Losanna
0
Young Boys
3
2. tempo
(0-2)
SC Kriens
0
Yverdon-sport Fc
1
2. tempo
(0-1)
Salernitana
0
Verona
2
1. tempo
(0-2)
Spezia
1
Juventus
1
1. tempo
(1-1)
JANVIER M. (FRA)
0
STRICKER D. (SUI)
0
1 set
(0-0)
lo-sport-elvetico-degno-del-1-agosto
+3
ULTIME NOTIZIE Opinioni
LA TRAVE NELL’OCCHIO
9 ore

Ricchezza: pochi su e tanti giù

L’aumento delle diseguaglianze impone di ripensare un modello di sviluppo dominato dalla ‘teoria dello sgocciolamento’. Anche in Ticino
Commento
13 ore

La ‘strigliata’ di Vitta e una politica che deve guardare al futuro

Rilancio del Cantone e riequilibrio delle finanze, finora il menu uscito dai partiti è vario ma confuso. Serviranno sintesi e convergenze: ‘Non si scappa’
L'ANALISI
1 gior

Scelta intrigante, ma in gioco c’è una fetta di credibilità

A Croci-Torti manca l’esperienza e non l’entusiasmo o la competenza. Quella della nuova dirigenza bianconera è una scommessa che sarebbe disastroso perdere
Commento
1 gior

Putin ha vinto, ma un po’ meno

Il suo partito ha perso forza, ma si impone comunque alle legislative tra abitudine, paura, pressioni e accuse di brogli
Commento
2 gior

Metti la Svizzera nell’‘anglosfera’

Lo strano gioco delle alleanze ha messo la Francia in un angolo. Berna guarda decisa verso Londra e, soprattutto, Washington
Commento
2 gior

A bordocampo uno scaricatore di porto arrossirebbe

La deriva nel linguaggio e nel comportamento del tifo: sui campi di calcio crescono l’aggressività e il turpiloquio facile
Commento
4 gior

Tra spinte gentili e presunte derive autoritarie

L’immunità di gregge è l’obiettivo da raggiungere per buttarsi alle spalle l’incubo Covid. E il pass è uno dei modi. L’altro è l’obbligo vaccinale
Commento
4 gior

Rimborsi per legittima difesa, aridaje

Per colpa di un condizionale mancante bisogna rivotare un’iniziativa che non sta in piedi. Prima i promotori facevano i duri, ora le povere vittime
Commento
4 gior

Più o meno tasse per i super ricchi 

I grandi contribuenti devono essere tassati maggiormente o sgravati? Ci sono due possibili risposte suggerite dalla politica
Commento
5 gior

Schiave invisibili dei trafficanti

Per incastrare i criminali servono testimoni, ma le vittime vanno difese meglio e sostenute, altrimenti nessuno parla
Commento
02.08.2021 - 05:300
Aggiornamento : 10:46

Lo sport elvetico degno del 1° agosto

La Svizzera è a quota dodici medaglie, ben oltre le aspettative di Swiss Olympic. Quante perle a ridosso della Festa Nazionale, onorata come del resto merita

La medaglia olimpica numero 200 dello sport rossocrociato, altamente simbolica, è al collo di Jérémy Desplanches. È un segno, forse, che l’abbia vinta un campione del nuoto, ispirando l’impresa di Noè Ponti, straordinario bronzo nei 100 delfino. Nel frattempo, però, la Svizzera ne ha conquistate altri, di allori. Siamo a quota dodici – nove dei quali in ambito femminile –, ben oltre le aspettative di Swiss Olympic che ne “chiedeva” sette. Il ritmo è quello dei Giochi invernali, storicamente più legati alla tradizione sportiva elvetica e a discipline quali lo sci alpino e quello acrobatico.

A Tokyo (339 competizioni), per la prima volta la Svizzera ha superato quota dieci che resisteva da Helsinki 1952 (14 podi, per 149 titoli in palio e 6’500 atleti a contenderseli). Da allora, il bottino più pingue fu a Sydney (un oro, sei argenti e due bronzi, 11’000 atleti di 200 Paesi). Sette, per contro, le medaglie portate a casa da Rio 2016.

I Giochi estivi hanno altre regole e, solitamente, altri protagonisti. Tra di essi, stavolta, figurano gli atleti rossocrociati, fedele testimonianza di una cultura sportiva elvetica che sfrutta la ribalta olimpica per svelare tutta la qualità alla quale lavora sottotraccia – fatta eccezione per le discipline di maggiore visibilità –, salvo trovare sfogo nella rassegna che per la sua stessa natura è deputata a esaltare sport definiti sommariamente “minori”, che di minore hanno solo l’impatto mediatico.

Se da un lato è vero che fino a qualche stagione fa le strutture e l’impostazione anche “ideologica” della Confederazione non era concepita per favorire la carriera dello sportivo d’élite e il professionismo, da molto tempo ormai la svolta intrapresa e abbracciata in maniera corale anche a livello politico volge a favore dello sviluppo dello sport, partendo dalla “banale” attività motoria per la salute, su su fino alle eccellenze che rappresentano i colori nazionali nelle più prestigiose competizioni internazionali e nei grandi eventi. Nei quali – Tokyo insegna – i risultati non si sono fatti attendere. Frutto di un lavoro alla base – quindi su capisaldi e principi cardine della socialità quali la scuola e la formazione – e sulle strutture da mettere a disposizione dei talenti, dei quali la Svizzera è comunque storicamente ricca.

Così, quasi a voler ripagare un Paese che tanto ha investito nello sport, gli atleti con la croce rossa sul petto con l’ambizione di vedersi dedicata un’esecuzione del Salmo svizzero hanno pensato bene di “dar di matto” il 31 luglio, così da potersi concedere una festa l’indomani, il 1° Agosto, una volta metabolizzata e commentata la rispettiva impresa. Il bronzo di Noè Ponti nel nuoto, la doppietta elvetica nella finale dei 100 femminile con Ajla Del Ponte (quinta) e Mujinga Kambundji (sesta), l’oro strepitoso di Belinda Bencic nel tennis (argento nel doppio con Viktorika Golubic), quello straordinario di Nina Christen nel tiro, il bronzo di Nikita Ducarroz nella Bmx sono la prova di quanto florido sia il movimento sportivo nazionale. Concentrare tanti successi a ridosso del 1° Agosto è un bellissimo modo di ricordare che “Quando bionda aurora il mattin c’indora” ed è ora di dare il via alla festa che “all’Elvezia serba ognor”.

Guarda tutte le 7 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved