per-sgravisti-e-tassatori-il-2023-e-dietro-l-angolo
Obiettivo: Palazzo delle Orsoline (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
12 ore

L’ultimo apostolo del male social è Andrew Tate

Misoginia, sessismo, razzismo, omofobia, culto della violenza. I suoi contenuti incarnano il peggio della società, eppure è una webstar. Chi è?
il commento
1 gior

Bruce Springsteen ha perso la voce

Biglietti fino a 5mila dollari, i fan protestano, lui tace e manda avanti il suo manager. Eppure il Boss ci aveva insegnato la coscienza sociale
Commento
2 gior

Lugano senza Borradori, un anno dopo

La scomparsa dell’ex sindaco: un bilancio in chiaroscuro dell’operato del Municipio e uno sguardo verso i futuri appuntamenti elettorali
Commento
3 gior

Carlo Calenda, il guastatore

L’ego del nipote di uno dei maestri della commedia all’italiana rischia di consegnare l’Italia al centro-destra del trio Meloni-Salvini-Berlusconi
La formica rossa
3 gior

Aló Presidente, il richiamo ‘bolivariano’ di Alessandro Speziali

Se gli aperitivi in salsa elettorale iniziano già a metà agosto, come faremo ad arrivare ‘fit’ ad aprile 2023?
Commento
4 gior

Russia, teatro di uno scontro tra due generazioni

I 70enni, ubriachi di propaganda televisiva, appoggiano l’Operazione militare speciale. I minori di quaranta chiedono l’apertura di trattative con Kiev
Commento
5 gior

L’Ucraina e le ambiguità del Papa

Si sbloccano il viaggio a Kiev, l’incontro con Kirill e forse anche con Putin. Bergoglio doveva fugare alcuni dubbi dopo le sue dichiarazioni stonate
Commento
1 sett

È il carovita, bellezza!

La ricomposizione del potere d’acquisto dei salariati risulta auspicabile e priva di rischi: a trarne beneficio sarebbe tutta l’economia
Commento
1 sett

Orbán il sovranista e la ‘purezza razziale’

‘Non vogliamo diventare un popolo di razza mista’, ha detto l’autocrate ungherese che Meloni saluta come ‘leader dei sovranisti’
il commento
1 sett

Taiwan, sdraiata su una mina

La visita di Nancy Pelosi è la dimostrazione che ogni mossa eclatante non può far bene all’isola, eppure l’immobilità la condurrà allo stesso destino
laR
 
21.04.2021 - 05:30
Aggiornamento: 13:19

Per sgravisti e tassatori il 2023 è dietro l’angolo

Archiviate le Comunali si guarda ora al prossimo appuntamento elettorale fra due anni, tra domande e speculazioni che riguardano tutti i partiti di governo

Alzare il moltiplicatore di qualche punto o ridurre le spese. È questo il dilemma che molto probabilmente accompagnerà buona parte degli esecutivi e dei legislativi comunali appena usciti dalle urne. Già, perché la pandemia pesa sui conti dei piccoli agglomerati così come sulle finanze delle città. La stessa pandemia che ha costretto il Ticino a rinviare di un anno le elezioni e che ora, con tutte le sue sfaccettature, condiziona eccome la legislatura breve in avvio.

Ciò che risulta rilevante di primo acchito è che a venire, diciamo, premiati (o almeno, a uscire indenni) dalla ripartizione dei seggi nei municipi siano i liberali radicali da un lato e l’alleanza rossoverde dall’altro. Due schieramenti piuttosto in contrapposizione per quel che riguarda l’approccio alla fiscalità e alla gestione delle finanze pubbliche. Sgravisti o tassatori, direbbero polemicamente gli uni degli altri.

E forse questo è un primo dato che emerge dalle urne, nitido appunto nella distribuzione delle poltrone negli esecutivi comunali: di fronte all’incertezza generata dalla pandemia, e dalle sue conseguenze economiche e sociali, la gente si attende delle risposte concrete. Che si rinunci a toccare l’aliquota d’imposta, in campo liberale. Che venga garantita la rete di protezione sociale costi quel che costi, la linea a sinistra. Chi dei due ha ragione? Tutti e nessuno.

Toccherà quindi a entrambi i fronti, insieme alle altre forze politiche che siedono nei vari municipi e nei consigli comunali, giungere a dei compromessi. Per fortuna, si potrebbe dire, sia dalla parte del Plr sia nelle fila del Ps la capacità di convergenza non manca (cosa che non per forza è sempre una qualità di cui vantarsi).

È chiaro poi che chi esce indebolito da questa tornata elettorale è il Ppd. Popolari democratici che, per quel che riguarda la discussione sul mancato equilibrio delle finanze pubbliche, si sono per ora dimostrati piuttosto attendisti (affondati dalla prudenza?). Soprattutto nel dibattito a livello cantonale hanno più volte rimarcato quanto non sia questo il momento per decidere tagli o aumenti d’imposta. Ma chiaro: i tempi (e il portafoglio) della politica comunale non sono gli stessi di quella cantonale. Una politica cantonale che, archiviate le Comunali, guarda ora al prossimo appuntamento elettorale del 2023 (da ieri diventato vicinissimo).

Le domande e le speculazioni in vista delle Cantonali che si terranno fra due anni, certo, non mancano. E riguardano un po’ tutti: può crescere ancora la forza del fronte rossoverde in Ticino? E su quale figura andrebbe eventualmente “investita” tale forza? Quale sarà invece la sorte dei partiti storici? Assistiamo a un inesorabile tramonto dei conservatori, oppure stanno soltanto affrontando un periodo di rinnovamento (per nulla indolore) per poi rilanciarsi? E a proposito di rilancio, che dire dei liberali? Siamo davvero di fronte a una rinascita del Plr, dopo la batosta alle Federali del 2019? Cosa succederà poi con la destra ticinese: è giunta l’ora per l’Udc di rivendicare un seggio in Consiglio di Stato a spese del partner leghista? Oppure si farà ancora andare bene quale suo rappresentante l’attuale presidente del governo, detentore della doppia tessera?

I prossimi mesi, di sicuro, cominceranno a portare delle risposte. Staremo a vedere.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
elezioni cantonali elezioni comunali finanze pubbliche ticino
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved