello che è: una congerie di specchietti per le allodole e cianfrusaglie ideologiche lasciate a prender polvere tra un’elezione e la successiva, quando le priorità sono altre. Lo dimostra il silenzio dei diretti interessati, come da consumato copione politico: fingiti morto e l’orso se ne andrà. Chissà cosa ne penseranno ‘i noss gent’, che il ‘Mattino’ aizza ogni domenica contro chiunque abbia il passaporto del colore sbagliato.

Attenzione, però, a non superarli a destra: qui il problema non sono i frontalieri in quanto tali, senza i quali l’economia di questo cantone chiuderebbe domani; lo è semmai un sistema di aziende – non tutte, ma sempre troppe – che li spremono per salari inaccettabili in Ticino alimentando un’economia a basso valore aggiunto, un suk popolato da furbetti che tirano a campare sul lavoro a buon mercato. Un sistema che naturalmente genera frizioni con le componenti più fragili della popolazione residente: è qui che s’innesta il cuneo leghista, teso a sfruttare l’ostilità senza risolverne le ragioni profonde, vuoi mai che gli tocchi inventarsi un altro nemico o addirittura fare lotta sociale di quella vera.

Ora si tratterà di capire cosa fare per proteggere un salario minimo già stenterello: le proposte di intervento e modifica al testo di legge sono parecchie, ma ci vorrà tempo e non sarà facile. Però l’affare TiSin solleva dubbi che trascendono il caso specifico e le stesse ipocrisie leghiste. Ci costringe a chiederci se vogliamo sul serio superare un’economia fatta di scorciatoie, sgravi e sussidi a casaccio, controlli distratti e rendite di posizione; un’economia che magari aiuta a far quadrare i bilanci pubblici e a trovare i soldi per un giardinetto o un’asfaltatura, ma si dimostra sempre più iniqua e insostenibile. Le soluzioni dipendono molto da fattori globali, certo. Ma intanto non aiuta la diffusa tendenza a canticchiare che ‘tout va très bien, Madame la Marquise’. Quel fenomeno di rimozione collettiva per cui persino il direttore dell’Istituto di ricerche economiche ha appena ribadito che no, tranquilli, siamo gagliardi e competitivi. Torna in mente l’Igor di ‘Frankenstein Junior’: “Gobba? Quale gobba?”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved