forse-e-tardi-per-parlare-dei-brevetti-dei-vaccini
Il brevetto non basta (keystone)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
7 ore

La piccola Guerra Fredda di Biden e Putin

Biden e Putin a Ginevra, uno davanti all'altro eppure lontanissimi, tra interessi internazionali e insulti personali
Commento
7 ore

L'‘offensiva liberale’ abbia al centro anche la persona

Domani in comitato cantonale il Plr parlerà del progetto di rilancio, in cui Speziali si gioca molto tra tante aspettative e bisogni della popolazione
Commento
1 gior

Realpolitik alla ginevrina

Biden e Putin verso un summit che non fa presagire nulla di buono. Ma il precedente Reagan-Gorbaciov, in piena Guerra fredda, può farci sperare.
Commento
1 gior

Eriksen e le gazzette del voyeur

La tragedia sfiorata in campo del giocatore danese ha fatto dare il peggio a pagine social e media internazionali, che hanno preferito la morbosità alla cronaca
Commento
1 gior

L’arduo compito del successore di Petra Gössi

La presidente del Plr rassegna le dimissioni. La svittese lascia con un bilancio in chiaroscuro un partito che si trova di nuovo in una spirale discendente.
Commento
2 gior

Il clima, i pesticidi e una domenica ironicamente tragica

La fossa alla legge sul CO2 è stata scavata nelle zone rurali, da chi in nome della sopravvivenza dell’agricoltura si è battuto contro le due iniziative
Commento
4 gior

Non schwa tutto bene

Il tentativo di rendere più inclusivo il linguaggio usando nuovi segni grafici rischia di provocare l'effetto contrario, aumentando le divisioni
Commento
4 gior

Ex Macello di Lugano, a terra la fiducia nelle istituzioni

Silenzi, comunicazioni del Municipio e amianto nelle macerie dell'edificio abbattuto, alimentano forti dubbi sugli organi dello Stato
Commento
5 gior

Emozioni, ‘normali’ emozioni

Si apre stasera a Roma con Italia-Turchia un Europeo che per quanto ancora condizionato dalla pandemia, rappresenta un importante passo verso la normalità
La formica rossa
5 gior

È tutto colpa di quello sbadato pacherista

A questo punto qualche municipale fresca di nomina potrà ben dirgli che è anche responsabilità sua se poi si è ritrovato a respirare aria inquinata d’amianto
Commento
 
08.05.2021 - 05:250

Forse è tardi, per parlare dei brevetti dei vaccini

Sospendere la proprietà intellettuale sui vaccini per il Covid potrebbe non avere gli effetti sperati. Ma ugualmente dovremmo ripensare il sistema dei brevetti

Spiace dirlo, ma Guy Parmelin potrebbe non avere tutti i torti, quando afferma che la sospensione della proprietà intellettuale sui vaccini non sarebbe una buona idea. Spiace non per antipatia verso il consigliere federale, ma perché sarebbe stata una soluzione semplice e veloce alla penuria di vaccini per il nuovo coronavirus e alle disuguaglianze nella loro distribuzione. Ed è seccante quando a semplice e veloce non si unisce anche efficace.

Il fatto è che la proprietà intellettuale è, per dirla in poche parole, un gran casino e se certo le attuali restrizioni sono responsabili del fatto che produciamo meno vaccini di quanto teoricamente sarebbe possibile fare – a seconda delle stime sui potenziali produttori, potremmo avere fino a 20 miliardi di dosi nel 2021 contro i 3,2 di Pfizer, Moderna e AstraZeneca –, non è detto che una semplice sospensione dei brevetti avrebbe gli effetti desiderati, almeno a breve termine. Un primo problema è chiarire di quali brevetti stiamo parlando: nella produzione di una dose vi sono diversi prodotti e processi tutelati da proprietà intellettuale in mano a più aziende. Ammesso di essersi messi d’accordo, a livello globale, su questo punto, resta il problema della tecnologia: non basta poter disporre liberamente delle specifiche per iniziare la produzione su larga scala di vaccini ma occorre trovare strutture e competenze necessarie, cosa non semplice soprattutto per i nuovi vaccini a mRna. Le difficoltà che sta avendo Lonza per produrre, in Svizzera e su licenza di Moderna, componenti di quel vaccino lasciano intravedere quali potrebbero essere i problemi a livello globale. Ci sarebbe un altro argomento, il preferito dall’industria e citato da Parmelin nel suo intervento, contro la sospensione: quello che vede nei brevetti l’indispensabile incentivo per investire nella ricerca; ma per il momento teniamolo da parte.

Viste queste difficoltà, avrebbe più senso – nel breve termine – migliorare la distribuire dei vaccini già in produzione in tutto il mondo. Nel medio termine, sarebbe opportuno investire nel cosiddetto trasferimento tecnologico che potrebbe aumentare la produzione globale di vaccini meglio di una semplice sospensione dei brevetti. Nel lungo termine, non sarebbe male un ripensamento degli attuali strumenti di proprietà intellettuale che durante questa crisi stanno dimostrando la loro inadeguatezza.

Quello che si è visto finora, tuttavia, è l’acquisto su larga scala da parte dei Paesi ricchi che si assicurano dosi per vaccinare più volte l’intera loro popolazione, rendendo il mercato sostanzialmente inaccessibile a chi ha meno risorse. E una scarsa propensione alla condivisione tecnologica, come dimostra uno strumento introdotto dall’Organizzazione mondiale della sanità, il Covid-19 Technology Access Pool, di fatto fermo. Sperare di risolvere, adesso, questi problemi sospendendo i brevetti appare un po’ semplicistico – anche a interpretare la richiesta, come alcuni analisti hanno suggerito, come uno strumento per far pressione alle case farmaceutiche affinché investano maggiormente nel trasferimento tecnologico.

Concludiamo tornando sull’argomento dei brevetti necessario incentivo all’innovazione. Qui è un argomento ipocrita, dal momento che la sospensione sarebbe temporanea, legata a una situazione di emergenza, e quei vaccini sono stati finanziati in buona parte con fondi pubblici. Un motivo in più per ripensare il sistema della proprietà intellettuale.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved