quando-il-cinema-si-fa-duro-il-festival-inizia-a-giocare
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
17 ore

Lo Stato e la diligenza del buon padre di famiglia

La retorica della destra è riuscita a fare breccia: il pareggio nei conti pubblici andrà raggiunto entro la fine del 2025
Commento
2 gior

A braccetto con Erdogan, pur di avere ragione

Siamo disposti a tutto pur di confermare le nostre tesi, perfino di accompagnarci a Erdogan che impallina i nuovi ingressi Nato per proprio tornaconto
Commento
2 gior

Stampa, di mordacchia in mordacchia

Giornalismo svizzero, da Berna ulteriori restrizioni. Di questo passo l’articolo costituzionale sulla libertà dei media diventerà lettera morta
Commento
3 gior

Lugano, la sinistra riparta da Schönenberger

Positivo che le critiche dell’ex leader abbiano smosso così le acque: giusta la reazione dei vertici cantonali, a Lugano resta molto da fare
Commento
4 gior

Hansjörg Wyss, l’anti-Blocher che si prese il Chelsea

Il magnate bernese ha deciso d’investire 5 miliardi di franchi per mettere le mani sul gioiello calcistico dell’oligarca russo Roman Abramovich
Commento
5 gior

Decreto Morisoli: dicono ‘contenere’, intendono ‘tagliare’

Nelle attuali circostanze costringere lo Stato a raggiungere l’equilibrio fiscale a breve termine è, a rigor di logica, un’assurdità
Commento
6 gior

Due miliardi in più all’esercito, senza sapere bene per cosa

Il Consiglio nazionale approva l’aumento del budget delle forze armate senza garanzie su come verranno spesi i soldi né sulla loro provenienza
l’analisi
6 gior

Un leader che ha dimenticato il futuro

Retorica e bugie per una festa malinconica, in cui lo Zar celebra il passato e ricorda sempre più gli ingialliti gerarchi del secolo scorso
Commento
1 sett

Lo ‘schiaffo’ di Putin a papa Francesco

Il ‘nyet’ dello zar a incontrare il pontefice non ha smosso di un pollice le convinzioni del pacifismo radicale e unidirezionale
Commento
1 sett

L’Usi, il rettore, lo studente e il cliente

Ecco l’equivoco di fondo: un’università che vive sé stessa come azienda, che misura la propria efficacia in termini di iscritti e soddisfatti
Commento
1 sett

La politica non chieda fiducia ai giovani con cambiali in bianco

Molti ragazzi mostrano disinteresse alla cosa pubblica? Si cominci a dialogare davvero, a capire i loro bisogni e aiutarli a costruire il loro futuro
Commento
1 sett

La scienza ci aiuta, aiutiamo la scienza

Un franco investito nella ricerca ne genera tre in termini di nuovi posti di lavoro, brevetti, scoperte. Un buon investimento per il Ticino di domani
laR
 
16.08.2021 - 05:30
Aggiornamento : 13:26

Quando il cinema si fa duro, il festival inizia a giocare

Si è chiusa un'edizione particolare del Locarno film festival, ma le sfide più grandi sono ancora da affrontare

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

“Come hai trovato questo festival?”. È una domanda alla quale non si può sfuggire, in questi giorni, e va bene così: testimonia un attaccamento al festival che è prezioso, anche perché non riguarda solo cinefili e appassionati ma un po’ tutti, inclusi quelli che come risposta ascoltano solo un “era meglio prima”. Prima di cosa poi? Del Covid, dell’ultima direzione artistica, del video on demand, della chiusura del Grand Hotel, dell’avvento del sonoro?
Ma è anche una domanda che mette i brividi, a voler cercare di dare una risposta sensata. Così cerchi di cavartela con uno sguardo un po’ allusivo, soprattutto se a farti quella domanda è il barista che ti sta servendo la birra che tanto hai atteso dopo una giornata passata a correre tra una proiezione e un’intervista. “Eh, capisco…” la replica e finalmente puoi allontanarti con l’agognato bicchiere in mano.
Il Locarno film festival è complesso e con oltre duecento film in programma, quasi la metà in prima mondiale, più gli incontri e le conferenze stampa, è impossibile seguire tutto. Ed è impossibile poter dare un giudizio su tutto, dalla Retrospettiva alla Piazza, dai Pardi di domani al Concorso senza dimenticare gli incontri e la Rotonda (la cosiddetta ‘Locarno experience’ non si limita al cinema). Ma ancora più complessi sono i tempi in cui viviamo. Lo si è già detto: questa edizione del Locarno film festival ha su di sé il peso di tante aspettative, quelle “normali” – la prima di un nuovo direttore artistico, i 50 anni di Piazza Grande, l’avvicinamento all’anniversario del 75º – e quelle straordinarie, con la volontà e la necessità di riaffermare una certa di idea di cinema, di cultura, di vivere insieme in un contesto di misure sanitarie e di fruizione audiovisiva sempre più privata e individualizzata. In questo contesto questa 74ª edizione si è difesa bene: nonostante la concorrenza delle piattaforme di streaming e degli altri festival – tutti più ravvicinati a causa dei rinvii primaverili – si è riusciti ad avere buoni film; gli ospiti internazionali e gli incontri non sono mancati; le misure sanitarie hanno imposto controlli, mascherine e prenotazioni, ma va riconosciuto un notevole sforzo per lasciare i festivalieri più liberi possibile. E questo quando non era scontato, soprattutto per un festival di pubblico come è Locarno, riuscire ad avere una manifestazione completa.
Si è difeso bene, il Locarno film festival, ma adesso che l’emergenza lascerà il posto a una (nuova) normalità bisognerà giocare in attacco. Perché – prendiamo a prestito il discorso di Bluto in ‘Animal House’, proiettato in Piazza Grande venerdì sera in onore di John Landis – “when the going gets tough, the tough get going”, quando il gioco si fa duro i duri iniziano a giocare. E in una situazione in cui non si sa quanta gente tornerà al cinema, il gioco è certamente duro, con il rischio che i festival diventino ancora di più una riserva protetta di un’arte non più popolare. La buona notizia è che tra i duri su cui la squadra del festival può contare c’è un nuovo arrivo: Kevin B. Lee, che tra pochi mesi inizierà il suo incarico di ‘Locarno Film Festival Professor for the Future of Cinema and Audiovisual Arts’ all’Università della Svizzera italiana. Nei primi giorni del festival si è presentato, illustrando brevemente il suo approccio e i suoi progetti, mostrando una grande attenzione ai nuovi linguaggi mediali e un profondo rispetto per la ricchezza dell’esperienza cinematografica, cosa che fa ben sperare.
L’edizione numero 75 sarà importante non solo per l’anniversario che in qualche maniera andrà celebrato, ma ancora di più perché dovrà riaffermare il valore e il senso del cinema e di un festival.
“E quindi, come hai trovato questo festival?”. Diverso. E adesso mi bevo la mia birra, ottimista per le prossime edizioni.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cinema giona nazzaro locarno 74
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved