NJ Devils
5
PHI Flyers
2
fine
(1-1 : 1-0 : 3-1)
CHI Blackhawks
0
SJ Sharks
2
fine
(0-0 : 0-1 : 0-1)
BOS Bruins
3
VAN Canucks
2
fine
(1-1 : 0-1 : 2-0)
ANA Ducks
0
TOR Leafs
3
3. tempo
(0-0 : 0-2 : 0-1)
l-afghanistan-e-le-regole-del-grande-gioco
I talebani dentro al palazzo presidenziale (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
1 gior

Lezione di democrazia made in Usa

Kyle Rittenhouse è stato prosciolto dalla giuria del Wisconsin, che considera l’autodifesa più legittima del diritto di non morire crivellato
Commento
1 gior

Una certa simpatia per rettori e referendum

È arduo identificare una gerarchia: come salvaguardare la salute della democrazia senza proteggere quella dei cittadini?
LA TRAVE NELL’OCCHIO
2 gior

La normalizzazione dell’indecenza

Nei dizionari aggiornati trovate un termine ritornato di moda: cachistocrazia, ossia “governo dei peggiori e dei mediocri”
Commento
2 gior

Rete Uno: trattateci come esseri intelligenti, vi prego

Raramente mi deprimo e raramente inizio di malumore una giornata. Ma da una decina di giorni, ascoltando Rete Uno, mi capita ogni giorno
Commento
2 gior

Prepariamoci al ‘Long Covid’ delle fantasie di complotto

Quella dei complottisti è una minoranza, tuttavia il seguito è ampio: quali le conseguenze di una diffusa sfiducia nella scienza e nella politica?
Commento
3 gior

La diplomazia del ping Peng

Cina vs Usa: l’affare Peng Shuai, le Olimpiadi di Pechino, i 50 anni dal disgelo creato attorno al tennistavolo. Le vecchie strategie di due vecchi nemici
Commento
4 gior

Poveri infermieri, eroi usa e getta

Investire nella formazione senza migliorare le condizioni di lavoro è come versare acqua in una brocca bucata
Commento
5 gior

Polo sportivo a Lugano, siamo in zona Cesarini

È grande l’attesa per l’esito del referendum, una sorta di esame per il Municipio, mentre volge al termine l’agguerrita campagna verso il voto
Commento
6 gior

Molestie e violenze: primo, non tacere.

Dalla ragazza inseguita agli stupri, occorre finirla di normalizzare comportamenti inammissibili. Perché ‘lui è fatto così’ non è una giustificazione.
Commento
1 sett

Un colpo in canna per l’accesso al mercato italiano

Differire l’approvazione dell’Accordo sui frontalieri quale condizione per l’accesso al mercato finanziario italiano da parte delle banche svizzere
Commento
17.08.2021 - 05:300
Aggiornamento : 15:44

L’Afghanistan e le regole del Grande Gioco

Puoi arrivare a Kabul e controllare il Paese, ma mai conquistarlo davvero. Succede sempre così, da secoli, con gli stessi errori fatti anche dagli americani

C’è un libro che spiega come sarebbe andata a finire in Afghanistan prima ancora che tutto finisse, prima ancora che tutto iniziasse: prima dell’avanzata dei talebani, rapida, inarrestabile, inevitabile. Prima ancora dell’arrivo degli americani, vent’anni fa, e della famosa e fumosa esportazione della democrazia. Quel libro - che diceva e sapeva già tutto - si chiama “Il Grande Gioco” ed è stato scritto nel 1990, non a caso, da un inglese, Peter Hopkirk. Non prevedeva il futuro, raccontava fatti di un secolo e mezzo prima.

Nel libro le carovane non erano fatte da pick up e carri armati, ma da muli e carri di legno; i ricognitori non erano droni telecomandati, ma esseri umani, esploratori, cartografi: disegnavano mappe - di luoghi e popoli - vedendo le cose da terra e non dall’alto. Se non li ammazzavano prima, scoprivano un sacco di segreti, dell’Afghanistan e di chi l’abitava, capivano come conquistare quella terra, mai però capivano come tenersela stretta.

In quelle terre, nell’Ottocento, russi e britannici si giocavano, appunto, i destini del mondo, gli uni preoccupati dell’avanzata degli altri: i primi temevano un’invasione dall’India, i secondi un’invasione dell’India, e quindi pensarono bene di andare a scannarsi in quel luogo inospitale chiamato Afghanistan, dove il territorio ti diceva di stare alla larga e ancor più i meccanismi tribali che governavano quella gente da sempre. Ci cascarono i britannici, i russi (poi sovietici), ora gli americani, con tutti noi occidentali dietro.


Miliziani talebani entrano trionfanti a Kabul (Keystone)

Investire altri di una missione che è solo tua - e che non gli appartiene - è il primo errore da non fare: fatto, allora come oggi. Il secondo è non capire che una bandiera non fa uno Stato, almeno non sempre, non lì, in un luogo più remoto di quel che sembra, in cui un capo-villaggio può pesare più di un ministro e una milizia locale più dell’intero esercito. I racconti di Hopkirk parlano di un Ottocento che, quando si entra nei dettagli, sembra il Cinquecento, se non preistoria, dove strategie e armi moderne - teoricamente invincibili - si scontrano con una forza superiore, non divinità, ma volontà condivisa di gruppi di persone troppo potenti e troppo legati tra loro per soccombere.

A nulla servirono accordi, ricchezze e promesse dei colonialisti, perché chi era obbligato a cambiare, si trovò - suo malgrado - l'invasore in casa, chi era propenso a farlo non trovò mai un sufficiente senso di protezione. Quando i soldati della regina Vittoria arrivarono a Kabul crearono un governo, ma non un consenso. Finì male, per loro, e per chi ci ha riprovato nei duecento anni a seguire.

Anche nel 2001 gli americani sono arrivati, hanno cacciato i talebani altrove, lontano dalla capitale, ma non dal potere, che in Afghanistan è ovunque, non solo al centro. Hanno armato, male, un esercito afghano che non credeva in se stesso e ancor meno negli americani. Erano tanti, ma fragili, perché combattevano una guerra che non era la loro. Si sono squagliati davanti a un nemico che però gli somiglia. Non è un caso che in molte città i talebani non abbiano dovuto nemmeno sparare un colpo, trovando accordi con capi locali che con lo straniero in casa nulla possono, ma che in realtà tutto possono. E tutti e tutto conoscono. All’esercito afghano mancavano le motivazioni, le ambizioni, le munizioni. All’esercito americano mancava uno che avesse capito le regole, pressoché immutabili, del “Grande Gioco”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved