ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
5 ore

Con la candidatura di Marchesi, a destra parte la bagarre

Se il presidente Udc verrà eletto in governo, sarà a scapito di un seggio leghista. La Lega dovrà difendersi anche dagli ‘amici’, che però corrono veloce
Commento
5 ore

L’era del tofu merluzzato

Gli italiani disposti a provare qualsiasi cosa pur di vedere un cambiamento. Ma il cambiamento, finché ci saranno Casini e i suoi emuli, pare impossibile
Commento
22 ore

Un’onda nera sull’Italia

L’analisi di Aldo Sofia dopo il voto che ha visto trionfare Giorgia Meloni
Commento
1 gior

Dal ‘sì’ ad Avs 21 segnali chiari alla politica

No a un ulteriore aumento dell’età di pensionamento, no a riforme a scapito delle donne meno abbienti, avanti con quella del secondo pilastro
Commento
3 gior

Zanchi, Bossalini, la malerba e la capacità di rimanere zen

Nella battaglia politica che si combatte attorno al Corpo di polizia di Locarno, la fretta è cattiva consigliera per capodicastero e comandante
La formica rossa
4 gior

Bum! Bal(l)istica elettorale

L’ennesima trovata di Nussbaumer e No Vax assortiti preferisce non prendere le armi, ‘per intanto’
Commento
4 gior

La metamorfosi del franco: da kriptonite ad acquasanta

Di fronte al rialzo dei tassi deciso dalla Bns potremmo ripetere: ‘Jusqu’ici tout va bien’. Ma il problema non sta nella caduta, bensì nell’atterraggio
il commento
5 gior

Il grande ricatto di Putin

Con la mobilitazione parziale la guerra entra in casa di milioni di russi. Washington è convinta che il tempo giocherà contro il leader del Cremlino
Commento
6 gior

Valera è la cosa giusta

Tagliare il traguardo del Puc ha richiesto tempo e coraggio. Anche quello di resistere alle lusinghe delle lobby
Commento
1 sett

Rito dunque sono

Siamo in molti a lasciarci suggestionare dal rituale del saluto alla Regina per la sua capacità di stimolare un senso di riconoscimento trasversale
Commento
1 sett

Putin: troppo piccolo per il Grande Gioco

Il summit di Samarcanda ha rivelato tutte le crepe nelle relazioni tra la Russia, la Cina e gli altri aspiranti a un ‘nuovo ordine mondiale’
laR
 
04.09.2021 - 05:30

Giochiamo pur sempre nel campionato svizzero

Competitività, quello che dicono le classifiche di confronto intercantonale

di Generoso Chiaradonna
giochiamo-pur-sempre-nel-campionato-svizzero
Ti-Press

La realtà istituzionale svizzera è così da sempre: si presta, più di quella di altri paesi europei, a stilare classifiche di ogni genere che possono andare dai cantoni più piovosi, a quelli con i prezzi degli alloggi più alti o alle rette degli asili nido più convenienti, passando per l’immancabile graduatoria fiscale. E ogni volta che si compila una classifica, qualunque sia il campionato in cui si gioca, c’è un primo posto e un ultimo. Il campionato del federalismo svizzero, per fortuna senza retrocessione, è composto da 26 squadre.

Il Ticino, stando agli ultimi due studi, uno sulla competitività dei Cantoni (Ubs) e l’altro sulla qualità della localizzazione (Credit Suisse), non primeggia. Non è ultimo, ma rimane nella zona bassa della classifica generale: 21° in un caso e 23° nell’altro. Questo non vuol dire che il potenziale di crescita economica a lungo termine sia nullo o limitato. Semplicemente, rispetto agli altri concorrenti nazionali, le opportunità ticinesi e dei cantoni con i risultati più bassi sono inferiori alla media. Se si allarga il confronto al contesto internazionale, tali realtà sono e restano di gran lunga più competitive di altre regioni del mondo.

Ma cosa ci dicono in realtà queste classifiche? L’indice dell’Ubs è costruito prendendo in esame una serie di parametri, ben 56, riassunti in otto ambiti tematici: struttura economica; innovazione; capitale umano; mercato del lavoro; accessibilità; bacino di competenza; livello dei costi e finanze pubbliche. Per sei di questi il Ticino ha ricevuto un voto non distante dalla media svizzera: sufficiente, diciamo così. In due materie – capitale umano e mercato del lavoro – la valutazione è invece negativa. Gli economisti di Ubs ci stanno dicendo che su questi due punti non siamo messi, obiettivamente, così bene rispetto ad altri cantoni. Non è colpa del termometro se fa freddo o caldo. È così e basta. Questo per dire che la pretesa maggiore competitività ticinese che deriverebbe dalla vicinanza con la Lombardia, ampio bacino di reclutamento di manodopera specializzata, non è veramente tale perché come tutte le medaglie ha due facce: se da un lato non si hanno troppe difficoltà a trovare alti profili professionali oltre confine, la pressione sul mercato del lavoro locale è però tale da spingere molti giovani qualificati a cercare opportunità altrove. Il saldo migratorio interno mostra anche per il 2020 un deflusso dal Ticino verso il resto della Svizzera. Una tendenza in atto da anni, ormai. E questo è un dato, non una congettura.

Anche l’invecchiamento della popolazione, più alto in Ticino, incide sulla scarsa dinamicità del mercato del lavoro locale che presenta sì un tasso di disoccupazione in linea con quello nazionale, ma ha molti più disoccupati di lunga durata. Insomma, se si perde il lavoro, ci vuole più tempo a trovarne un altro. Pure questo è un dato oggettivo. La demografia, infine, incide sulla spesa sociale e sanitaria. E qui entra in gioco lo studio del Credit Suisse sull’indice della qualità della localizzazione (in pratica dove conviene di più, ad aziende e persone, stabilirsi) che dà più peso alla fiscalità. Con una popolazione che invecchia, la spesa pubblica è destinata a crescere e il gettito a calare. I vigorosi tagli fiscali auspicati da qualcuno rischiano solo di appesantire la competitività invece di liberarla. Sarebbe molto meglio concentrarsi su politiche che cerchino di invertire la tendenza demografica, aumentino la partecipazione delle donne al mercato del lavoro e formino adeguatamente il futuro capitale umano. E questo per continuare a giocare nel campionato svizzero.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved