ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
38 min

Divertimento, pregiudizi, didattica, ricerca... cos’è il gaming?

Chiacchierata a tutto tondo col ricercatore Supsi Masiar Babazadeh: ‘Non è solo Super Mario, ci sono programmi usati anche dalle aziende per i neoassunti’
Bellinzonese
38 min

Una Bellinzona più pulita val bene una fredda giornata di vento

Clean Up Day: oltre alle scuole si è attivato anche un gruppo di volontari capitanato dall’amministratrice di un profilo Facebook dedicato alla città
Luganese
8 ore

Orti familiari comunali a Lugano, ‘tutti devono concorrere’

Il bando scade il 14 ottobre. La municipale Cristina Zanini Barzaghi: ‘Gli anziani i più interessati, già passati attraverso altre crisi economiche’
GALLERY
Mendrisiotto
10 ore

Mendrisio, ‘Sagra del Borgo riuscita al 100 per cento’

Nella tre giorni di festa che ha caratterizzato il nucleo storico non ci sono stati interventi per risse o violenze. Sam sollecitato in due occasioni.
Mendrisiotto
11 ore

Chiasso, natura e paesaggio per il ‘nuovo’ Faloppia

Il Municipio presenta al Consiglio comunale la richiesta di un credito di 300mila franchi per elaborare il progetto definitivo di riqualifica
Mendrisiotto
12 ore

‘ProgettoAmore’ e i fondi per l’emergenza in Ucraina

I proventi della manifestazione sono stati donati all’associazione Insieme per la pace che grazie a due volontari ha portato provviste a Nikolaev
Ticino
12 ore

Il governo dice sì al fondo per apprendisti in difficoltà

Accolta la proposta di Fonio ed Ermotti-Lepori. Sarà gestito dal Decs, rifornito da pubblico e privato, e servirà a rifondere le direzioni delle sedi
Luganese
12 ore

Marco Valli cittadino onorario di Comano

La proclamazione con il voto unanime del Consiglio comunale per il suo impegno: 40 anni dedicati alla collettività
Luganese
13 ore

Parco Morosini di Vezia, inaugurazione col sole

Il polmone verde, restaurato e valorizzato, riaperto al pubblico. Gli edifici storici sono tornati all’antico splendore
29.04.2021 - 11:07
Aggiornamento: 18:13

'Clamoroso, la votazione sulla legittima difesa è da rifare'

Giorgio Ghiringhelli vince al Tribunale federale: il governo ticinese ha diffuso informazioni "non corrette e in parte tendenziose"

clamoroso-la-votazione-sulla-legittima-difesa-e-da-rifare
Giorgio Ghiringhelli e il suo avvocato, Sabrina Aldi

'Clamoroso, la votazione sulla legittima difesa è da rifare'. Lo annuncia l'autore del ricorso al tribunale federale, Giorgio Ghiringhelli, che ha accolto il suo ricorso. Il governo ticinese conferma la notizia in un comunicato stampa, spiegando che ora la votazione del 9 febbraio 2020 "è stata pertanto annullata e dovrà essere ripetuta" e indica già la data possibile: il 26 settembre prossimo. 

Il materiale informativo conteneva formulazioni inesatte 

La vicenda ricorsuale viene così riassunta dal Consiglio di Stato: "La I Corte di diritto pubblico del Tribunale federale, esprimendosi sul ricorso presentato da Giorgio Ghiringhelli – promotore dell’iniziativa popolare «Le vittime di aggressioni non devono pagare i costi di una legittima difesa» – ha annullato la votazione cantonale del 9 febbraio 2020, che era stata respinta in votazione dal 50,26% dei votanti (41282 voti contrari contro 40856 favorevoli). Il ricorso verteva sull’opuscolo informativo trasmesso alla cittadinanza in vista della votazione, e in particolare sull’affermazione che l’iniziativa popolare avrebbe comportato una disparità di trattamento e la violazione del diritto federale. Secondo il Tribunale federale, questa formulazione è inesatta: durante i lavori parlamentari, infatti, erano solo stati espressi dubbi e perplessità sul rispetto di questi principi, senza che fossero accertate violazioni. La corte ha poi esaminato la campagna che ha preceduto la votazione, rilevando che le affermazioni contestate dai ricorrenti non sono state controbilanciate a sufficienza per riequilibrare l’informazione. Alla luce di questa analisi, il Tribunale federale ha accertato un’irregolarità nella libera formazione della volontà e nell’espressione fedele del voto dei cittadini. Vista l'esigua differenza di voti (426 su oltre 82 mila), la corte ha quindi ritenuto che l'esito dello scrutinio potrebbe essere stato influenzato in modo decisivo. Di conseguenza, è stato deciso l’annullamento della votazione popolare del 9 febbraio 2020.

Il Consiglio di Stato ha preso atto della decisione del Tribunale federale e dovrà indire una nuova votazione sull’iniziativa popolare «Le vittime di aggressioni non devono pagare i costi di una legittima difesa». La prossima data riservata alle votazioni è il 26 settembre 2021.
Raggiante per il risultato, Giorgio Ghiringhelli, autore del ricorso al Tribunale federale, che parla di "sentenza clamorosa": "Una sentenza (senza precedenti) del Tribunale federale bacchetta il Consiglio di Stato ticinese. "Clamorosa  sentenza nella quale probabilmente nessuno in questo Cantone credeva, a parte il sottoscritto (e il mio avvocato Sabrina Aldi ) che da sempre è strenuo difensore della democrazia diretta.  La sentenza, destinata probabilmente ad avere strascichi politici a causa della figuraccia fatta dal Cantone e dal Governo e degli ingenti costi per la ripetizione della votazione, entrerà a far parte della storia politica del Ticino". Ghiringhelli informa inoltre che aveva chiesto a governo e Parlamento di porre rimedio al materiale informativo della votazione, ma è rimasto inascoltato. 

 

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved