COB Jackets
NY Rangers
01:00
 
PIT Penguins
Seattle Kraken
01:00
 
NY Islanders
LA Kings
01:00
 
FLO Panthers
VEGAS Knights
01:00
 
TB Lightning
NJ Devils
01:00
 
OTT Senators
CAR Hurricanes
01:00
 
MON Canadiens
ANA Ducks
01:00
 
la-questione-e-che-i-maneskin-fanno-paura
Se è per questo, Iva Zanicchi ha posato nuda per Playboy (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
19 ore

Manuele Bertoli fiero, solitario y final

Il direttore del Decs è andato nel modo più nobile verso una sconfitta annunciata. Ricreazione finita per chi l’ha provocata, Plr in primis: ora riforme
Calcio
19 ore

Goldküste o Sonnenstube, l’importante è l’Fc Lugano

Il nuovo presidente del club bianconero, Philippe Regazzoni, vive a Küsnacht e non parla italiano. Una scelta inaspettata, ma non per forza sbagliata.
il commento
1 gior

L’Ucraina e la civetta di Minerva

Usa e Russia strette tra rivendicazioni e muscoli in mostra, ma la guerra non è inevitabile, perché oggi non è nell’interesse di nessuno
Commento
2 gior

Bavaglio ai diritti imbevuto d’alcol

Tennis Australia copre le magliette recanti la scritta ‘Dov’è Peng Shuai?’. Uno degli sponsor del torneo è una storica distilleria... cinese
Commento
2 gior

I Casinò, vacche sacre da (ma prima ancora per) mungere

Mentre a Locarno volano gli stracci in vista del rinnovo delle concessioni federali, passa in secondo piano il tema di chi l’azzardo lo paga a caro prezzo
Commento
3 gior

Lo gnomo spendaccione

Dopo le dimissioni del presidente e dell’Ad di Credit Suisse si è discusso del crescente ricorso delle banche svizzere a top manager stranieri
Commento
5 gior

La mozione Paul Newman

Gli analisti politici del Wall Street Journal suggeriscono ai democratici di candidare di nuovo Hillary Clinton per un’eventuale sfida a Trump nel 2024
Commento
6 gior

Migrazione: la norma, la storia di India e gli altri

Nel caso della diciannovenne di Morbio accendere i riflettori è servito. Restano nell’ombra il resto dell’umanità migrante e leggi non sempre eque
Commento
1 sett

Scuola, che si aprano le porte della sperimentazione

Un precoce restringimento delle possibilità, che sia legata al rendimento oppure ai presunti interessi, implica un condizionamento e pertanto va evitato
 
25.05.2021 - 05:250
Aggiornamento : 15:05

La questione è che i Måneskin fanno paura

Nel senso che suonano da paura, cantano da paura, hanno vent'anni e ai rockettari con la sciatica proprio non va giù (e comunque, a rimpiangere i Queen son bravi tutti)

Il giorno dopo l’Eurovision Song Contest lo spettacolo si sposta sul web, che ha poco da invidiare agli effetti speciali digitali di Rotterdam: “Disgustoso! Questi Maneskind (sic). Chi si ricorda la canzone con la quale hanno vinto Sanremo? Nessuno!”; e subito sotto: “Guarda che è proprio quella con cui hanno vinto Sanremo...”. E poi: “Ci credo che hanno vinto, hanno mobilitato un’intera nazione per votarli!”; e subito sotto: “Guarda che la loro nazione non poteva votarli...”. Sempre dal ‘Best of Facebook’: “Oggi vince solo chi urla, chi sbraita, devi cantare ‘forte’ così sei bravo!”; e subito sotto: “E allora Tony Dallara, Adriano Pappalardo e Fausto Leali?”.

Su tutte, in nome dell’inclusione tanto cara al concorso-arcobaleno che premia, al di là del premio, le diversità, c’è il filosofo: “Essere sballato gay, oggi è tutto”. E subito sotto non c’è scritto “Guarda che Damiano dovrebbe essere etero”, perché l’informazione, oltre a non essere di pubblica utilità, sarebbe del tutto superflua: non è una novità che per qualcuno, un tizio vestito di pelle nera con i tacchi alti è per forza gay e probabilmente anche sballato. E oltre che gay è pure “terrone e analfabeta, per fare più successo” (un altro filosofo, subito sotto).

La categoria degli Eurohater è senz’altro la più colorita, ma negli anfratti della rete vivono anche i cultori della purezza della razza musicale, quelli che “il rock and roll sì che mi piace, non ha mai deluso nessuno” (citazione dei diversamente diversi Elio e le Storie Tese) e che una volta che il rock and roll si palesa con quattro ventenni, per una volta, oltre i molti defunti o impasticcati idoli del genere, una volta che i Maneskind (sic) ottemperano a quel “maledetto rock and roll” che “spacchi gli alberghi, orini sul mondo” (sempre i diversamente diversi Elii), ecco che i puristi della razza ripudiano e tirano fuori dallo scaffale del salotto l’Enciclopedia del Rock citando, come versetti biblici, titoli di album, nomi e cognomi dei padri fondatori, date e luoghi della storia, fumi sull’acqua, piogge di porpora e pietre rotolanti. Tutte tavole di Mosè, sia chiaro, senza le quali oggi canteremmo ancora ‘Vola colomba’. Ma a parlare dei Måneskin solo per rimpiangere i Queen sono buoni tutti. Forse anche i Måneskin.

 

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved