Genoa
0
Udinese
0
1. tempo
(0-0)
socialita-la-politica-trovi-un-programma-comune-e-condiviso
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
9 ore

L’eterno ritorno di Hillary Clinton e la mozione Paul Newman

Gli analisti politici del Wall Street Journal suggeriscono ai democratici di candidare di nuovo l’ex first lady per un’eventuale sfida a Trump nel 2024
Commento
1 gior

Migrazione: la norma, la storia di India e gli altri

Nel caso della diciannovenne di Morbio accendere i riflettori è servito. Restano nell’ombra il resto dell’umanità migrante e leggi non sempre eque
Commento
2 gior

Scuola, che si aprano le porte della sperimentazione

Un precoce restringimento delle possibilità, che sia legata al rendimento oppure ai presunti interessi, implica un condizionamento e pertanto va evitato
Commento
3 gior

E vuoi negargli il Quirinale?

Berlusconi le sta provando tutte per diventare presidente della Repubblica italiana, fra trattative poco trasparenti e una rivisitazione della sua vita
Commento
4 gior

Covid-19, lettera a una cugina No Vax

Cara cugina, alle feste sei venuta in volata. C’è chi non ti ha abbracciata e tu ci sei rimasta male, anche se capivi...
Commento
4 gior

Il gennaio maledetto dei maschi alfa

Il 2022 è iniziato male per la sottospecie più proterva, quella incline a violare le regole, per poi pensare di cavarsela con quattro scuse in croce
Commento
5 gior

Tutt’altro che tennis: Djokovic e il sottosuolo dello sport

In fondo ciò che si prova di fronte alla sentenza della Corte australiana è una sensazione di giustizia, di giustizia e di sorpresa a dire il vero
Commento
1 sett

Una Regione lunga 30 anni

Nel 1992 una nuova sinergia ha dato vita al nostro quotidiano, oggi celebriamo l’anniversario per rinnovare il nostro amore per la divulgazione
Il commento
1 sett

Per causa di forza maggiore

Annullato il visto di Novak Djokovic. Con un verdetto politico che riduce le chance di spuntarla in appello, domani alla Corte federale
il commento
1 sett

È morto Sassoli. Abbasso Sassoli! Viva Sassoli! Viva me!

La reazione alla morte del presidente dell’Europarlamento mette in evidenza la schizofrenia social, tra (auto)santificazioni e orrendi complottismi
Commento
1 sett

I Blues Brothers e il capitalismo accidentale

I licenziamenti presso Dpd dimostrano ancora una volta l’avanzata di un sistema irresponsabile, fomentato dalle voci bianche della deregulation
 
09.07.2021 - 05:300
Aggiornamento : 15:21

Socialità, la politica trovi un programma comune e condiviso

Ppd e Ps siano promotori di un incontro allargato alle altre forze politiche per individuare misure oltre gli steccati partitici per dare risposte concrete

Alla fine contano i numeri, come ha ricordato anche il capogruppo del Ps in Gran Consiglio Ivo Durisch in una recente intervista alla ‘Regione’. Se non li si hanno, le proposte, per quanto valide o ritenute tali da chi le formula, sono destinate a restare sulla carta e nei resoconti di cronaca politica. Concetto semplice, scontato. Ma forse non per tutte le forze politiche. Soprattutto in questo momento storico – in cui c’è parecchia incertezza sulle conseguenze della pandemia una volta cessati gli aiuti pubblici – servono maggioranze parlamentari, e non schermaglie fra partiti, per il varo di interventi a favore della socialità. Ai cittadini che faticano o che non riescono a gestire il proprio budget mensile non importa nulla di tatticismi e veti incrociati: da Palazzo delle Orsoline attendono risposte concrete alle loro preoccupazioni. Il Paese lo si rilancia prestando attenzione anche alle fasce deboli della popolazione.

E allora perché non partire dall’invito al dialogo rivolto da Durisch al Ppd, partito che, con le dichiarazioni rilasciate a questo giornale dal deputato Giorgio Fonio, ha rimproverato ai socialisti il mancato sostegno alla sua iniziativa parlamentare per il reinserimento degli over 50 nel mondo del lavoro. Un invito che andrebbe però esteso al resto delle formazioni politiche. Ppd e Ps potrebbero e dovrebbero quindi farsi promotori, possibilmente in tempi brevi, di una riunione programmatica sulla politica sociale in Ticino (tra le sfide, il calo demografico). Un incontro allargato per individuare inizialmente tre, quattro temi sui quali poter raggiungere un’intesa, con la consapevolezza che la condivisione richiede pure compromessi. Si eviterebbe, oltretutto, di procedere in ordine sparso, con atti parlamentari sulla socialità contraddittori e incoerenti, che finiscono solo per ingolfare le commissioni del Gran Consiglio.

Il 10 maggio 1974, nel dibattito televisivo prima del ballottaggio per le presidenziali francesi, il liberale Valéry Giscard d’Estaing, stufo della reprimenda un po’ paternalista sulla socialità del candidato socialista François Mitterrand, se ne uscì con una frase che – assieme al sostegno gollista, beninteso – gli fece invertire nettamente il trend che vedeva Mitterrand lanciato verso l’Eliseo: “Trovo sempre scioccante e offensivo assumersi il monopolio del cuore. Lei, signor Mitterrand non ha il monopolio del cuore. Io ho il mio, che ha il suo battito, e lei non ha alcun monopolio del cuore”. Una ripetizione voluta, pacata, scandita, entrata dal giorno dopo nel grande libro del gergo politico e nelle guide su come affrontare un dibattito in televisione. Ma che soprattutto ha avuto il merito di rompere un tabù: la sinistra è storicamente più vicina alle fasce deboli, ma non ha alcun monopolio su cuore, socialità, provvedimenti per migliorare il tenore di vita delle persone. Come ha dimostrato Simone Veil, ministra proprio di Giscard d’Estaing. In una fase delicata e su un sentiero tortuoso come quello della ripartenza serviranno le forze di tutti coloro che, con buona volontà, anteporranno il bene comune alla rendita di cortile. Certi dogmi politici ed economici novecenteschi sono stati sbriciolati da un virus invisibile, e prima i partiti – tutti, i partiti – capiranno davvero che assieme ai dogmi è stata spazzata via anche la sicurezza per la propria situazione economica e sociale della popolazione, meglio sarà. Ben venga quindi un tavolo sulla socialità, e che sia concreto e programmatico.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved