ULTIME NOTIZIE Opinioni
IL COMMENTO
1 gior

Diplomazia in scacco in una guerra che si incancrenisce

Con l’inverno alle porte, non si vede la fine del conflitto in Ucraina. Sia Putin che Zelensky non hanno alcun interesse a sedersi al tavolo negoziale
IL COMMENTO
2 gior

L’amore non è un colpo di pistola

Non lo deve essere nemmeno l’informazione quando affronta il fenomeno della violenza sulle donne (contro cui ricorre oggi la Giornata internazionale)
IL COMMENTO
3 gior

Il centro(sinistra) di Mirante e il pragmatismo che serve al Ps

L’addio dell’economista non stupisce nessuno, ma mette i socialisti davanti al rischio di perdere consensi ed eletti in Gran Consiglio. E la destra ride
IL COMMENTO
4 gior

La realtà artefatta del Qatar

Tracciamo un bilancio dell’inizio del Mondiale dopo i primi tre giorni di partite
IL COMMENTO
5 gior

I guai di Letta (e del Pd)

La spaccatura sulla candidatura di Letizia Moratti alla Regione Lombardia ha fatto partire un nuovo giro di contestazioni contro il segretario del Pd
IL COMMENTO
6 gior

Non perdere una guerra senza vincere la pace

In Ucraina si parla di piccolissimi spiragli per un tavolo negoziale magari favorito dal ‘generale inverno’. In realtà, nulla sembra meno probabile
IL COMMENTO
1 sett

Il partito delle donne e quello degli uomini

Successione di Maurer e Sommaruga: il Ps ha affrontato la questione femminile di petto, l’Udc ha perso un’altra occasione.
IL COMMENTO
1 sett

Cantonali 2023, per Il Centro è un battesimo con nomi forti

La strategia del fu Ppd è stata quella di affidarsi a persone di esperienza capaci di raccogliere schede tra le varie anime del partito: scelta opportuna
IL COMMENTO
1 sett

Finanze cantonali, verso il pareggio e oltre

A questo punto varrebbe la pena interrogarsi sul perché dell’insistenza da parte delle forze borghesi sulla necessità di risanare dei conti già sani
IL COMMENTO
1 sett

Salvini, Meloni e il governo degli sburoni

Fenomenologia semiseria della destra italiana, tra promesse irrealistiche e minacce da bar
IL COMMENTO
1 sett

Giustizia trasparente, nell’interesse di tutti

L’accoglimento, da parte del Tf, del ricorso per l‘accesso al decreto di abbandono ‘Chiappini’ è una vittoria – piena – non solo de ‘laRegione’
il commento
1 sett

Biden-Xi Jinping: finalmente...

Il primo faccia a faccia, lungamente preparato in vista del G20, scongiura il peggio e allontana un’escalation militare globale
laR
 
02.07.2021 - 05:30

Polvere di Cinquestelle

Grillo contro Conte non è solo uno scontro interno al movimento M5S, ma un modo opposto e inconciliabile di vedere i rapporti, la politica e il mondo

polvere-di-cinquestelle
Beppe Grillo, fondatore del Movimento 5 Stelle (Keystone)

Giuseppe Conte dice che Beppe Grillo “ha deciso di fare il padre padrone” della sua creatura: il Movimento 5 Stelle. E ha ragione. Il problema è che non l’ha deciso ora, non ha mai smesso di pensarlo fin da principio.

Beppe Grillo dice che Giuseppe Conte è un leader “senza visione e senza capacità manageriali”. E ha ragione, perché uno con un minimo di visione alla teoria del padre padrone ci sarebbe arrivato anni fa.

Sulle capacità manageriali possiamo anche discuterne (certo, per dirne una, il Recovery Fund gliel’ha riscritto tutto Mario Draghi). Ma chi gli ha dato il via libera per fare il primo ministro in due governi diversi? Grillo. Ovviamente. Lo stesso che, appena quattro mesi fa, gli ha affidato la ricostruzione dei Cinquestelle. La creatura aliena che - per gerarchie, opportunismo politico, litigiosità e trame nelle segrete stanze - ricorda tanto un partito come gli altri, ma si autoproclama movimento. E tra poco potrebbe essere niente.


Giuseppe Conte con il suo successore Mario Draghi (Keystone)

Duellano a distanza, uno via blog (titolo, triviale, “Una bozza e via”), l’altro a mezzo stampa e fedelissimi, come una di quelle coppie stremate che litigano per procura. Grillo, re dei “vaffa” e della parolaccia, comico sublime che a un certo punto ha deciso - come molti - di fare qualcosa che gli riusciva peggio, non ama le mezze misure. Conte, viceversa, è la mezza misura: né carne, né pesce. Di più: sia carne che pesce. Talmente avvezzo al compromesso da essere portata, cameriere e anche chef all’occorrenza, in grado di sfornare piatti con ingredienti impossibili: M5S con la Lega, per fare un esempio. E poi col Pd, per farne un altro.

Un uomo del dialogo, che non alza la voce e che ci tiene a essere benvoluto da tutti, un avvocato capace di trovare ogni cavillo pur di non andare in battaglia. L’opposto di Grillo, che è nato con l’elmetto e passa la vita in trincea, sin da quando mitragliava a petto in fuori i politici sugli schermi di mamma Rai, finendo silurato, esiliato. Fa le sue battaglie, giuste o sbagliate che siano, e ne paga il prezzo. Conte sembra invece avere un tariffario per evitarle. Ci ha provato con uno Statuto che già dal nome suona di antico, pergamene, penne d’oca e ceralacca. Il più famoso, almeno in Italia, è lo Statuto Albertino del 1848, il predecessore della Costituzione repubblicana. Grillo lo ha addirittura definito roba “del Seicento”. Insomma, una cosa barocca, e il Barocco, con i suoi pomposi ghirigori e la sua teatralità, è il diavolo per uno che vuole sfrecciare a tutta velocità sul web con la democrazia diretta (da lui, e poi votata dagli altri).


Grillo con Pippo Baudo durante una delle sue intemerate in Rai (Rai)

Per contrastare questo Statuto che gli sa di muffa, Grillo vuole resuscitare la piattaforma Rousseau, appena ghigliottinata. Dice che serve il voto degli iscritti, ma ora i dati li ha in mano Vito Crimi, uno dei pesi massimi del movimento più vicini a Conte, che quel voto non lo vuole. E che non vuole il limite di due mandati, vessillo ancora sventolato in casa Grillo, ma riposto dagli ex rivoluzionari M5S una volta scoperte le comodità di certe poltrone.

L’ex premier potrebbe fondare un nuovo partito, facendo implodere tutto. Ma è una mossa senza certezze. E lui, oltre a darle, sembra un uomo che ha bisogno di averle. Ricucire? Chissà. Ma prima di Grillo, comici italiani catapultati indietro nel tempo per poi fallire ce ne sono stati già due, Benigni e Troisi. Impantanati nel Medioevo degli Statuti, ne sono rimasti prigionieri.

Non ci resta che piangere. E non è solo il titolo del film.


Benigni e Troisi in "Non ci resta che piangere"

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved