Bologna
1
Roma
0
1. tempo
(1-0)
Inter
1
Spezia
0
1. tempo
(1-0)
DJOKOVIC N. (SRB)
BUBLIK A. (KAZ)
19:45
 
LENZ J. (GER)
2
STRICKER D. (SUI)
0
fine
(7-5 : 7-5)
Langenthal
Visp
19:46
 
il-nemico-dentro-chiesa-speziali-e-il-primo-d-agosto
(YouTube)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
14 ore

Il brusco risveglio nella storia infinita

Déjà vu: dopo aver temporeggiato ora Berna si dice pronta ad adottare nuove misure per contenere la diffusione del virus
Commento
14 ore

Il discorso di candidatura di Zemmour, con de Gaulle e Brassens

Il candidato dell’ultradestra lancia la corsa all’Eliseo con un pippone nel quale infila tutte le vecchie glorie francesi, tra nostalgia e razzismo
Commento
1 gior

La variante Omicron e il nostro egoismo autolesionista

Le nuove mutazioni dipendono anche dal fatto che il virus continua a circolare liberamente nei Paesi dove non si ha accesso al vaccino
La formica rossa
2 gior

Non gioco più, vado a casa: l’ultradestra piangina e la tivù

Invece di affrontare a viso aperto i risultati delle votazioni dopo mesi di scempiaggini sul Covid, l’Udc si nega alla Rsi
Commento
2 gior

Legge Covid, un assist che il governo ora deve saper cogliere

Il Consiglio federale esce rafforzato dal secondo, chiaro ‘sì’ alle urne. Ma adesso deve agire con maggior risolutezza per contrastare la pandemia
Commento
2 gior

Polo sportivo a Lugano, arriva anche l’assist dei cittadini

Il progetto supera, con un certo agio, lo scoglio del referendum. Iniezione di fiducia per il Municipio che ha segnato la rete decisiva
Commento
4 gior

Lezione di democrazia made in Usa

Kyle Rittenhouse è stato prosciolto dalla giuria del Wisconsin, che considera l’autodifesa più legittima del diritto di non morire crivellato
Commento
4 gior

Una certa simpatia per rettori e referendum

È arduo identificare una gerarchia: come salvaguardare la salute della democrazia senza proteggere quella dei cittadini?
LA TRAVE NELL’OCCHIO
5 gior

La normalizzazione dell’indecenza

Nei dizionari aggiornati trovate un termine ritornato di moda: cachistocrazia, ossia “governo dei peggiori e dei mediocri”
Commento
5 gior

Rete Uno: trattateci come esseri intelligenti, vi prego

Raramente mi deprimo e raramente inizio di malumore una giornata. Ma da una decina di giorni, ascoltando Rete Uno, mi capita ogni giorno
Commento
5 gior

Prepariamoci al ‘Long Covid’ delle fantasie di complotto

Quella dei complottisti è una minoranza, tuttavia il seguito è ampio: quali le conseguenze di una diffusa sfiducia nella scienza e nella politica?
Commento
6 gior

La diplomazia del ping Peng

Cina vs Usa: l’affare Peng Shuai, le Olimpiadi di Pechino, i 50 anni dal disgelo creato attorno al tennistavolo. Le vecchie strategie di due vecchi nemici
Commento
1 sett

Poveri infermieri, eroi usa e getta

Investire nella formazione senza migliorare le condizioni di lavoro è come versare acqua in una brocca bucata
Commento
1 sett

Polo sportivo a Lugano, siamo in zona Cesarini

È grande l’attesa per l’esito del referendum, una sorta di esame per il Municipio, mentre volge al termine l’agguerrita campagna verso il voto
Commento
1 sett

Molestie e violenze: primo, non tacere.

Dalla ragazza inseguita agli stupri, occorre finirla di normalizzare comportamenti inammissibili. Perché ‘lui è fatto così’ non è una giustificazione.
DISTRUZIONI PER L’USO
 
03.08.2021 - 05:250
Aggiornamento : 14:37

Il nemico ‘dentro’: Chiesa, Speziali e il primo d’Agosto

Il presidente Udc fomenta la lotta tra città e campagna, ma anche il liberale cede alla retorica del fronte interno. Alla faccia del “tutti per uno”

“Parassiti”. Il presidente dell’Udc Marco Chiesa – camiciola ‘Edelweiss’ d’ordinanza, indice puntato verso la telecamera – ripete questa parola ben quattro volte durante il consueto pistolotto per il “Natale della Patria”. Parassiti sono ovviamente “i clandestini e i criminali” che la “gauche caviar” e gli “estremisti verdi” delle città “coccolano”, mettendo in pericolo la nostra sovranità; parassiti sono i “nuovi gruppi di assistiti che secondo loro devono avere il diritto al sostegno statale e quindi ai nostri soldi”, da non confondere con “i nostri svizzeri che hanno lavorato una vita per il nostro Paese”. Parassita è insomma la stessa sinistra cittadina, e allora guerra sia: “I soldi devono essere tolti alle città che perseguono politiche dannose per il nostro Paese”. Nel giorno in cui altri celebrano l’unione confederata, Chiesa e altri tenori dell’Udc scelgono la divisione, campagna contro città, buoni contro cattivi. Rispetto agli anni passati c’è questa piccola variazione sul tema: l’attacco non è diretto agli infidi stranieri e alla tracotante Europa, ma agli efebici progressisti delle realtà urbane svizzere. Dopo il nemico ‘fuori’, il nemico ‘dentro’.

Non stupisce, c’è sempre un’elezione dietro l’angolo e con essa il bisogno di inventarsi uno spaventapasseri da prendere a vigorosi cazzotti. L’Udc non è mai riuscita a sfondare nelle città e non può più prendersela genericamente con le élite delle quali è divenuta azionista di maggioranza: ecco allora che la sinistra urbana diventa un utile “rimpiazzo”, per usare un’espressione del politologo Michael Hermann. Aiuta anche il fatto che socialisti ed ecologisti parlino effettivamente a un elettorato sempre più borghese e cittadino, come discutiamo oggi qui. Ottimo bersaglio, dunque, per un partito che da anni trionfa nel gioco di prestigio di difendere gli interessi del padrone col gergo del bracciante, in una surreale mezzadria ideologica (trucco molto simile, peraltro, a quello applicato da Donald Trump e dai Brexiteer contro i ‘fighetti’ di New York e Londra, anche se poi è andata com’è andata).

Più preoccupante è il fatto che alla retorica del nemico nascosto tra noi si pieghi qualche liberale, come mostra l’intervento primagostano del presidente cantonale Plr Alessandro Speziali (su laRegione di sabato scorso). Certo, Speziali è molto meno sguaiato, ma le somiglianze di famiglia col discorso dell’ultradestra saltano all’occhio: “Mi pare che la sostanza profonda del Paese”, scrive, “sia minacciata più dall’interno che da fuori”. In questo caso la quinta colonna sarebbe chissà quale sbilenca coalizione di “Joker nel Batman di Nolan – gente che vuole solo vedere la nostra casa comune bruciare”. Tra questi loschi figuri da film, animati da presunto “spirito vandalico”: il giudice del Canton Vaud che in primo grado aveva assolto una dozzina di ambientalisti dopo una partita di tennis nell’atrio di una banca; chi usa il termine “negazionista” verso i bufalari del clima e dei vaccini; quelli che ritengono “retrogrado” chi critica “la dilagante teoria della costruzione di genere”; chi giudica “indecenti” gli sgravi fiscali ai ricchi in piena crisi pandemica, eccetera. Se Speziali ha ragione nel condannare i toni estremi di certi indignati da social network – e anche l’odioso abuso del termine “negazionista” – appare quantomeno puerile cucirli tutti insieme nel pupazzone di un unico e minaccioso nemico, quello che “ci chiede di inginocchiarci in penitenza di fronte ai suoi vitelli d’oro ideologici”. D’altronde non risulta che i liberali siano mai stati zittiti su questi temi. Ragione in più per non tirare in ballo anche il feticcio nixoniano della maggioranza silenziosa, quella che Speziali teme si ritiri “dal confronto per noia o paura di ritorsioni”, lasciando campo libero alle “minoranze ostinate”. Una retorica che mi sarei aspettato da un conservatore più che da un liberale, specie dopo il suo bel discorso all’ultimo comitato cantonale sui temi della libertà e del confronto pragmatico. (Tra l’altro, viene da chiedersi cosa ne pensino i pochi radicali rimasti.)

Fronte interno, pugnalata alle spalle, ‘tradimento’ della borghesia cittadina, minoranza silenziosa: tutti concetti che la destra reazionaria impugna da oltre un secolo in mezz’Europa, proprio quel continente dal quale oggi la politica elvetica rimarca così spesso una sussiegosa distanza. Una retorica agglutinante rivolta a quei ‘noi’ da contrapporre sempre a ‘loro’, a costo di delegittimare il fioretto politico e la dialettica sociale. Una trappola nella quale ormai mettono il piede fin troppo spesso anche i partiti centristi, con buona pace dell’“uno per tutti, tutti per uno” che si compiacciono di celebrare a ogni patriottica costinata. Povero Dumas.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved