avs-21-quando-l-esperienza-non-insegna
Keystone
Transizione
ULTIME NOTIZIE Opinioni
il commento
7 ore

L’Ucraina e la civetta di Minerva

Usa e Russia strette tra rivendicazioni e muscoli in mostra, ma la guerra non è inevitabile, perché oggi non è nell’interesse di nessuno
Commento
1 gior

Bavaglio ai diritti imbevuto d’alcol

Tennis Australia copre le magliette recanti la scritta ‘Dov’è Peng Shuai?’. Uno degli sponsor del torneo è una storica distilleria... cinese
Commento
1 gior

I Casinò, vacche sacre da (ma prima ancora per) mungere

Mentre a Locarno volano gli stracci in vista del rinnovo delle concessioni federali, passa in secondo piano il tema di chi l’azzardo lo paga a caro prezzo
Commento
2 gior

Lo gnomo spendaccione

Dopo le dimissioni del presidente e dell’Ad di Credit Suisse si è discusso del crescente ricorso delle banche svizzere a top manager stranieri
Commento
4 gior

La mozione Paul Newman

Gli analisti politici del Wall Street Journal suggeriscono ai democratici di candidare di nuovo Hillary Clinton per un’eventuale sfida a Trump nel 2024
Commento
5 gior

Migrazione: la norma, la storia di India e gli altri

Nel caso della diciannovenne di Morbio accendere i riflettori è servito. Restano nell’ombra il resto dell’umanità migrante e leggi non sempre eque
Commento
6 gior

Scuola, che si aprano le porte della sperimentazione

Un precoce restringimento delle possibilità, che sia legata al rendimento oppure ai presunti interessi, implica un condizionamento e pertanto va evitato
Commento
1 sett

E vuoi negargli il Quirinale?

Berlusconi le sta provando tutte per diventare presidente della Repubblica italiana, fra trattative poco trasparenti e una rivisitazione della sua vita
Commento
1 sett

Covid-19, lettera a una cugina No Vax

Cara cugina, alle feste sei venuta in volata. C’è chi non ti ha abbracciata e tu ci sei rimasta male, anche se capivi...
Commento
1 sett

Il gennaio maledetto dei maschi alfa

Il 2022 è iniziato male per la sottospecie più proterva, quella incline a violare le regole, per poi pensare di cavarsela con quattro scuse in croce
Commento
1 sett

Tutt’altro che tennis: Djokovic e il sottosuolo dello sport

In fondo ciò che si prova di fronte alla sentenza della Corte australiana è una sensazione di giustizia, di giustizia e di sorpresa a dire il vero
 
10.06.2021 - 05:300

Avs 21, quando l’esperienza non insegna

Il Parlamento aumenta a 65 anni l’età di pensionamento delle donne. Ma le compensazioni sono insufficienti. Una scelta che potrebbe costare cara alle urne

L’ultima vera e propria riforma dell’Avs? 24 anni fa. Allora fu possibile portare l’età di pensionamento delle donne da 62 a 64 anni, in due tappe, grazie a generose misure compensatorie. Tre successivi tentativi di ritoccarla verso l’alto sono falliti in Parlamento (2010) o alle urne (2004, 2017), poiché sprovvisti di un’adeguata contropartita. Il Consiglio federale lo sa: l’esperienza – scrive nel messaggio sulla riforma Avs 21 – dimostra che la concessione di misure compensatorie sufficienti permette di convincere [in una votazione popolare] anche molte persone contrarie all’aumento dell’età di riferimento delle donne. Il discorso vale anche per la riduzione delle rendite, e per la previdenza professionale: nel 2010 un abbassamento ‘secco’ – senza compensazione – dell’aliquota di conversione Lpp venne spazzato via da una valanga di ‘no’ (72,2%).

Il Parlamento adesso ci riprova. Come il Consiglio degli Stati, anche il Nazionale vuole aumentare da 64 a 65 anni l’età di pensionamento delle donne. Significa in pratica che una donna dovrà lavorare un anno in più per ricevere la stessa rendita che riceve oggi. La sinistra denuncia «un peggioramento delle rendite di 1’200 franchi all’anno in media» (Barbara Gysi), perché «un aumento dell’età di pensionamento è [de facto, ndr] una diminuzione di rendita» (Mattea Meyer). Referendum in canna, Ps, Verdi e sindacati censurano una riforma fatta “sulle spalle delle donne”. Donne – è bene ricordarlo – campionesse del lavoro non retribuito, già discriminate sul piano salariale, svantaggiate a livello occupazionale e pensionistico. E ora anche sacrificate sull’altare della stabilizzazione del primo pilastro.

La sinistra va un po’ lunga. Ma sulla sostanza ha ragione. Anche perché le compensazioni che il Nazionale ha messo sul tavolo a favore della cosiddetta generazione di transizione sono insufficienti. Se la maggioranza di centro-destra cercava una carta da spendere in votazione popolare, questa non vale granché.

È vero che il modello è più generoso, più equo e più mirato alle donne a basso reddito rispetto a quello approvato in primavera dai ‘senatori’. Ma il volume di compensazione (40%), pur superiore a quello delle soluzioni rivali, rappresenta la metà di quello della decima revisione dell’Avs, dove ben l’80% del surplus finanziario generato dall’aumento dell’età pensionabile per le donne venne reinvestito in misure di compensazione a lungo termine. Anche la durata (sei anni, poi basta) delle misure compensatorie è del tutto insufficiente e penalizzante per molte donne. 

C’è anche del buono in questa riforma, così com’è uscita dal Nazionale. Attribuire all’Avs il prodotto dei tassi negativi della Bns è opportuno (l’idea dovrebbe avere vita breve, comunque: i ‘senatori’ sono contrari). Lo è anche flessibilizzare il passaggio al pensionamento: uomini e donne potranno anticipare (perdendoci meno che finora) o rinviare (sono previsti incentivi) la totalità o una parte della rendita tra i 63 (meglio sarebbe stato 62, ma il Parlamento non ne vuol sapere) e i 70 anni, anche nella previdenza professionale.

Già, la previdenza professionale. È qui che si gioca la partita più importante per le donne. «Sappiamo che il necessario miglioramento della situazione delle donne nel secondo pilastro è una questione essenziale, che tocca anche il primo pilastro», ha detto il ministro della Socialità Alain Berset. Il Parlamento dovrà darsi da fare, e in fretta: il divario esistente tra le rendite pensionistiche di donne e uomini (37% in media), imputabile quasi esclusivamente al secondo pilastro, è una vergogna sempre meno tollerabile.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved