GOLUBIC V./TEICHMANN J.
KICHENOK L./OSTAPENKO J.
03:30
 
NJ Devils
1
ARI Coyotes
4
3. tempo
(1-0 : 0-3 : 0-1)
NY Rangers
2
TOR Leafs
3
2. tempo
(1-3 : 1-0)
ANA Ducks
COL Avalanche
04:00
 
la-memoria-di-vigino-non-ha-prezzo-o-forse-si
La Masseria di Vigino a Castel San Pietro (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
21 ore

E vuoi negargli il Quirinale?

Berlusconi le sta provando tutte per diventare presidente della Repubblica italiana, fra trattative poco trasparenti e una rivisitazione della sua vita
Commento
1 gior

Covid-19, lettera a una cugina No Vax

Cara cugina, alle feste sei venuta in volata. C’è chi non ti ha abbracciata e tu ci sei rimasta male, anche se capivi...
Commento
2 gior

Il gennaio maledetto dei maschi alfa

Il 2022 è iniziato male per la sottospecie più proterva, quella incline a violare le regole, per poi pensare di cavarsela con quattro scuse in croce
Commento
2 gior

Tutt’altro che tennis: Djokovic e il sottosuolo dello sport

In fondo ciò che si prova di fronte alla sentenza della Corte australiana è una sensazione di giustizia, di giustizia e di sorpresa a dire il vero
Commento
4 gior

Una Regione lunga 30 anni

Nel 1992 una nuova sinergia ha dato vita al nostro quotidiano, oggi celebriamo l’anniversario per rinnovare il nostro amore per la divulgazione
Il commento
4 gior

Per causa di forza maggiore

Annullato il visto di Novak Djokovic. Con un verdetto politico che riduce le chance di spuntarla in appello, domani alla Corte federale
il commento
5 gior

È morto Sassoli. Abbasso Sassoli! Viva Sassoli! Viva me!

La reazione alla morte del presidente dell’Europarlamento mette in evidenza la schizofrenia social, tra (auto)santificazioni e orrendi complottismi
Commento
6 gior

I Blues Brothers e il capitalismo accidentale

I licenziamenti presso Dpd dimostrano ancora una volta l’avanzata di un sistema irresponsabile, fomentato dalle voci bianche della deregulation
Commento
1 sett

L’onore perduto di Darius Rochebin

È toccato a Macron il compito di ‘riabilitare’ II giornalista svizzero, detonatore di un’inchiesta su molestie sessuali e mobbing alla Ssr
Commento
1 sett

Una bomba a orologeria chiamata Kazakistan

L’ex repubblica sovietica è uno snodo cruciale a livello economico-energetico e ora anche un termometro della situazione sociale in Asia Centrale
Commento
1 sett

Il Covid, un incubo ricorrente

Già l’anno scorso speravamo di buttarci alle spalle la pandemia. Invece siamo ancora alle prese con varianti e restrizioni, eppure un terzo non si vaccina
 
20.07.2021 - 05:300
Aggiornamento : 14:25

La memoria di Vigino non ha prezzo (o forse sì)

La Masseria di Castel San Pietro rischia di scomparire. E stavolta non è colpa delle ruspe dei cementificatori

'Non c'è futuro senza memoria'. È difficile non dare ragione allo scrittore Primo Levi, che ci ha fatto capire come queste due parole, futuro e memoria, siano legate indissolubilmente. La memoria di ciò che è stato va però condivisa per riuscire a guardare avanti tutti insieme. Niente a che vedere con la nostalgia o il passatismo, sia chiaro. Anche una realtà come quella del Mendrisiotto, del resto, parla attraverso le sue testimonianze del tempo andato. Lì affondano le radici e l'identità di una regione che in questi anni ha cercato di non dimenticare le vestigia delle sue origini. Ripartendo dalla sua storia.

Certo, non sempre il Distretto c'è riuscito, e l'ultimo esempio di un mancato salvataggio è proprio quello della Masseria di Vigino che, a Castel San Pietro, rischia di andare perduta per sempre. Sgombriamo però subito il campo: questa volta non se ne può fare una colpa alle istituzioni e alla politica locali. A loro va riconosciuto, infatti, il merito di averci provato; e non solo nel caso di questo bene storico e culturale protetto che ci riporta alla prima metà del XV secolo. Senza una visione e amministratori lungimiranti oggi non potremmo godere di oasi verdi nel bel mezzo di un territorio molto urbanizzato (il Parco delle Gole della Breggia e il Parco della Valle della Motta), non avremmo riscoperto le cave di marmo di Arzo e non avremmo la certezza che le antiche Fornaci di Riva San Vitale torneranno a vivere. In questi angoli del Distretto proprio le buone pratiche della politica e la buona volontà degli enti locali, ma pure cantonali (anche a investire risorse finanziarie), hanno dato i loro frutti, che sono sotto gli occhi di tutti. Per trattenere storia e memoria qualche anno fa - nel 2002-2003 - si arrivò persino a impacchettare pezzo dopo pezzo e a spedire al Museo svizzero all'aperto del Ballenberg il complesso rurale de 'La Pobbia' di Novazzano pur di non rischiare di veder scomparire quel pezzo di mondo antico. Una scelta che in quei giorni non convinse tutti, ma che a distanza di tempo ha aiutato a conservare la memoria del territorio (seppur fuori cantone).

E allora si fatica a comprendere come mai l''Operazione Vigino' non sia andata in porto. Come è possibile che un bene di proprietà del Cantone - quindi dello Stato, ergo di tutti noi - iscritto dal 2007 nell'Inventario cantonale dei beni culturali protetti - dunque tutelato e vincolato - venga lasciato al suo degrado? Eppure l'opportunità di lanciare un salvagente c'era (come abbiamo riferito da queste colonne): l'Ente regionale per lo sviluppo (Ers) e il Comune di Castello erano pronti a prenderlo al volo. Bisognava però accettare di cedere il passo e la missione a un privato - una 'facoltosa famiglia', come l'ha definita lo stesso Consiglio di Stato -, peraltro disponibile a sottostare alle condizioni e a seguire l'ente pubblico nel progetto di recupero: farne una 'Maison du terroir' aperta al pubblico. Invece, il governo cantonale ha dato l'impressione di essere ben disposto ma solo a parole. Anzi, all'Ers pensano proprio che non l'abbia raccontata giusta. Anche perché il progetto lo si conosceva bene a Palazzo delle Orsoline, e sin dall'inizio. Come si era a conoscenza della decisione del privato di abbandonare il campo; perché è il Cantone ad aver alzato troppo il prezzo, ingoiandosi la parola data agli enti locali. Difficile ora pensare si possa fare marcia indietro. E ancora di più accettare che la memoria di Vigino possa essere cancellata, stavolta non dalle ruspe dei cementificatori, bensì da uno Stato volubile.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved