la-piccola-guerra-fredda-di-biden-e-putin
Villa La Grange, luogo dello storico incontro di oggi a Ginevra (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
6 ore

L’Arsenal e i milioni del dittatore del Ruanda

Il club inglese si fa sponsorizzare da Kagame, il padre-padrone che condanna sommariamente gli avversari politici, compreso l’eroe di Hotel Rwanda
LA TRAVE NELL’OCCHIO
1 gior

Ricchezza: pochi su e tanti giù

L’aumento delle diseguaglianze impone di ripensare un modello di sviluppo dominato dalla ‘teoria dello sgocciolamento’. Anche in Ticino
Commento
1 gior

La ‘strigliata’ di Vitta e una politica che deve guardare al futuro

Rilancio del Cantone e riequilibrio delle finanze, finora il menu uscito dai partiti è vario ma confuso. Serviranno sintesi e convergenze: ‘Non si scappa’
L'ANALISI
2 gior

Scelta intrigante, ma in gioco c’è una fetta di credibilità

A Croci-Torti manca l’esperienza e non l’entusiasmo o la competenza. Quella della nuova dirigenza bianconera è una scommessa che sarebbe disastroso perdere
Commento
2 gior

Putin ha vinto, ma un po’ meno

Il suo partito ha perso forza, ma si impone comunque alle legislative tra abitudine, paura, pressioni e accuse di brogli
Commento
2 gior

Metti la Svizzera nell’‘anglosfera’

Lo strano gioco delle alleanze ha messo la Francia in un angolo. Berna guarda decisa verso Londra e, soprattutto, Washington
Commento
3 gior

A bordocampo uno scaricatore di porto arrossirebbe

La deriva nel linguaggio e nel comportamento del tifo: sui campi di calcio crescono l’aggressività e il turpiloquio facile
Commento
5 gior

Tra spinte gentili e presunte derive autoritarie

L’immunità di gregge è l’obiettivo da raggiungere per buttarsi alle spalle l’incubo Covid. E il pass è uno dei modi. L’altro è l’obbligo vaccinale
Commento
5 gior

Rimborsi per legittima difesa, aridaje

Per colpa di un condizionale mancante bisogna rivotare un’iniziativa che non sta in piedi. Prima i promotori facevano i duri, ora le povere vittime
Commento
 
16.06.2021 - 05:300
Aggiornamento : 14:37

La piccola Guerra Fredda di Biden e Putin

Biden e Putin a Ginevra, uno davanti all'altro eppure lontanissimi, tra interessi internazionali e insulti personali

Magari finisse come a Genova nel 2001! Mai da tanti anni un incontro tra un presidente russo e uno americano aveva avuto un’attesa così spasmodica. Dal suo esito dipendono non solo le relazioni bilaterali ma anche le dinamiche dei rapporti tra Est e Ovest. I democratici Usa hanno ancora negli occhi gli screzi tra Putin e Obama al G20 di San Pietroburgo nel 2013, prologo della crisi ucraina e degli attacchi cibernetici alle elezioni statunitensi del 2016, prima di Trump, che ha tentato di evitare quasi scientificamente di vedere tête-à-tête il capo del Cremlino.

All’appuntamento di Ginevra Putin e Biden giungono da posizioni di scontro, con anche insulti personali.

Gli unici due sprazzi di luce sono stati rappresentati dal prolungamento per altri 5 anni del trattato Start 3, uno dei pochi accordi superstiti della Guerra Fredda, e dalla cancellazione delle sanzioni Usa contro il gasdotto Nord Stream 2.
In questi sei mesi Mosca e Washington hanno litigato su tutto o quasi, ma si sono concentrate per risolvere insieme le questioni globali, altrimenti fuori dalla portata dei singoli Paesi. In primis: disarmo, proliferazione anti-nucleare e cambiamenti climatici.

Il vero nodo geostrategico è che la Casa Bianca non può permettere il consolidamento dell’asse russo-cinese. Pechino colmerebbe così le lacune in campo militare, atomico ed energetico per fare il definitivo salto di qualità da potenza a super potenza. Allo stesso tempo Mosca avrebbe a disposizione risorse finanziarie e tecnologiche – alternative a quelle occidentali – per continuare a contare come potenza regionale.

Gli Stati Uniti hanno tuttavia degradato da tempo la Russia ad attrice non protagonista sulla scena mondiale.

Non è un caso che Biden ha evidenziato i suoi contatti con l’ucraino Zelenskij, mettendo Mosca e Kiev quasi sullo stesso piano.
Nella Washington del post-trumpismo e nelle cancellerie europee si è deciso di cambiare tattica: se dal 2013 si è fatto finta di non vedere ciò che accadeva a est, adesso si è stabilito di rispondere colpo su colpo; al capo del Cremlino è stata data l’etichetta di “imprevedibile”.

Il risultato è che ad aprile imponenti forze militari federali hanno stazionato a ridosso della frontiera con l’Ucraina, facendo alzare la tensione alle stelle.
Funzionerà la politica del bastone e della carota con Mosca? Di certo il Cremlino non potrà più dormire sonni tranquilli. È vero che alla fine gli Usa hanno tolto le sanzioni al maggior progetto geopolitico russo, il Nord Stream 2 (per venire incontro alla Germania) ma allo stesso tempo è stata ora ipotizzata la possibilità di escludere la Russia dal sistema occidentale di pagamenti Swift.

Al G8 di Genova nel 2001 Putin e Bush, grazie alla mediazione italiana, misero le basi per gli accordi di Pratica di Mare (Russia-Nato) nel 2002. Ma allora le relazioni, seppur non facili, erano altre.

A Ginevra, a meno di sorprese, si osserverà la cristallizzazione dell’attuale scenario, da mini-Guerra Fredda, con l’impegno – però – a non pestarsi troppo i piedi per non fare il gioco del terzo incomodo, la Cina.

Del resto Biden ha assegnato a Pechino il primo posto nella sua agenda internazionale e Putin sa bene che 400 milioni di cinesi vivono a ridosso della frontiera con la Siberia.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved