Ginevra
1
Friborgo
1
2. tempo
(0-0 : 1-1)
Turgovia
1
Kloten
1
1. tempo
(1-1)
una-superpotenza-chiamata-netanyahu
Un manifestante con la maschera di Netanyahu vestito da carcerato (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
15 ore

E vuoi negargli il Quirinale?

Berlusconi le sta provando tutte per diventare presidente della Repubblica italiana, fra trattative poco trasparenti e una rivisitazione della sua vita
Commento
1 gior

Covid-19, lettera a una cugina No Vax

Cara cugina, alle feste sei venuta in volata. C’è chi non ti ha abbracciata e tu ci sei rimasta male, anche se capivi...
Commento
2 gior

Il gennaio maledetto dei maschi alfa

Il 2022 è iniziato male per la sottospecie più proterva, quella incline a violare le regole, per poi pensare di cavarsela con quattro scuse in croce
Commento
2 gior

Tutt’altro che tennis: Djokovic e il sottosuolo dello sport

In fondo ciò che si prova di fronte alla sentenza della Corte australiana è una sensazione di giustizia, di giustizia e di sorpresa a dire il vero
Commento
4 gior

Una Regione lunga 30 anni

Nel 1992 una nuova sinergia ha dato vita al nostro quotidiano, oggi celebriamo l’anniversario per rinnovare il nostro amore per la divulgazione
Il commento
4 gior

Per causa di forza maggiore

Annullato il visto di Novak Djokovic. Con un verdetto politico che riduce le chance di spuntarla in appello, domani alla Corte federale
il commento
5 gior

È morto Sassoli. Abbasso Sassoli! Viva Sassoli! Viva me!

La reazione alla morte del presidente dell’Europarlamento mette in evidenza la schizofrenia social, tra (auto)santificazioni e orrendi complottismi
Commento
6 gior

I Blues Brothers e il capitalismo accidentale

I licenziamenti presso Dpd dimostrano ancora una volta l’avanzata di un sistema irresponsabile, fomentato dalle voci bianche della deregulation
Commento
1 sett

L’onore perduto di Darius Rochebin

È toccato a Macron il compito di ‘riabilitare’ II giornalista svizzero, detonatore di un’inchiesta su molestie sessuali e mobbing alla Ssr
Commento
1 sett

Una bomba a orologeria chiamata Kazakistan

L’ex repubblica sovietica è uno snodo cruciale a livello economico-energetico e ora anche un termometro della situazione sociale in Asia Centrale
Commento
1 sett

Il Covid, un incubo ricorrente

Già l’anno scorso speravamo di buttarci alle spalle la pandemia. Invece siamo ancora alle prese con varianti e restrizioni, eppure un terzo non si vaccina
Commento
1 sett

Parmalat, succo di un crac

La scomparsa di Calisto Tanzi e quella volta che ci accolse il commissario straordinario Enrico Bondi
 
12.05.2021 - 05:300
Aggiornamento : 13.05.2021 - 18:03

Una superpotenza chiamata Netanyahu

Primo ministro dal 2009, trova sempre un modo per restare in sella. Gli scontri di questi giorni sono l'occasione di evitare processi e declino

“Questo qui chi si crede di essere? Ma lo sa chi è la fucking superpotenza qui?”. Era il 1996. A parlare era il presidente in carica degli Stati Uniti Bill Clinton, oggi strapagatissimo conferenziere e primo mancato first husband della Casa Bianca, fuori dai veri giochi della politica da un ventennio. “Questo qui” era Benjamin Netanyahu. Per tutti Bibi. Primo ministro d’Israele allora, primo ministro oggi, venticinque anni dopo, nonostante una serie infinita di elezioni perse. E allora: chi è la superpotenza, Bill?

Bibi chi?

Netanyahu ha costruito la propria carriera sull’idea dell’uomo forte in un Paese che come pochi ti costringe a familiarizzare in fretta con il concetto di paura. C’è un filo tutt’altro che sottile che lega quel Netanyahu - alla prima esperienza da premier - e questo, alla sua ennesima penultima esperienza da primo ministro. Perché l’ultima sembra non arrivare mai. Sembra sempre la prossima, c’è sempre un motivo perché sia la prossima. E quando il motivo non c’è, lo si può creare. O perlomeno assecondare.


Bill Clinton, Shimon Perese e Benjamin Netanyahu (Keystone)

Nel 1996, a portarlo al potere fu il gesto che tutti ricordano di un uomo il cui nome fuori da Israele pochi ricordano: Ygal Amir, l’estremista di destra che il 4 novembre 1995 uccise Yitzhak Rabin, protagonista degli accordi di Pace con Arafat. Shimon Peres, successore naturale, sembrava dovesse vincere facilmente quelle elezioni, ma una campagna aggressiva da parte di Netanyahu, tutta fondata sulla paura (alimentata da una serie di attentati palestinesi), ribaltò un voto che pareva scontato. Il suo ambiguo slogan era “Per una pace sicura”. Che vuol dire tutto e niente.

L’uomo forte

A rompere il dominio fu un altro uomo forte, Ariel Sharon, che con la sua passeggiata-provocazione sulla Spianata delle Moschee, rubò scena e poltrona al vecchio Bibi. Quella parata scatenò la Seconda Intifada, ma questi sono effetti collaterali che l’uomo forte non solo mette in conto, ma gira a suo vantaggio.

Netanyahu, proprio come Sharon, ha giocato con i simboli, con le armi e con la questione palestinese ogni volta che ha sentito di poter trarne giovamento. L’ha fatto anche questa volta, assecondando una situazione che stava precipitando. Non sarà stato lui a lanciare la pallina impazzita giù dal crinale, non è stato di sicuro lui a fermarne la corsa quando ha capito che quella pallina poteva aiutarlo. Gli scontri in piazza - proprio nella Spianata su cui passeggiò Sharon -, i lanci di razzi palestinesi, i raid israeliani, le sirene, i rifugi e tutta la paura che una situazione del genere alimenta, negli ultimi anni hanno avuto solo una soluzione: per abitudine, riflesso pavloviano e forma mentis. Bibi e la sua “Pace sicura”.


Gli scontri di questi giorni a Gerusalemme (Keystone)

Il processo per corruzione

Netanyahu aveva bisogno di essere la risposta a tutto più che mai: è indagato per corruzione con prove schiaccianti e senza l’immunità da premier rischia grosso; dopo un voto più frammentato che mai era stato nominato per formare un nuovo governo - ennesima scappatoia per succedere a se stesso - ma ha fallito. Si trova con le spalle al muro e lo spettro di un esecutivo guidato dal rivale Yair Lapid, che lo metterebbe ai margini. Il caos di questi giorni, però, lo ha riportato al centro. E lì vuole rimanere. Il problema palestinese per lui, oggi più che mai, è un’opportunità, una soluzione. Personale, molto più che nazionale.

Dell’esito imprevisto delle elezioni post-Rabin del 1996 rimase celebre la frase: “Siamo andati a dormire con Peres, ci siamo svegliati con Netanyahu”. Da dodici anni a questa parte si va a dormire con Netanyahu, si sogna tutt’altro - “Pace sicura” compresa - ma poi ci si risveglia inevitabilmente accanto a lui. Unica certezza di una promessa tradita.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved