svizzera-la-vittoria-e-nei-rimpianti
+2
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
1 gior

Putin e l’effetto boomerang

Cremlino rassegnato all’allargamento dell’Alleanza atlantica a Svezia e Finlandia. E l’Ucraina ora è dotata di armi pesanti occidentali
sguardo a nord
2 gior

I bastian contrari

Commento
2 gior

È tornato il Wef di lotta e di governo

Dalle tematiche care ai ‘no-global’ fino alle proposte per riformare un sistema economico che ha mostrato tutti i suoi limiti
il commento
3 gior

Putin e l’arma della grande fame

Bloccare il grano e le navi che lo trasportano, affamando l’Ucraina e le nazioni sottosviluppate. Così Mosca prova a far svoltare la guerra in suo favore
Commento
5 gior

Viaggio nell’arena (flatulente) della Rai

La decisione del direttore generale della tv di Stato italiana di separare i talk show dall’informazione ha sollevato una mezza rivolta
L’ANALISI
5 gior

Non è la panacea, ma proviamoci

La Sfl ha approvato il nuovo format della Super League: 12 squadre e playoff
Commento
6 gior

Il disagio psichico e il circo Barnum dei social

Un tempo erano donne barbute e nani ad attrarre la gente nei circhi, oggi il disagio psichico esposto impietosamente attira i click degli utenti del web
Commento
6 gior

Schröder, poltrone come matrioske

I tedeschi gli chiedono di mollare i suoi incarichi russi e lui ne fa spuntare altri. Il vizio tropical-mediterraneo della sedia incollata non ha confini
Commento
1 sett

L’eterno declino degli Usa

La strage razzista di Buffalo è l’ennesimo, tragico sintomo di un Paese diviso, le cui fratture interne sono speculari alla potenza militare
laR
 
03.07.2021 - 05:30

Svizzera, la vittoria è nei rimpianti

I rossocrociati di Petkovic lasciano gli Europei con una serie di conquiste importanti. Prima tra tutte, la possibilità di recriminare per una sconfitta

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

La fierezza prevale sulla delusione, l’orgoglio sullo sconforto. Lo sport ha regole che sanno essere spietate: premiano e puniscono, per effetto di un risultato consegnato alle statistiche. Tuttavia l’espressione numerica di un tabellino è fredda come il ghiaccio, come la delusione per una sconfitta che profuma di beffa. Soprattutto, non dice quanto la Svizzera abbia meritato anche contro la Spagna, nonostante l’eliminazione sancita dai calci di rigori. Già, proprio i rigori, la stessa appendice che pochi giorni prima l’aveva consegnata alla storia del suo calcio non così ricca di perle memorabili nella magica notte di Bucarest contro la Francia. Sull’onda emotiva della quale la Nazionale più bella che si ricordi ha quasi costruito un secondo miracolo, reso vano dagli errori dagli undici metri, dopo una resistenza fiera, degna di una salva di applausi convinti. Degna della riconoscenza di un Paese che è tornato a stringersi attorno a un gruppo al quale non può che dire grazie.

Tutti d’accordo sul fatto che la Svizzera si sia letteralmente trasformata dopo una fase a gironi interlocutoria e zeppa di perplessità, spazzate via come una foglia secca al vento dalle folate d’orgoglio rossocrociato una volta tagliato il solito traguardo, quello che non avrebbe accontentato nessuno. Tutti unanimi nel riconoscere che questa squadra ha fatto l’agognato salto di qualità in direzione di una consapevolezza a lungo inseguita, ora finalmente inserita nel bagaglio che Xhaka e compagni si porteranno appresso alle prossime scadenze. Forti di una solidità che ha saputo profilarsi oltre i soliti buoni propositi per diventare una prerogativa, un segno distintivo che ha reso possibile ciò che in passato manco si riusciva più a fare, sognare. Di per sé, già un traguardo straordinario, quasi quanto un quarto di finale inseguito per 67 anni. L’eredità di questa Nazionale, la prima a essersi superata, cancellando il 1954 sostituito da un 2021 che forse inaugura una nuova stagione del calcio svizzero, è il sunto di una serie di qualità, rimaste a lungo inespresse. O espresse solo a sprazzi, senza la continuità che ne possa certificare la validità. A volte sbandierate con baldanza, ma per lo più disattese.

Eccole, dunque, in ordine sparso: la capacità di superarsi, di sorprendere, di non accontentarsi, di reagire alle tante avversità (e alle critiche, legittime tanto quanto sono doverosi i complimenti). Doti acquisite sul campo e con il lavoro di Petkovic, figlie di un atteggiamento finalmente all’altezza delle aspettative di appassionati e tifosi che altro non chiedono che prestazioni come quella di Bucarest e di San Pietroburgo: due esiti opposti, la festa che fa posto allo scoramento, i sorrisi cancellati dalle lacrime, ma tanta consapevolezza guadagnata attraverso partite palpitanti e valide sul piano tecnico. Talmente belle e convincenti, a prescindere dal risultato, che la Francia campione del mondo non può recriminare per l’uscita di scena negli ottavi e la Spagna non avrebbe potuto obiettare se il destino l’avesse esclusa dalle semifinali, anziché promuoverla. Talmente belle da autorizzare la Svizzera ad avere dei rimpianti, la conquista forse più preziosa.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
euro2020 quarti di finale svizzera svizzera-spagna vladimir petkovic
Guarda tutte le 6 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved