ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
16 ore

Referendum grotteschi, ‘cristallini’ esempi di democrazia

Messa in scena perfetta per un leader militarmente alle strette, dopo aver sperato di occupare la capitale nemica con un blitz di una manciata di giorni
Commento
2 gior

L’arte della supercazzola, dal Mascetti a TiSin

L’associazione padronale Ticino Manufacturing si sfila dalle sue stesse oscenità, con un comunicato piuttosto surreale
Commento
2 gior

Ueli Maurer, lo statista riluttante

Da artefice dell’ascesa dell’Udc a consigliere federale e rispettato ‘tesoriere’. Il suo ritiro chiude un cambio generazionale nel primo partito svizzero.
Commento
3 gior

Quando la bomba scoppia in mano all’artificiere

Tutti i non sentito dire dei piani alti dell’amministrazione cantonale: dall’ex funzionario del Dss al direttore di scuola media
Commento
4 gior

La rivoluzione contro il velo

Le donne in piazza con coraggio dopo la morte di Mahsa Amini, colpevole di avere un hijab messo male. Il regime però ha risposto con il pugno duro
Commento
5 gior

Cassa malati, sogno (o chimera) di un pomeriggio autunnale

L’annuncio dei premi 2023 è senz’altro un brutto risveglio. Abbondano le motivazioni che spiegano la stangata, mancano le soluzioni
Commento
6 gior

Con la candidatura di Marchesi, a destra parte la bagarre

Se il presidente Udc verrà eletto in governo, sarà a scapito di un seggio leghista. La Lega dovrà difendersi anche dagli ‘amici’, che però corrono veloce
Commento
6 gior

L’era del tofu merluzzato

Gli italiani disposti a provare qualsiasi cosa pur di vedere un cambiamento. Ma il cambiamento, finché ci saranno Casini e i suoi emuli, pare impossibile
Commento
1 sett

Un’onda nera sull’Italia

L’analisi di Aldo Sofia dopo il voto che ha visto trionfare Giorgia Meloni
Commento
1 sett

Dal ‘sì’ ad Avs 21 segnali chiari alla politica

No a un ulteriore aumento dell’età di pensionamento, no a riforme a scapito delle donne meno abbienti, avanti con quella del secondo pilastro
Commento
1 sett

Zanchi, Bossalini, la malerba e la capacità di rimanere zen

Nella battaglia politica che si combatte attorno al Corpo di polizia di Locarno, la fretta è cattiva consigliera per capodicastero e comandante
laR
 
09.07.2021 - 05:30
Aggiornamento: 15:21

Socialità, la politica trovi un programma comune e condiviso

Ppd e Ps siano promotori di un incontro allargato alle altre forze politiche per individuare misure oltre gli steccati partitici per dare risposte concrete

socialita-la-politica-trovi-un-programma-comune-e-condiviso
Ti-Press

Alla fine contano i numeri, come ha ricordato anche il capogruppo del Ps in Gran Consiglio Ivo Durisch in una recente intervista alla ‘Regione’. Se non li si hanno, le proposte, per quanto valide o ritenute tali da chi le formula, sono destinate a restare sulla carta e nei resoconti di cronaca politica. Concetto semplice, scontato. Ma forse non per tutte le forze politiche. Soprattutto in questo momento storico – in cui c’è parecchia incertezza sulle conseguenze della pandemia una volta cessati gli aiuti pubblici – servono maggioranze parlamentari, e non schermaglie fra partiti, per il varo di interventi a favore della socialità. Ai cittadini che faticano o che non riescono a gestire il proprio budget mensile non importa nulla di tatticismi e veti incrociati: da Palazzo delle Orsoline attendono risposte concrete alle loro preoccupazioni. Il Paese lo si rilancia prestando attenzione anche alle fasce deboli della popolazione.

E allora perché non partire dall’invito al dialogo rivolto da Durisch al Ppd, partito che, con le dichiarazioni rilasciate a questo giornale dal deputato Giorgio Fonio, ha rimproverato ai socialisti il mancato sostegno alla sua iniziativa parlamentare per il reinserimento degli over 50 nel mondo del lavoro. Un invito che andrebbe però esteso al resto delle formazioni politiche. Ppd e Ps potrebbero e dovrebbero quindi farsi promotori, possibilmente in tempi brevi, di una riunione programmatica sulla politica sociale in Ticino (tra le sfide, il calo demografico). Un incontro allargato per individuare inizialmente tre, quattro temi sui quali poter raggiungere un’intesa, con la consapevolezza che la condivisione richiede pure compromessi. Si eviterebbe, oltretutto, di procedere in ordine sparso, con atti parlamentari sulla socialità contraddittori e incoerenti, che finiscono solo per ingolfare le commissioni del Gran Consiglio.

Il 10 maggio 1974, nel dibattito televisivo prima del ballottaggio per le presidenziali francesi, il liberale Valéry Giscard d’Estaing, stufo della reprimenda un po’ paternalista sulla socialità del candidato socialista François Mitterrand, se ne uscì con una frase che – assieme al sostegno gollista, beninteso – gli fece invertire nettamente il trend che vedeva Mitterrand lanciato verso l’Eliseo: “Trovo sempre scioccante e offensivo assumersi il monopolio del cuore. Lei, signor Mitterrand non ha il monopolio del cuore. Io ho il mio, che ha il suo battito, e lei non ha alcun monopolio del cuore”. Una ripetizione voluta, pacata, scandita, entrata dal giorno dopo nel grande libro del gergo politico e nelle guide su come affrontare un dibattito in televisione. Ma che soprattutto ha avuto il merito di rompere un tabù: la sinistra è storicamente più vicina alle fasce deboli, ma non ha alcun monopolio su cuore, socialità, provvedimenti per migliorare il tenore di vita delle persone. Come ha dimostrato Simone Veil, ministra proprio di Giscard d’Estaing. In una fase delicata e su un sentiero tortuoso come quello della ripartenza serviranno le forze di tutti coloro che, con buona volontà, anteporranno il bene comune alla rendita di cortile. Certi dogmi politici ed economici novecenteschi sono stati sbriciolati da un virus invisibile, e prima i partiti – tutti, i partiti – capiranno davvero che assieme ai dogmi è stata spazzata via anche la sicurezza per la propria situazione economica e sociale della popolazione, meglio sarà. Ben venga quindi un tavolo sulla socialità, e che sia concreto e programmatico.

Leggi anche:

'Fonio e Ppd stiano sereni: alla socialità siamo molto attenti'

Fonio: ‘Sulla socialità il Ppd è in prima linea’

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved