l-afghanistan-e-le-regole-del-grande-gioco
I talebani dentro al palazzo presidenziale (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
2 gior

L’ultimo apostolo del male social è Andrew Tate

Misoginia, sessismo, razzismo, omofobia, culto della violenza. I suoi contenuti incarnano il peggio della società, eppure è una webstar. Chi è?
il commento
3 gior

Bruce Springsteen ha perso la voce

Biglietti fino a 5mila dollari, i fan protestano, lui tace e manda avanti il suo manager. Eppure il Boss ci aveva insegnato la coscienza sociale
Commento
4 gior

Lugano senza Borradori, un anno dopo

La scomparsa dell’ex sindaco: un bilancio in chiaroscuro dell’operato del Municipio e uno sguardo verso i futuri appuntamenti elettorali
Commento
5 gior

Carlo Calenda, il guastatore

L’ego del nipote di uno dei maestri della commedia all’italiana rischia di consegnare l’Italia al centro-destra del trio Meloni-Salvini-Berlusconi
La formica rossa
5 gior

Aló Presidente, il richiamo ‘bolivariano’ di Alessandro Speziali

Se gli aperitivi in salsa elettorale iniziano già a metà agosto, come faremo ad arrivare ‘fit’ ad aprile 2023?
Commento
6 gior

Russia, teatro di uno scontro tra due generazioni

I 70enni, ubriachi di propaganda televisiva, appoggiano l’Operazione militare speciale. I minori di quaranta chiedono l’apertura di trattative con Kiev
Commento
1 sett

L’Ucraina e le ambiguità del Papa

Si sbloccano il viaggio a Kiev, l’incontro con Kirill e forse anche con Putin. Bergoglio doveva fugare alcuni dubbi dopo le sue dichiarazioni stonate
Commento
1 sett

È il carovita, bellezza!

La ricomposizione del potere d’acquisto dei salariati risulta auspicabile e priva di rischi: a trarne beneficio sarebbe tutta l’economia
Commento
1 sett

Orbán il sovranista e la ‘purezza razziale’

‘Non vogliamo diventare un popolo di razza mista’, ha detto l’autocrate ungherese che Meloni saluta come ‘leader dei sovranisti’
il commento
1 sett

Taiwan, sdraiata su una mina

La visita di Nancy Pelosi è la dimostrazione che ogni mossa eclatante non può far bene all’isola, eppure l’immobilità la condurrà allo stesso destino
17.08.2021 - 05:30
Aggiornamento: 15:44

L’Afghanistan e le regole del Grande Gioco

Puoi arrivare a Kabul e controllare il Paese, ma mai conquistarlo davvero. Succede sempre così, da secoli, con gli stessi errori fatti anche dagli americani

C’è un libro che spiega come sarebbe andata a finire in Afghanistan prima ancora che tutto finisse, prima ancora che tutto iniziasse: prima dell’avanzata dei talebani, rapida, inarrestabile, inevitabile. Prima ancora dell’arrivo degli americani, vent’anni fa, e della famosa e fumosa esportazione della democrazia. Quel libro - che diceva e sapeva già tutto - si chiama “Il Grande Gioco” ed è stato scritto nel 1990, non a caso, da un inglese, Peter Hopkirk. Non prevedeva il futuro, raccontava fatti di un secolo e mezzo prima.

Nel libro le carovane non erano fatte da pick up e carri armati, ma da muli e carri di legno; i ricognitori non erano droni telecomandati, ma esseri umani, esploratori, cartografi: disegnavano mappe - di luoghi e popoli - vedendo le cose da terra e non dall’alto. Se non li ammazzavano prima, scoprivano un sacco di segreti, dell’Afghanistan e di chi l’abitava, capivano come conquistare quella terra, mai però capivano come tenersela stretta.

In quelle terre, nell’Ottocento, russi e britannici si giocavano, appunto, i destini del mondo, gli uni preoccupati dell’avanzata degli altri: i primi temevano un’invasione dall’India, i secondi un’invasione dell’India, e quindi pensarono bene di andare a scannarsi in quel luogo inospitale chiamato Afghanistan, dove il territorio ti diceva di stare alla larga e ancor più i meccanismi tribali che governavano quella gente da sempre. Ci cascarono i britannici, i russi (poi sovietici), ora gli americani, con tutti noi occidentali dietro.


Miliziani talebani entrano trionfanti a Kabul (Keystone)

Investire altri di una missione che è solo tua - e che non gli appartiene - è il primo errore da non fare: fatto, allora come oggi. Il secondo è non capire che una bandiera non fa uno Stato, almeno non sempre, non lì, in un luogo più remoto di quel che sembra, in cui un capo-villaggio può pesare più di un ministro e una milizia locale più dell’intero esercito. I racconti di Hopkirk parlano di un Ottocento che, quando si entra nei dettagli, sembra il Cinquecento, se non preistoria, dove strategie e armi moderne - teoricamente invincibili - si scontrano con una forza superiore, non divinità, ma volontà condivisa di gruppi di persone troppo potenti e troppo legati tra loro per soccombere.

A nulla servirono accordi, ricchezze e promesse dei colonialisti, perché chi era obbligato a cambiare, si trovò - suo malgrado - l'invasore in casa, chi era propenso a farlo non trovò mai un sufficiente senso di protezione. Quando i soldati della regina Vittoria arrivarono a Kabul crearono un governo, ma non un consenso. Finì male, per loro, e per chi ci ha riprovato nei duecento anni a seguire.

Anche nel 2001 gli americani sono arrivati, hanno cacciato i talebani altrove, lontano dalla capitale, ma non dal potere, che in Afghanistan è ovunque, non solo al centro. Hanno armato, male, un esercito afghano che non credeva in se stesso e ancor meno negli americani. Erano tanti, ma fragili, perché combattevano una guerra che non era la loro. Si sono squagliati davanti a un nemico che però gli somiglia. Non è un caso che in molte città i talebani non abbiano dovuto nemmeno sparare un colpo, trovando accordi con capi locali che con lo straniero in casa nulla possono, ma che in realtà tutto possono. E tutti e tutto conoscono. All’esercito afghano mancavano le motivazioni, le ambizioni, le munizioni. All’esercito americano mancava uno che avesse capito le regole, pressoché immutabili, del “Grande Gioco”.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
afghanistan grande gioco joe biden kabul peter hopkirk stati uniti talebani
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved