lo-sport-elvetico-degno-del-1-agosto
+3
ULTIME NOTIZIE Opinioni
il commento
6 ore

L’Ucraina e la civetta di Minerva

Usa e Russia strette tra rivendicazioni e muscoli in mostra, ma la guerra non è inevitabile, perché oggi non è nell’interesse di nessuno
Commento
1 gior

Bavaglio ai diritti imbevuto d’alcol

Tennis Australia copre le magliette recanti la scritta ‘Dov’è Peng Shuai?’. Uno degli sponsor del torneo è una storica distilleria... cinese
Commento
1 gior

I Casinò, vacche sacre da (ma prima ancora per) mungere

Mentre a Locarno volano gli stracci in vista del rinnovo delle concessioni federali, passa in secondo piano il tema di chi l’azzardo lo paga a caro prezzo
Commento
2 gior

Lo gnomo spendaccione

Dopo le dimissioni del presidente e dell’Ad di Credit Suisse si è discusso del crescente ricorso delle banche svizzere a top manager stranieri
Commento
4 gior

La mozione Paul Newman

Gli analisti politici del Wall Street Journal suggeriscono ai democratici di candidare di nuovo Hillary Clinton per un’eventuale sfida a Trump nel 2024
Commento
5 gior

Migrazione: la norma, la storia di India e gli altri

Nel caso della diciannovenne di Morbio accendere i riflettori è servito. Restano nell’ombra il resto dell’umanità migrante e leggi non sempre eque
Commento
6 gior

Scuola, che si aprano le porte della sperimentazione

Un precoce restringimento delle possibilità, che sia legata al rendimento oppure ai presunti interessi, implica un condizionamento e pertanto va evitato
Commento
1 sett

E vuoi negargli il Quirinale?

Berlusconi le sta provando tutte per diventare presidente della Repubblica italiana, fra trattative poco trasparenti e una rivisitazione della sua vita
Commento
1 sett

Covid-19, lettera a una cugina No Vax

Cara cugina, alle feste sei venuta in volata. C’è chi non ti ha abbracciata e tu ci sei rimasta male, anche se capivi...
Commento
1 sett

Il gennaio maledetto dei maschi alfa

Il 2022 è iniziato male per la sottospecie più proterva, quella incline a violare le regole, per poi pensare di cavarsela con quattro scuse in croce
02.08.2021 - 05:300
Aggiornamento : 10:46

Lo sport elvetico degno del 1° agosto

La Svizzera è a quota dodici medaglie, ben oltre le aspettative di Swiss Olympic. Quante perle a ridosso della Festa Nazionale, onorata come del resto merita

La medaglia olimpica numero 200 dello sport rossocrociato, altamente simbolica, è al collo di Jérémy Desplanches. È un segno, forse, che l’abbia vinta un campione del nuoto, ispirando l’impresa di Noè Ponti, straordinario bronzo nei 100 delfino. Nel frattempo, però, la Svizzera ne ha conquistate altri, di allori. Siamo a quota dodici – nove dei quali in ambito femminile –, ben oltre le aspettative di Swiss Olympic che ne “chiedeva” sette. Il ritmo è quello dei Giochi invernali, storicamente più legati alla tradizione sportiva elvetica e a discipline quali lo sci alpino e quello acrobatico.

A Tokyo (339 competizioni), per la prima volta la Svizzera ha superato quota dieci che resisteva da Helsinki 1952 (14 podi, per 149 titoli in palio e 6’500 atleti a contenderseli). Da allora, il bottino più pingue fu a Sydney (un oro, sei argenti e due bronzi, 11’000 atleti di 200 Paesi). Sette, per contro, le medaglie portate a casa da Rio 2016.

I Giochi estivi hanno altre regole e, solitamente, altri protagonisti. Tra di essi, stavolta, figurano gli atleti rossocrociati, fedele testimonianza di una cultura sportiva elvetica che sfrutta la ribalta olimpica per svelare tutta la qualità alla quale lavora sottotraccia – fatta eccezione per le discipline di maggiore visibilità –, salvo trovare sfogo nella rassegna che per la sua stessa natura è deputata a esaltare sport definiti sommariamente “minori”, che di minore hanno solo l’impatto mediatico.

Se da un lato è vero che fino a qualche stagione fa le strutture e l’impostazione anche “ideologica” della Confederazione non era concepita per favorire la carriera dello sportivo d’élite e il professionismo, da molto tempo ormai la svolta intrapresa e abbracciata in maniera corale anche a livello politico volge a favore dello sviluppo dello sport, partendo dalla “banale” attività motoria per la salute, su su fino alle eccellenze che rappresentano i colori nazionali nelle più prestigiose competizioni internazionali e nei grandi eventi. Nei quali – Tokyo insegna – i risultati non si sono fatti attendere. Frutto di un lavoro alla base – quindi su capisaldi e principi cardine della socialità quali la scuola e la formazione – e sulle strutture da mettere a disposizione dei talenti, dei quali la Svizzera è comunque storicamente ricca.

Così, quasi a voler ripagare un Paese che tanto ha investito nello sport, gli atleti con la croce rossa sul petto con l’ambizione di vedersi dedicata un’esecuzione del Salmo svizzero hanno pensato bene di “dar di matto” il 31 luglio, così da potersi concedere una festa l’indomani, il 1° Agosto, una volta metabolizzata e commentata la rispettiva impresa. Il bronzo di Noè Ponti nel nuoto, la doppietta elvetica nella finale dei 100 femminile con Ajla Del Ponte (quinta) e Mujinga Kambundji (sesta), l’oro strepitoso di Belinda Bencic nel tennis (argento nel doppio con Viktorika Golubic), quello straordinario di Nina Christen nel tiro, il bronzo di Nikita Ducarroz nella Bmx sono la prova di quanto florido sia il movimento sportivo nazionale. Concentrare tanti successi a ridosso del 1° Agosto è un bellissimo modo di ricordare che “Quando bionda aurora il mattin c’indora” ed è ora di dare il via alla festa che “all’Elvezia serba ognor”.

Guarda tutte le 7 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved