legittima-difesa-bastava-un-condizionale
Il promotore dell'iniziativa Giorgio Ghiringhelli (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
4 ore

Scuola, che si aprano le porte della sperimentazione

Un precoce restringimento delle possibilità, che sia legata al rendimento oppure ai presunti interessi, implica un condizionamento e pertanto va evitato
Commento
1 gior

E vuoi negargli il Quirinale?

Berlusconi le sta provando tutte per diventare presidente della Repubblica italiana, fra trattative poco trasparenti e una rivisitazione della sua vita
Commento
2 gior

Covid-19, lettera a una cugina No Vax

Cara cugina, alle feste sei venuta in volata. C’è chi non ti ha abbracciata e tu ci sei rimasta male, anche se capivi...
Commento
2 gior

Il gennaio maledetto dei maschi alfa

Il 2022 è iniziato male per la sottospecie più proterva, quella incline a violare le regole, per poi pensare di cavarsela con quattro scuse in croce
Commento
3 gior

Tutt’altro che tennis: Djokovic e il sottosuolo dello sport

In fondo ciò che si prova di fronte alla sentenza della Corte australiana è una sensazione di giustizia, di giustizia e di sorpresa a dire il vero
Commento
4 gior

Una Regione lunga 30 anni

Nel 1992 una nuova sinergia ha dato vita al nostro quotidiano, oggi celebriamo l’anniversario per rinnovare il nostro amore per la divulgazione
Il commento
5 gior

Per causa di forza maggiore

Annullato il visto di Novak Djokovic. Con un verdetto politico che riduce le chance di spuntarla in appello, domani alla Corte federale
il commento
6 gior

È morto Sassoli. Abbasso Sassoli! Viva Sassoli! Viva me!

La reazione alla morte del presidente dell’Europarlamento mette in evidenza la schizofrenia social, tra (auto)santificazioni e orrendi complottismi
Commento
1 sett

I Blues Brothers e il capitalismo accidentale

I licenziamenti presso Dpd dimostrano ancora una volta l’avanzata di un sistema irresponsabile, fomentato dalle voci bianche della deregulation
Commento
1 sett

L’onore perduto di Darius Rochebin

È toccato a Macron il compito di ‘riabilitare’ II giornalista svizzero, detonatore di un’inchiesta su molestie sessuali e mobbing alla Ssr
 
03.05.2021 - 05:300
Aggiornamento : 12:09

Legittima difesa, bastava un condizionale

La sentenza del Tribunale federale e lo scivolone del Consiglio di Stato ridanno ossigeno all'iniziativa di Ghiringhelli.

Bastava un condizionale. O un punto interrogativo, a star larghi. Il Tribunale federale li ha cercati nell’opuscolo per la votazione sui rimborsi legali nei casi di legittima difesa, ma tra le parole del Consiglio di Stato – che invitava a bocciare l’iniziativa – non li ha trovati. Come non ha trovato almeno un comunicato a libretti già stampati, per smorzare i toni e dire che la disparità di trattamento nel rimborsare solo le spese di chi è assolto in questi casi, e non per altri reati, avrebbe sì potuto fare a pugni col diritto superiore, ma si tratta d’un rischio e non d’una certezza. Losanna sgrida dunque Bellinzona per un’informazione “non oggettiva” e “in parte tendenziosa”, che avrebbe influenzato indebitamente il tiratissimo esito del voto (il ‘no’ passò per 426 voti). Risultato: un altro giro di giostra per l’approvazione di un controprogetto in Gran Consiglio, o peggio ancora un’ulteriore votazione. Che probabilmente non servirà a niente.

Se infatti il Tribunale federale stigmatizza i toni apodittici del governo ticinese, non esclude affatto che una contestazione per disparità di trattamento possa venire effettivamente riscontrata a norma in vigore, facendo cadere di nuovo il castello di carte. Non si vede d’altronde perché mai un imputato per legittima difesa possa vedersi rimborsato anche il più costoso principe del foro, alla faccia di tutti i poveretti assolti per altri reati. L’argomento col quale i promotori del ‘sì’ contestano questa previsione è che nei casi di legittima difesa l’imputato è anche vittima (di un’aggressione). Distinguo fragilino, visto che qualsiasi imputato riconosciuto innocente in sede penale può essere considerato anche vittima (di un danno giudiziario).

Eppure l’errore del Consiglio di Stato permette al promotore Giorgio Ghiringhelli di presentarsi come emblema d’un popolo vittima delle menzogne di palazzo. Narrazione che non mancherà certamente di cavalcare nei prossimi atti di questa farsa, aiutato dai tenori di quell’ultradestra per la quale il tema è utile ben oltre il merito dell’iniziativa, peraltro di esigua applicazione reale: serve a titillare per l’ennesima volta la paura per il criminale – preferibilmente straniero – e quell’insicurezza percepita e fomentata da molti, sebbene smentita da tutte le statistiche.

Siamo davvero all’“ora più buia per la democrazia diretta in Ticino”, come spara Ghiringhelli? Dopo questa sentenza con pochi precedenti, l’impressione semmai è che sia la democrazia rappresentativa a prendere una botta. Una democrazia che fin dall’inizio non ha saputo gestire l’iter come si deve, per colpa non solo dell’esecutivo. Tra le righe della sentenza emerge infatti una constatazione desolante: “La pretesa disparità di trattamento e, soprattutto, la violazione del diritto federale, non è stata esaminata compiutamente né accertata dal Gran Consiglio”. Segno di una confusione mentale che investe non solo i rappresentanti eletti all’esecutivo e al legislativo – con le dovute e commendevoli eccezioni, per carità –, ma anche i servizi giuridici e la Cancelleria. Che dovrebbero aiutarli a gestire certe pratiche nel rispetto del diritto, nella forma e nella sostanza: spesso la stessa cosa, in questi ambiti. Sicché ora si tornerà a strepitare per nulla, come se in questi tempacci non ci fosse nulla di meglio da fare.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved