ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
4 ore

L’arte della supercazzola, dal Mascetti a TiSin

L’associazione padronale Ticino Manufacturing si sfila dalle sue stesse oscenità, con un comunicato piuttosto surreale
Commento
4 ore

Ueli Maurer, lo statista riluttante

Da artefice dell’ascesa dell’Udc a consigliere federale e rispettato ‘tesoriere’. Il suo ritiro chiude un cambio generazionale nel primo partito svizzero.
Commento
1 gior

Quando la bomba scoppia in mano all’artificiere

Tutti i non sentito dire dei piani alti dell’amministrazione cantonale: dall’ex funzionario del Dss al direttore di scuola media
Commento
2 gior

La rivoluzione contro il velo

Le donne in piazza con coraggio dopo la morte di Mahsa Amini, colpevole di avere un hijab messo male. Il regime però ha risposto con il pugno duro
Commento
3 gior

Cassa malati, sogno (o chimera) di un pomeriggio autunnale

L’annuncio dei premi 2023 è senz’altro un brutto risveglio. Abbondano le motivazioni che spiegano la stangata, mancano le soluzioni
Commento
4 gior

Con la candidatura di Marchesi, a destra parte la bagarre

Se il presidente Udc verrà eletto in governo, sarà a scapito di un seggio leghista. La Lega dovrà difendersi anche dagli ‘amici’, che però corrono veloce
Commento
4 gior

L’era del tofu merluzzato

Gli italiani disposti a provare qualsiasi cosa pur di vedere un cambiamento. Ma il cambiamento, finché ci saranno Casini e i suoi emuli, pare impossibile
Commento
4 gior

Un’onda nera sull’Italia

L’analisi di Aldo Sofia dopo il voto che ha visto trionfare Giorgia Meloni
Commento
5 gior

Dal ‘sì’ ad Avs 21 segnali chiari alla politica

No a un ulteriore aumento dell’età di pensionamento, no a riforme a scapito delle donne meno abbienti, avanti con quella del secondo pilastro
Commento
1 sett

Zanchi, Bossalini, la malerba e la capacità di rimanere zen

Nella battaglia politica che si combatte attorno al Corpo di polizia di Locarno, la fretta è cattiva consigliera per capodicastero e comandante
08.04.2021 - 05:30
Aggiornamento: 17:28

Due poltrone per tre

Erdogan 'dimentica' una sedia per la presidente della Commissione europea von der Leyen ad Ankara, ma l’Ue tarda a reagire, dimostrando le solite debolezze

due-poltrone-per-tre
Le due poltrone fatte trovare da Erdogan (Twitter)

Nell’epoca dei sequel cinematografici insensati, in cui Eddie Murphy torna ne “Il principe cerca figlio” trent’anni dopo aver cercato moglie, Europa e Turchia hanno deciso di risparmiare all’attore americano almeno il seguito di “Una poltrona per due”, raggiungendo – con le due poltrone per tre – livelli di farsa degni di un copione di Hollywood.

La coproduzione euro-turca non è una novità da quando Bruxelles ha deciso – ormai tempo fa – di prostrarsi al sultano in nome del dio denaro e di un rispetto reciproco che reciproco non è, assecondando Ankara sempre e comunque, su qualsiasi terreno: fosse il mancato rispetto delle regole d’ingaggio nella guerra ai curdi o quello del galateo in un salotto diplomatico, poco cambia.

Sembra quasi che Erdogan alzi – volutamente – sempre più l’asticella, scommettendo con i suoi accoliti sul punto di rottura dell’Europa, che però non arriva mai. Chissà le risate che si fanno i turchi, con la loro strafottenza combattuta a suon di buffetti.

L’ultimo capitolo, quello della poltrona mancante, si spiega da solo già nella tempistica: è accaduto lunedì, lo abbiamo saputo mercoledì, nel frattempo martedì i due leader coinvolti nel gioco della sedia – la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen e il presidente del Consiglio Ue Charles Michel – hanno parlato, come se nulla fosse accaduto, di passi avanti nei rapporti con la Turchia e poi ripreso senza convinzione quel birichino di Erdogan sui diritti civili.

Cosa debba ancora fare e dire il presidente turco per ricevere una risposta degna delle sue provocazioni non si sa: poche settimane fa ha fatto uscire il suo Paese dalla Convenzione di Istanbul, il primo documento internazionale sulla protezione delle donne da ogni forma di violenza; durante la visita dei rappresentanti Ue ha fatto arrestare dieci ex ammiragli; ieri ha mandato all’ergastolo i militari che avevano partecipato a quel golpe maldestro e forse da lui stesso inventato per togliersi di torno gli ultimi nemici. L’avesse fatto l’Iran o qualche Paese latinoamericano avremmo l’Europa piena di gente che sbatte pugni sul tavolo, qua è già tanto se chiedono a Erdogan se al tavolo si possono sedere o come Von der Leyen devono accomodarsi a quello dei bambini, che ad Ankara ha preso la forma di un comodo, scomodissimo divano.

Lasciando perdere Erdogan, che si commenta da sé, ieri molti hanno criticato Michel per non aver ceduto il posto alla collega, dimenticando che a livello gerarchico, in una visita di questo tipo, il ruolo di Michel – in quanto rappresentante dei governi europei – era più importante di quello di Von der Leyen.

Ma andando dietro all’etichetta diplomatica si finirebbe col dare ragione a Erdogan, e proprio non si può. In tempi di “cat calling”, “non una di meno”, “me too” e femministe barricadere, spiace che proprio Von der Leyen, una delle donne più potenti del mondo, non abbia avuto un vero scatto d’orgoglio. Qualcosa di più visibile di quell’“ehm” spazientito da cameriera ignorata in attesa di elencare il menu del giorno.

Serviva un gesto fuori dalle righe, epocale come tutti quei momenti iconici che si fanno manifesto delle vere rivoluzioni. Poteva permetterselo, magari piantandosi in mezzo ai due, pretendendo rispetto e anche una sedia su cui potevano sedersi davvero in tre in un colpo solo: lei, le donne e l’Unione europea.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved