GOLUBIC V./TEICHMANN J.
KICHENOK L./OSTAPENKO J.
03:00
 
NJ Devils
1
ARI Coyotes
3
2. tempo
(1-0 : 0-3)
NY Rangers
1
TOR Leafs
3
1. tempo
(1-3)
forse-e-tardi-per-parlare-dei-brevetti-dei-vaccini
Il brevetto non basta (keystone)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
21 ore

E vuoi negargli il Quirinale?

Berlusconi le sta provando tutte per diventare presidente della Repubblica italiana, fra trattative poco trasparenti e una rivisitazione della sua vita
Commento
1 gior

Covid-19, lettera a una cugina No Vax

Cara cugina, alle feste sei venuta in volata. C’è chi non ti ha abbracciata e tu ci sei rimasta male, anche se capivi...
Commento
2 gior

Il gennaio maledetto dei maschi alfa

Il 2022 è iniziato male per la sottospecie più proterva, quella incline a violare le regole, per poi pensare di cavarsela con quattro scuse in croce
Commento
2 gior

Tutt’altro che tennis: Djokovic e il sottosuolo dello sport

In fondo ciò che si prova di fronte alla sentenza della Corte australiana è una sensazione di giustizia, di giustizia e di sorpresa a dire il vero
Commento
4 gior

Una Regione lunga 30 anni

Nel 1992 una nuova sinergia ha dato vita al nostro quotidiano, oggi celebriamo l’anniversario per rinnovare il nostro amore per la divulgazione
Il commento
4 gior

Per causa di forza maggiore

Annullato il visto di Novak Djokovic. Con un verdetto politico che riduce le chance di spuntarla in appello, domani alla Corte federale
il commento
5 gior

È morto Sassoli. Abbasso Sassoli! Viva Sassoli! Viva me!

La reazione alla morte del presidente dell’Europarlamento mette in evidenza la schizofrenia social, tra (auto)santificazioni e orrendi complottismi
Commento
6 gior

I Blues Brothers e il capitalismo accidentale

I licenziamenti presso Dpd dimostrano ancora una volta l’avanzata di un sistema irresponsabile, fomentato dalle voci bianche della deregulation
Commento
1 sett

L’onore perduto di Darius Rochebin

È toccato a Macron il compito di ‘riabilitare’ II giornalista svizzero, detonatore di un’inchiesta su molestie sessuali e mobbing alla Ssr
Commento
1 sett

Una bomba a orologeria chiamata Kazakistan

L’ex repubblica sovietica è uno snodo cruciale a livello economico-energetico e ora anche un termometro della situazione sociale in Asia Centrale
 
08.05.2021 - 05:250

Forse è tardi, per parlare dei brevetti dei vaccini

Sospendere la proprietà intellettuale sui vaccini per il Covid potrebbe non avere gli effetti sperati. Ma ugualmente dovremmo ripensare il sistema dei brevetti

Spiace dirlo, ma Guy Parmelin potrebbe non avere tutti i torti, quando afferma che la sospensione della proprietà intellettuale sui vaccini non sarebbe una buona idea. Spiace non per antipatia verso il consigliere federale, ma perché sarebbe stata una soluzione semplice e veloce alla penuria di vaccini per il nuovo coronavirus e alle disuguaglianze nella loro distribuzione. Ed è seccante quando a semplice e veloce non si unisce anche efficace.

Il fatto è che la proprietà intellettuale è, per dirla in poche parole, un gran casino e se certo le attuali restrizioni sono responsabili del fatto che produciamo meno vaccini di quanto teoricamente sarebbe possibile fare – a seconda delle stime sui potenziali produttori, potremmo avere fino a 20 miliardi di dosi nel 2021 contro i 3,2 di Pfizer, Moderna e AstraZeneca –, non è detto che una semplice sospensione dei brevetti avrebbe gli effetti desiderati, almeno a breve termine. Un primo problema è chiarire di quali brevetti stiamo parlando: nella produzione di una dose vi sono diversi prodotti e processi tutelati da proprietà intellettuale in mano a più aziende. Ammesso di essersi messi d’accordo, a livello globale, su questo punto, resta il problema della tecnologia: non basta poter disporre liberamente delle specifiche per iniziare la produzione su larga scala di vaccini ma occorre trovare strutture e competenze necessarie, cosa non semplice soprattutto per i nuovi vaccini a mRna. Le difficoltà che sta avendo Lonza per produrre, in Svizzera e su licenza di Moderna, componenti di quel vaccino lasciano intravedere quali potrebbero essere i problemi a livello globale. Ci sarebbe un altro argomento, il preferito dall’industria e citato da Parmelin nel suo intervento, contro la sospensione: quello che vede nei brevetti l’indispensabile incentivo per investire nella ricerca; ma per il momento teniamolo da parte.

Viste queste difficoltà, avrebbe più senso – nel breve termine – migliorare la distribuire dei vaccini già in produzione in tutto il mondo. Nel medio termine, sarebbe opportuno investire nel cosiddetto trasferimento tecnologico che potrebbe aumentare la produzione globale di vaccini meglio di una semplice sospensione dei brevetti. Nel lungo termine, non sarebbe male un ripensamento degli attuali strumenti di proprietà intellettuale che durante questa crisi stanno dimostrando la loro inadeguatezza.

Quello che si è visto finora, tuttavia, è l’acquisto su larga scala da parte dei Paesi ricchi che si assicurano dosi per vaccinare più volte l’intera loro popolazione, rendendo il mercato sostanzialmente inaccessibile a chi ha meno risorse. E una scarsa propensione alla condivisione tecnologica, come dimostra uno strumento introdotto dall’Organizzazione mondiale della sanità, il Covid-19 Technology Access Pool, di fatto fermo. Sperare di risolvere, adesso, questi problemi sospendendo i brevetti appare un po’ semplicistico – anche a interpretare la richiesta, come alcuni analisti hanno suggerito, come uno strumento per far pressione alle case farmaceutiche affinché investano maggiormente nel trasferimento tecnologico.

Concludiamo tornando sull’argomento dei brevetti necessario incentivo all’innovazione. Qui è un argomento ipocrita, dal momento che la sospensione sarebbe temporanea, legata a una situazione di emergenza, e quei vaccini sono stati finanziati in buona parte con fondi pubblici. Un motivo in più per ripensare il sistema della proprietà intellettuale.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved