ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
12 ore

Con la candidatura di Marchesi, a destra parte la bagarre

Se il presidente Udc verrà eletto in governo, sarà a scapito di un seggio leghista. La Lega dovrà difendersi anche dagli ‘amici’, che però corrono veloce
Commento
12 ore

L’era del tofu merluzzato

Gli italiani disposti a provare qualsiasi cosa pur di vedere un cambiamento. Ma il cambiamento, finché ci saranno Casini e i suoi emuli, pare impossibile
Commento
1 gior

Un’onda nera sull’Italia

L’analisi di Aldo Sofia dopo il voto che ha visto trionfare Giorgia Meloni
Commento
1 gior

Dal ‘sì’ ad Avs 21 segnali chiari alla politica

No a un ulteriore aumento dell’età di pensionamento, no a riforme a scapito delle donne meno abbienti, avanti con quella del secondo pilastro
Commento
3 gior

Zanchi, Bossalini, la malerba e la capacità di rimanere zen

Nella battaglia politica che si combatte attorno al Corpo di polizia di Locarno, la fretta è cattiva consigliera per capodicastero e comandante
La formica rossa
4 gior

Bum! Bal(l)istica elettorale

L’ennesima trovata di Nussbaumer e No Vax assortiti preferisce non prendere le armi, ‘per intanto’
Commento
4 gior

La metamorfosi del franco: da kriptonite ad acquasanta

Di fronte al rialzo dei tassi deciso dalla Bns potremmo ripetere: ‘Jusqu’ici tout va bien’. Ma il problema non sta nella caduta, bensì nell’atterraggio
il commento
5 gior

Il grande ricatto di Putin

Con la mobilitazione parziale la guerra entra in casa di milioni di russi. Washington è convinta che il tempo giocherà contro il leader del Cremlino
Commento
6 gior

Valera è la cosa giusta

Tagliare il traguardo del Puc ha richiesto tempo e coraggio. Anche quello di resistere alle lusinghe delle lobby
Commento
1 sett

Rito dunque sono

Siamo in molti a lasciarci suggestionare dal rituale del saluto alla Regina per la sua capacità di stimolare un senso di riconoscimento trasversale
Commento
1 sett

Putin: troppo piccolo per il Grande Gioco

Il summit di Samarcanda ha rivelato tutte le crepe nelle relazioni tra la Russia, la Cina e gli altri aspiranti a un ‘nuovo ordine mondiale’
10.08.2021 - 05:30
Aggiornamento: 15:32

Noi, loro, gli albanesi

Trent'anni fa in 20mila arrivarono a Bari a bordo della Vlora: sognavano l'Italia e la libertà. Ci hanno dimostrato che la convivenza è possibile

noi-loro-gli-albanesi
Lo sbarco della Vlora a Bari, l'8 agosto 1991 (Keystone)

Arrivarono nel porto di Bari l’8 agosto del 1991. Erano in ventimila, tutti sulla stessa nave. Complici i filmati dell’epoca e il mese estivo - in cui in tv non c’era mai niente e fioccavano repliche - non sembrava un tg, non sembrava cronaca. Pareva avessero messo su una Vhs con una scena di massa di qualche vecchio kolossal alla Ben Hur, quando gli effetti speciali non c’erano e le case di produzione non potevano far altro che ammassare comparse.

Li guardavi, gli albanesi, e non capivi come potessero stare in piedi: loro e la Vlora. Si chiamava così, la nave. Voleva dire Valona, ma non lo sapeva nessuno. Non sapevamo un sacco di cose.

Li guardavi e non credevi che potessero starcene così tanti su una nave sola. Eppure a vederli sembravano il doppio, il triplo, il quadruplo. Era come se avessero svuotato tutta l’Albania e l’avessero caricata su una nave direzione Italia, che era dove non potevano andare, ma anche dove volevano andare da sempre.

Parlavano l’italiano perché avevano la tv continuamente sintonizzata sulla Rai: Domenica In, 90° Minuto, Sanremo. Gli stessi programmi che guardavano, con apparecchi migliori, i ticinesi: la loro Svizzera, però, era l’Italia. Sognavano Eros Ramazzotti, Raffaella Carrà e Totò Schillaci.

Oggi quell’invasione la chiameremmo “emergenza umanitaria”. Al tempo non c’era una parola per descrivere quella marea di gente in cerca di libertà. A dire la verità non c’era la forza per aprire bocca e dire una parola, una qualsiasi. Guardavi e pensavi: e ora?


Un gruppo di albanesi mentre scende dalla Vlora (Keystone)

C’è un articolo di Massimo Cirri, bellissimo, scritto nel 2016 per i 25 anni dello sbarco della Vlora. Si trova ancora sul sito del Post. S’intitola “Che fine hanno fatto gli albanesi?”. L’autore ricorda il loro arrivo e le preoccupazioni di tutti: dove li mettiamo? Sono violenti? Non possono tornare a casa loro? La risposta, 25 anni dopo, era che gli albanesi erano spariti dal dibattito pubblico, ma c'erano e non erano più un problema. Facevano - e fanno - soprattutto i muratori; e i cuochi, i cantanti, i calciatori. Insomma vivono, lavorano, si sposano, fanno figli, con italiani e non.

Ora che di anni ne sono passati trenta, alcuni tornano indietro, su navi più comode o in aereo, perché non volevano invadere nessuno: cercavano solo libertà e benessere. E ora che possono avere entrambi anche a casa, tornano a casa. Poi ci sono quelli che ormai l’Italia è casa, come la Svizzera è oggi casa di tanti slavi e albanesi-kosovari scappati dalla miseria e dalla guerra. Basta vedere i nomi di chi gioca in Nazionale, basta vedere le formazioni di Svizzera-Albania a Euro 2016: Xhaka nella Svizzera, Xhaka nell’Albania. Sono i due fratelli Granit e Taulant, che dimostrano come si possa essere due cose diverse essendo però la stessa cosa: esistere senza negare l’altro è la grande lezione degli albanesi che arrivarono tutti assieme diventando silenziosamente parte del tutto. Neri di pelle bianca discriminati e poi accettati da un’Europa impaurita che scopriva - sulla sua, di pelle - i dolori altrui.

Oggi, da un’altra sponda del Mediterraneo, arrivano su barconi di fortuna a decine, centinaia. Mai 20mila per volta, cosa che ci costringerebbe a non far più finta di niente, come allora. Per molti invece resta facile voltare lo sguardo, scrollare le spalle, urlare “noi”, “loro”. Gli albanesi ci hanno dimostrato che il confine tra “loro” e “noi”, se mai c’è, è sottilissimo e, rispetto al Mediterraneo, è anche molto più facile da attraversare.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved