no-la-scienza-non-ne-uscira-migliore
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
1 gior

È il carovita, bellezza!

La ricomposizione del potere d’acquisto dei salariati risulta auspicabile e priva di rischi: a trarne beneficio sarebbe tutta l’economia
Commento
2 gior

Orbán il sovranista e la ‘purezza razziale’

‘Non vogliamo diventare un popolo di razza mista’, ha detto l’autocrate ungherese che Meloni saluta come ‘leader dei sovranisti’
il commento
3 gior

Taiwan, sdraiata su una mina

La visita di Nancy Pelosi è la dimostrazione che ogni mossa eclatante non può far bene all’isola, eppure l’immobilità la condurrà allo stesso destino
Locarno75
4 gior

Un Film Festival à la carte: comincia l’avventura

Oggi, in una rassegna, non contano solo i film, ma anche le comparse su più o meno rossi tappeti. Eppure, la selezione di quest’anno è degna di curiosità
Commento
5 gior

Neutralità non è star sopra un albero

Questo primo d’agosto, dopo stranieri e cittadini radical chic, la destra si è trovata un nuovo nemico: quelli che ‘tradiscono’ la neutralità svizzera
il commento
1 sett

Il Covid muta, la Cina no

Su Science i dati che mostrano come la pandemia sia nata nei mercati di Wuhan, ma a Pechino – dove tutto tace – nessuno vuole cambiare regole e abitudini
Commento
1 sett

Basta un complimento alla ragazza sbagliata e parte la rissa

Settecento procedimenti penali contro minorenni nei primi sei mesi dell’anno è un record. I nuovi volti della violenza giovanile
Commento
1 sett

Quando ‘le mie cose’ ci imponevano i calzoncini

Il ciclo mestruale pare sdoganato dalla recente presa di posizione di alcune sportive preoccupate dal bianco delle loro divise
Commento
1 sett

La Restaurazione dei Gelsomini

Il presidente Saïed ha messo fuori gioco tutti gli avversari politici e ha imposto una Costituzione che cancella la Rivoluzione del 2011
laR
 
14.04.2021 - 05:30

No, la scienza non ne uscirà migliore

La pandemia poteva essere un’opportunità per sviluppare un dialogo autentico e costruttivo tra scienza e società. Ma non è andata così

Ammettiamolo: un po’ ci avevamo creduto, alla storia che ne saremmo usciti migliori. O quantomeno ci abbiamo un po’ sperato, guardando a quel rinnovato senso di comunità e di responsabilità delle prime settimane di pandemia. Adesso gli interrogativi sensati su cosa resterà riguardano giusto qualche giorno a settimana di telelavoro e gli aperitivi da asporto.

Finché si tratta della scomparsa dai balconi degli striscioni arcobalenati, poco male: la delusione più grande, in questo anno e passa di pandemia, riguarda il rapporto tra scienza e società. Di motivi per sperare in un dialogo autentico tutto sommato ce ne erano: la diffusione globale di una nuova malattia contagiosa come monito ad ascoltare chi da tempo sottolineava il rischio rappresentato dalle epidemie; un nuovo virus di cui si sapeva poco, dalle origini alle modalità di contagio all’efficacia di trattamenti e interventi non farmacologici, un’occasione per ragionare su come prendere decisioni in situazioni di incertezza e adattarle al progredire delle conoscenze; un’emergenza sanitaria che riguarda non solo la salute del corpo, ma anche la mente, i rapporti sociali e l’economia è un invito a mettere in relazione varie discipline e approcci per dare più elementi possibili alla popolazione e ai decisori politici; una pandemia che colpisce tutta la popolazione mondiale, un’opportunità per superare certi pregiudizi prendendo in considerazione le esigenze di minoranze e discutere a livello globale le misure necessarie. C’era, insieme alla paura e alla diffidenza, un grande potenziale di fiducia nei confronti del sapere scientifico che lentamente si è esaurito, travolto da paternalistici inviti, per non dire ordini, a “seguire la scienza”, dagli sfottò per chi anche comprensibilmente cadeva in qualche fake news o poneva legittimamente qualche domanda, dai calcoli geopolitici che hanno dominato lo sviluppo e la distribuzione dei vaccini, dall’incapacità, anche di buona parte della comunità scientifica, di gestire l’enorme flusso di informazione e disinformazione. Certo, uno zoccolo duro di complottisti e negazionisti lo si avrà sempre, ma è una minoranza chiassosa che bisogna ignorare guardando alla maggioranza silenziosa degli indecisi e dei perplessi. Che è rimasta lì: indecisa, perplessa e soprattutto disorientata da una comunicazione scientifica tutt’altro che esemplare.

È a questa occasione perduta che si pensa, leggendo le parole di Alberto Mantovani, direttore scientifico dell’istituto clinico Humanitas, intervistato in occasione della consegna della borse di ricerca della Fondazione Ibsa che avrà luogo oggi. Parlando di responsabilità sociale della ricerca scientifica, di come la scienza non sia o non possa essere eticamente neutra e indifferente, Mantovani ha indicato certamente l’integrità, ovvero il dovere di non falsificare i risultati, il tipo di ricerca alla quale ci si dedica, ma anche la comunicazione. È un dovere, per la persona di scienza, comunicare con la società in modo semplice, chiaro e umile, riconoscendo i propri limiti, pensando alle conseguenze di quel che si dice. Durante l’intervista si è preferito non fare nomi, ma gli esempi negativi, durante questo ultimo anno, non sono mancati e alla fine, da questa pandemia, non ne usciremo migliori, per quanto riguarda il dialogo tra scienza e società.

Accontentiamoci del telelavoro e degli aperitivi da asporto.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
alberto mantovani covid pandemia scienza società
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved