fedez-mente-libera-trent-anni-dopo-elio
Da ‘Sabbiature’ al monologo
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
8 ore

La variante omicron e il nostro egoismo autolesionista

Le nuove mutazioni dipendono anche dal fatto che il virus continua a circolare liberamente nei Paesi dove non si ha accesso al vaccino.
La formica rossa
1 gior

Non gioco più, vado a casa: l’ultradestra piangina e la tivù

Invece di affrontare a viso aperto i risultati delle votazioni dopo mesi di scempiaggini sul Covid, l’Udc si nega alla Rsi
Commento
1 gior

Legge Covid, un assist che il governo ora deve saper cogliere

Il Consiglio federale esce rafforzato dal secondo, chiaro ‘sì’ alle urne. Ma adesso deve agire con maggior risolutezza per contrastare la pandemia
Commento
1 gior

Polo sportivo a Lugano, arriva anche l’assist dei cittadini

Il progetto supera, con un certo agio, lo scoglio del referendum. Iniezione di fiducia per il Municipio che ha segnato la rete decisiva
Commento
3 gior

Lezione di democrazia made in Usa

Kyle Rittenhouse è stato prosciolto dalla giuria del Wisconsin, che considera l’autodifesa più legittima del diritto di non morire crivellato
Commento
3 gior

Una certa simpatia per rettori e referendum

È arduo identificare una gerarchia: come salvaguardare la salute della democrazia senza proteggere quella dei cittadini?
LA TRAVE NELL’OCCHIO
4 gior

La normalizzazione dell’indecenza

Nei dizionari aggiornati trovate un termine ritornato di moda: cachistocrazia, ossia “governo dei peggiori e dei mediocri”
Commento
4 gior

Rete Uno: trattateci come esseri intelligenti, vi prego

Raramente mi deprimo e raramente inizio di malumore una giornata. Ma da una decina di giorni, ascoltando Rete Uno, mi capita ogni giorno
Commento
4 gior

Prepariamoci al ‘Long Covid’ delle fantasie di complotto

Quella dei complottisti è una minoranza, tuttavia il seguito è ampio: quali le conseguenze di una diffusa sfiducia nella scienza e nella politica?
Commento
5 gior

La diplomazia del ping Peng

Cina vs Usa: l’affare Peng Shuai, le Olimpiadi di Pechino, i 50 anni dal disgelo creato attorno al tennistavolo. Le vecchie strategie di due vecchi nemici
Commento
6 gior

Poveri infermieri, eroi usa e getta

Investire nella formazione senza migliorare le condizioni di lavoro è come versare acqua in una brocca bucata
Commento
1 sett

Polo sportivo a Lugano, siamo in zona Cesarini

È grande l’attesa per l’esito del referendum, una sorta di esame per il Municipio, mentre volge al termine l’agguerrita campagna verso il voto
Commento
1 sett

Molestie e violenze: primo, non tacere.

Dalla ragazza inseguita agli stupri, occorre finirla di normalizzare comportamenti inammissibili. Perché ‘lui è fatto così’ non è una giustificazione.
Commento
1 sett

Un colpo in canna per l’accesso al mercato italiano

Differire l’approvazione dell’Accordo sui frontalieri quale condizione per l’accesso al mercato finanziario italiano da parte delle banche svizzere
Commento
1 sett

Una legge Covid adatta alla realtà

Consiglio federale in bambola, sostenitori latitanti: campo libero per i fautori del ‘no’. Ma le loro tesi non reggono. E di alternative non se ne vedono
Commento
1 sett

Nodo intermodale, uno scivolone per eccesso di slancio

Il pasticcio delle decisioni di Muralto sul comparto stazione annullate dal governo, che ha portato al congelamento dell’intero progetto
Commento
1 sett

Polveriera Balcani: come evitare l’inevitabile

La Republika Srpska, entità a maggioranza serba della Bosnia, fa di tutto per esasperare gli animi, con l’aiuto di Belgrado. Meglio farci caso ora
Commento
 
03.05.2021 - 05:300
Aggiornamento : 12:13

Fedez mente libera, trent'anni dopo Elio

Al Concertone del 1991 gli Elii cantarono 'ti amo' ai furfanti della Prima Repubblica; sabato scorso, il rapper le ha cantate alla Lega. Senza autotune.

“Ok, è tutto sotto controllo, questo è un brano che parla dell’amore (…) In realtà questo è un depistaggio per il funzionario della Rai”. È il primo maggio 1991: trent’anni esatti prima di Fedez, sul palco di Piazza del Popolo a Roma ci sono gli Elio e le Storie Tese; il Complessino, fresco di contratto con la Sony che li ha voluti scritturare in nome della libertà artistica nonostante il linguaggio politicamente/splendidamente scorretto, accenna le prime note di ‘Cassonetto’, piccolo capolavoro del Demenziale; giusto il tempo di una strofa e parte un vecchio funky non annunciato che passerà alla storia come ‘Sabbiature’, una instant-song sulla malapolitica italiana, più tardi nascosta nel lato B del ‘Pippero’.

Il primo maggio del 1991, per quattro interminabili minuti, gli Elio e le Storie Tese fanno nomi e cognomi di parlamentari della Repubblica inquisiti per reati di varia natura; e al quarto minuto di nomi e cognomi – da Giulio Andreotti all’allora presidente della Rai Enrico Manca, e relativi scandali – l’azienda di Stato stacca la spina agli Elii nel pieno del coro “Ti amo Ciarrapico” (da Ciarrapico Giuseppe, bancarottiere plurimo dalle posizioni fascio-omofobe: “Due gay che si baciano mi fanno schifo, durante il fascismo venivano mandati a Carbonia, scavavano e stavano benissimo”). “Possiamo dire che abbiamo anticipato di qualche mese ‘Mani pulite’”, dirà Elio vent’anni dopo, parlando di quel pomeriggio romano in cui venne trascinato via dal palco gridando “Come Jim Morrison! Come Jim Morrison!”, mentre il funzionario depistato urlava in faccia al Complessino “Con la Rai avete chiuso!”. E invece gli Elii, alla Rai, ci sarebbero tornati tante volte a fare i cani, anzi, i giullari da guardia della democrazia, cantando del re nudo Silvio Berlusconi nei giorni delle Olgettine, di Povia che voleva guarire i gay e del ‘Complesso del Primo maggio’, la dissacrazione del Concertone stesso, nella stessa piazza di ‘Sabbiature’.

“Il popolo italiano non è deficiente se tutti gli anni elegge questi uomini”, cantavano gli Elii trent’anni fa in Piazza del Popolo, capovolgendo ad arte una predisposizione agli impresentabili che non riguarda solo gli italiani. Così come non è soltanto italiana la richiesta di voler leggere in anticipo i copioni (come chiesto dalla Rai a Fedez) o le interviste dei giornalisti. Succede anche in nazioni paladine della convivenza, in cui efficientissimi uffici stampa proibiscono ai dipendenti della tv di Stato di rispondere a domande come “Dimmi un buon motivo per non guardare il tuo nuovo programma”, ironia da gente di spettacolo scambiata per tentata lesa maestà. Insomma, tutto il mondo è Paese. Tutto il mondo è Concertone.

All’alba di domenica 2 maggio, il Fedez sul palco della “Festa dei non lavoratori” (ipse dixit) è reso più dolce dalle parole di una moglie orgogliosa. Tanto che oggi siamo tutti Chiara Ferragni, anche qualche vecchio nostalgico del rock and roll che scrive sui social “Mai mi sarei sognato di condividere un video di Fedez”, e orgogliosamente lo fa, riformulando il vecchio detto “Non sono d’accordo con quello che dici, ma darei la vita perché tu lo possa dire”, che idealmente diventa “Non ascolterei un quarto d’ora della musica che fai, ma darei la vita perché tu possa parlare sempre come hai fatto ieri”. In molti riconoscono al rapper l’avere ottemperato a quella ‘missione’ dei cantautori che oggi, per non rischiare l’impopolarità, non vanno mai oltre lo “Spero di avervi emozionato”. Perché quando la musica completa la sua funzione sociale, che in alcuni casi è anche critica, sollecitazione, denuncia, non c’è autotune che tenga.

Fedez, così come il più attempato Elio, è persona libera. Non necessita di visibilità né di denaro. Anzi, lui e la moglie ne hanno a sufficienza per costruire a Milano le terapie intensive che la politica ha tagliato negli anni. Non che avere soldi porti a dire quel che si pensa, ma viene anche più facile se un giorno dovrai affrontare una causa (ritorsione) per diffamazione (presunta). A Roma, sul palco della “Festa dei non lavoratori”, l’odierna vicenda umana riassunta dal rapper è pesata ancor più dei misfatti della Prima Repubblica di ‘Sabbiature’, brutture di una vecchia politica scostante che oggi, al contrario, ci entra in casa con la forza.

Dell’intera denuncia di Fedez – la sudditanza della politica verso la lobby calcistica, l’indifferenza verso i lavoratori dello spettacolo, la legge contro l’omotransfobia ritardata in nome di cose più urgenti come “il reintegro del vitalizio di Formigoni”, e il Vaticano azionista delle multinazionali della contraccezione, vecchia storia sempre attuale – resta, limpida come la violenza, la lettura dei virgolettati di alcuni candidati e consiglieri comunali/regionali leghisti: “Se avessi un figlio gay lo brucerei nel forno”; “I gay? Che inizino a comportarsi come tutte le persone normali”; “Gay, vittime di aberrazioni della natura”; “I gay sono una sciagura per la riproduzione e la conservazione della specie”; “Il matrimonio gay porta all’estinzione della razza”. La Lega accusa Fedez di aver fatto politica in televisione coi soldi pubblici: qualcuno spieghi alla Lega che denunciare i razzisti e gli omofobi non è politica, è informazione.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved