questo-lugano-a-noi-piace-cosi
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
12 ore

Dopo aver corso per Totti, ora Tommasi corre per Verona

L’ex calciatore della Roma diventa sindaco alla guida di una lista civica appoggiata dal centro-sinistra. Una figura atipica nella politica italiana
Commento
1 gior

La Corte suprema Usa e i suoi imam

Stati a guida repubblicana lancia in resta dopo la sentenza anti-aborto. Dietro c’è una strategia a lungo e tenacemente perseguita
Commento
3 gior

A scuola di TiSin (elogio del cazziatone)

Le motivazioni della sanzione a una delle aziende di Ticino Manufacturing per aver aggirato il salario minimo lasciano aperta la questione politica
Commento
3 gior

M5S, la diversità di essere uguali

Lo strappo di Di Maio ci fa vedere in controluce il mondo quasi alieno e tutte le bugie che il Movimento ha raccontato prima di tutto a sé stesso
l’ospite
4 gior

Le conseguenze della guerra

Commento
4 gior

Magistratura, se la politica non fa i compiti

Riorganizzazione della Procura: a un anno e mezzo dal mandato conferitole dal Gran Consiglio, dalla commissione ‘Giustizia’ finora nulla di concreto
Commento
5 gior

Calcio femminile a maturazione lenta

I premi provenienti da Fifa e Uefa saranno equiparati per uomini e donne, ma la parità salariale è ancora lontana
Commento
5 gior

Targhe e arte della politica: la vittoria Ppd, la sconfitta Plr

Sulle imposte di circolazione il compromesso i popolari democratici l’hanno raggiunto con la sinistra, non coi liberali radicali. Appunti per il futuro
Commento
6 gior

Giochi di potere a Wimbledon

La politica ha avuto un ruolo nell’esclusione di tennisti russi e bielorussi, Atp e Wta hanno risposto togliendo i punti e inguaiando molti giocatori
Commento
1 sett

Lite Di Maio-Conte, i grillini si sfarinano

Ormai il Movimento 5 Stelle pare condannato alla scissione e a un destino di battibecchi da partitino minore
Commento
1 sett

Ha vinto solo Marine Le Pen

La Francia entra da oggi nell’era della politica liquida, del pericoloso disorientamento e del disincanto: 3 giovani su 4 non si sono recati ai seggi
Sguardo a Nord
1 sett

Casa dolce casa

Commento
1 sett

Il Tour, i Tir e quello striscione-verità

Il Mendrisiotto è attraversato da un moto di ribellione: dalle istituzioni al popolo. Colpa delle troppe corsie A2 e delle scarse attenzioni cantonali
Commento
1 sett

La canzone del Fibra

È pericoloso come dicono le femministe? O siamo bacchettoni? Comunque sia, prima di portare un artista in piazza, meglio ascoltarsi un paio di suoi dischi
laR
 
22.05.2021 - 05:30

Questo Lugano a noi piace così

I bianconeri hanno chiuso l'ennesima stagione positiva (nonostante l'Europa solo sfiorata) ma rimane aperta la questione della cessione societaria

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

L’ultima con Angelo Renzetti? Con tutto il rispetto per i giocatori del Lugano (dai più fedeli a quelli che vanno e vengono in perfetto stile calcio moderno) e per un allenatore come Maurizio Jacobacci che meriterebbe una conferma, subordinata però a un passaggio di proprietà che potrebbe anche concretizzarsi, è soprattutto l’idea che il Football Club Lugano possa separarsi dal suo presidente a generare un po’ d’inquietudine, al termine dell’ennesima stagione positiva segnata dalla gestione dell’attuale presidente.

Non è pregiudizio nei confronti di chi eventualmente subentrerà, bensì quel legittimo senso di diffidenza che accompagna ogni nuova esperienza. Già, perché Angelo Renzetti si è dimostrato un compagno di viaggio affidabile e gradevole. Perderlo, pur comprendendo bene le ragioni di un suo disimpegno, significherebbe lasciare certezze consolidate e una visione di calcio un po’ romantica - ancorché umorale e quindi soggetta a sbalzi non sempre costruttivi - che ha regalato per molti anni alla Lugano ancora appassionata di calcio e al Ticino in generale una realtà con radici ben piantate nel territorio, nel tessuto sociale in cui opera. Una società con la quale lavorare e collaborare risulta piuttosto facile, proprio per la vicinanza e la familiarità dei suoi addetti ai lavori, oggi riconoscibili, domani chissà.

Il Lugano di Angelo Renzetti ha fatto passi avanti incredibili, sul piano dell’organizzazione e della professionalità, criteri del resto imposti dalla Lega per restare al passo della Super League.

Si è adattato, si è dotato delle strutture necessarie, con trepidazione attende di poter beneficiare dell’agognato Polo sportivo - vera e propria condicio sine qua non per il futuro stesso del club - pur mantenendo quella genuinità incarnata proprio dalla sua guida, Angelo Renzetti, colui che il Lugano lo ha concepito così, voluto così e sempre difeso, affinché così - come piace a lui - restasse.

Ora che potremmo davvero essere alla resa dei conti, alla fine di una lunga parentesi che non esitiamo a definire straordinaria, per i successi ottenuti (non solo in ambito sportivo) ci sia concessa questa punta di inquietudine, un velo di magone. Magari ingiustificato, perché non è mica detto che le trattativa in corso giungano a buon fine, ma presente.

In fondo, è andato tutto talmente bene che la voglia di vedere come la storia del sodalizio si svilupperà con un’altra proprietà è giocoforza meno dell’auspicio che si possa proseguire lungo i binari sui quali il treno Lugano sferraglia ormai da molte stagioni, pur con tutte le ristrettezze del caso con le quali Renzetti ha dimostrato di sapersi destreggiare benissimo.

Peccato che questo Lugano, competitivo quanto tutte le altre in un campionato dai contenuti tecnici non eccelsi, dominato da uno Young Boys che non ha neanche dovuto essere trascendentale per vincerlo a mani basse, non abbia centrato l’obiettivo appena oltre quello minimo, indicato nella salvezza.

Un posto in Europa, al netto di tutte i “fastidi” gestionali e organizzativi che avrebbe creato, era alla portata. Non che aver mancato il bersaglio abbia fatto rafforzato in Renzetti la convinzione che sia giunto il momento di lasciare, maturata da tempo, tuttavia un premio come la ribalta europea, foriera oltretutto di un bel gruzzoletto, se lo sarebbe meritato. Lo avrebbe stimolato e ripagato. Anche in moneta sonante, perché no, giacché possiamo parlare finché ne abbiamo voglia e tempo di passione, impegno e professionalità, ma poi per fare partire quel treno e mantenerlo in corso, servono le palanche, non bastano i buoni propositi e il cuore gettato oltre l’ostacolo, magari anche a rischio della salute.

Ha fatto tutto il possibile, il Lugano di Jacobacci, questo gli va riconosciuto. Ha alternato cose belle a momenti di appannamento che, sul piatto della bilancia, hanno pesato leggermente di più, privando i bianconeri di un piazzamento sfuggito a causa di quella lunga fase un po’ troppo compassata senza vittorie tra metà dicembre e fine febbraio e, soprattutto, di quelle due settimane abbondanti tra la fine di aprile e metà maggio segnate da quattro sconfitte filate. Peccati riconducibili a quella tattica un po’ attendista e a quella solidità che sono il marchio di fabbrica della squadra di Jacobacci, andate però a scapito di un pizzico di audacia ed esuberanza che però, d’altro canto, sono state qualità rivelatesi più volte vincenti. Lacune, in fondo, proprie a tutte le rivali. Basta leggere la classifica per intuire il livellamento dei valori, sotto lo Young Boys.

Aspettarsi qualcosa di più era lecito. Agli archivi, tuttavia, oltre alle recriminazioni del caso, va anche un percorso di squadra comunque positivo, nonché l’ennesima buona stagione vissuta da protagonisti in Super League. Angelo Renzetti sa quanto questo traguardo non sia scontato. Pur solidali con il suo stato d’animo, auspichiamo che trovi la forza e le risorse per regalarcene altre...

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
angelo renzetti fc lugano super league
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved