ULTIME NOTIZIE Opinioni
il commento
3 ore

La monarchia delle banane

Divieti assurdi, arresti e comici censurati: il lutto a oltranza del Regno Unito per Elisabetta II è sconfinato nella caricatura di dittature tropicali
Commento
1 gior

Plr, la candidatura di Alessandra Gianella è un guanto di sfida

Una lista forte da parte liberale radicale è uno sprone per tutte le forze politiche, perché la crisi morde e fuori dal Palazzo i timori si moltiplicano
Commento
2 gior

Troppe segnalazioni cadute nel vuoto: serve un filo diretto

Ex direttore delle Medie arrestato e molti altri casi di disagio: perché non pensare a un numero WhatsApp per gli allievi?
Commento
2 gior

L’ingrato compito di doversi accollare i costi della crisi

Senza i milioni della Bns il Preventivo 2023 del Cantone balla male: tuttavia il contesto richiederebbe un’azione agli antipodi da parte dello Stato
Commento
3 gior

Referendum grotteschi, ‘cristallini’ esempi di democrazia

Messa in scena perfetta per un leader militarmente alle strette, dopo aver sperato di occupare la capitale nemica con un blitz di una manciata di giorni
Commento
5 gior

L’arte della supercazzola, dal Mascetti a TiSin

L’associazione padronale Ticino Manufacturing si sfila dalle sue stesse oscenità, con un comunicato piuttosto surreale
Commento
5 gior

Ueli Maurer, lo statista riluttante

Da artefice dell’ascesa dell’Udc a consigliere federale e rispettato ‘tesoriere’. Il suo ritiro chiude un cambio generazionale nel primo partito svizzero.
Commento
6 gior

Quando la bomba scoppia in mano all’artificiere

Tutti i non sentito dire dei piani alti dell’amministrazione cantonale: dall’ex funzionario del Dss al direttore di scuola media
Commento
1 sett

La rivoluzione contro il velo

Le donne in piazza con coraggio dopo la morte di Mahsa Amini, colpevole di avere un hijab messo male. Il regime però ha risposto con il pugno duro
Commento
1 sett

Cassa malati, sogno (o chimera) di un pomeriggio autunnale

L’annuncio dei premi 2023 è senz’altro un brutto risveglio. Abbondano le motivazioni che spiegano la stangata, mancano le soluzioni
laR
 
07.05.2021 - 05:30
Aggiornamento: 12:26

La ‘Corona Diktatur’ degli uomini forti

India e Brasile, due esempi inquietanti che ci dicono che nemmeno le autocrazie riescono a fare meglio nella gestione della pandemia

di Aldo Sofia
la-corona-diktatur-degli-uomini-forti
(Keystone)

Dell’affanno delle democrazie (nel tentativo di conciliare restrizioni alle libertà individuali e salvaguardia sanitaria collettiva) abbiamo già detto. Equilibrio precario, decisioni non sempre lineari, aspetti contraddittori, concessioni o cedimenti a richieste (politiche), desideri (sociali), pressioni (economiche) per riaperture ‘a rischio calcolato’. Si può allora affermare che stanno meglio, nella strategia e nei risultati anti-virus, le autocrazie che, per parafrasare il dittatore cinese Xi Jinping, non devono tener conto di lacci e lacciuoli che invece frenano le decisioni dei regimi parlamentari. In realtà abbiamo sotto gli occhi situazioni che ci dicono che nemmeno questo é così scontato, né così vero. Non si tratta solo dei già citati casi della Cina (col suo un vaccino ‘home made’ definito poco efficace dalla stessa autorità sanitaria nazionale); o della Russia (solo 5% di immunizzati nonostante il patriottico Sputnik).    

Rifacciamoci invece agli esempi oggi più inquietanti, pericolosi per tutti, e fallimentari. In modi e misure diverse, altri due ‘giganti’ nei rispettivi subcontinenti. L’India, per cominciare, vista la sua dolorosa ed esplosiva attualità. Una nazione devastata (per vertiginoso numero di contagi, agonizzanti senza speranza, e morti) sia dalla progressione del Coronavirus sia dai plateali arroganti errori del suo primo ministro Narendra Modì. Suprematista indù, risoluto manovratore della religione nettamente maggioritaria (l’80% cento su un totale di un miliardo e oltre trecento milioni di abitanti), spregiudicato nell’eludere le regole democratiche, nemico della minoranza musulmana (quasi il 20 per cento dei “suoi” concittadini, esclusi dall’ultimo censimento, trattati dunque come apolidi). Insomma, quel che si dice ‘l’uomo forte’, termine spesso associabile alla definizione di ‘leader illiberale’. Che come tale si é comportato anche nell’emergenza pandemica: dichiarato negazionista, ne ha decretato alcune settimane fa la fulminea sconfitta, ha ‘sbugiardato’ i suoi scienziati, incoraggiato un gigantesco ‘libera tutti’, organizzato pellegrinaggi di massa (e cortei elettorali affollatissimi) per tenere acceso il radicalismo religioso. Risultato: oggi l’India é una sorta di “bomba atomico-sanitaria”, con la comunità internazionale forzatamente generosa nel volare in suo soccorso (dovrebbe essere sottoposta a “totale e rigido lockdown per diverse settimane”, ammonisce l’ americano Anthony Fauci). 

Quindi, sul versante opposto del pianeta, l’altro "uomo forte”, il negazionista brasiliano Jair Bolsonaro, che giustificò la passata dittatura militare come ‘atto patriottico’, incoraggiato la criminale deforestazione dell’Amazzonia, minacciato ancor più la sopravvivenza delle minoranze indigene diventate anche le principali vittime del virus, il più fervente ammiratore di Trump. Un altro bilancio disastroso, il suo, della gestione pandemica. Che gli ha addirittura alienato una parte consistente delle forze armate. E che lo ha schiantato nei sondaggi.

Conclusione. Conosciamo la fragilità delle democrazie (in realtà precedente lo tsunami Covid 19), la fatica della sua gestione, i suoi vari deficit partecipativi, le faglie sociali che la sviliscono e la possono minacciare. Ma la “Corona Diktatur”, quella, sta decisamente altrove.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved