un-locarnese-nel-dramma-di-antigone
Johan Cosar (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
22 ore

Rotto l’argine della dialettica, Ppd e Plr pensino al futuro

Lo scambio di cortesie tra Dadò e Speziali non è per forza un male. Però entrambi sappiano che protagonista non è il dibattito politico, ma chi fuori soffre
Commento
22 ore

Forse è tardi, per parlare dei brevetti dei vaccini

Sospendere la proprietà intellettuale sui vaccini per il Covid potrebbe non avere gli effetti sperati. Ma ugualmente dovremmo ripensare il sistema dei brevetti
Commento
1 gior

La ‘Corona Diktatur’ degli uomini forti

India e Brasile, due esempi inquietanti che ci dicono che nemmeno le autocrazie riescono a fare meglio nella gestione della pandemia
Commento
2 gior

Trump, quella di Facebook è una censura lecita ma maldestra

La sospensione a tempo indeterminato dell'ex presidente è una sanzione vaga e priva di base normativa. La “corte suprema” del social network chiede chiarezza, probabilmente invano
DISTRUZIONI PER L’USO
2 gior

Classici e razzismo: precisazioni su Howard (e Marion)

L'università afroamericana non chiude il dipartimento di ‘Classics’ per via della ‘cancel culture’. Ma in Italia e in Ticino si preferisce non verificare
Commento
3 gior

Il non rinnovo di Pelletier, un epilogo in parte già scritto

Non si tratta di un fulmine a ciel sereno, ma la fine di un capitolo probabilmente solo rimandato dalla pandemia
Commento
3 gior

I guardiani della risata

Per molti, se una battuta non ci fa ridere, non deve ridere nessuno. Ma per il comico Ricky Gervais "se ti senti offeso, non è detto tu abbia ragione"
La formica rossa
4 gior

C’era una volta il fioretto, ora la spada affonda il Triciclo

Gli accordi saltano quando si parla di poltrone. E di Centro. Serve leggere tra le righe, non solo in un pomeriggio dei lunghi coltelli come quello di ieri
Commento
4 gior

La storiella, la campana e il coraggio politico (che ci manca)

Del presidente americano Biden la rivoluzionaria svolta: 'È tempo di costruire un’economia che cresca dal basso verso l’alto'
Commento
29.03.2021 - 11:000
Aggiornamento : 17:24

Un locarnese nel dramma di Antigone

Il caso di Johan Cosar, in guerra contro l'Isis, ricalca ciò che scrisse 2'500 anni il drammaturgo greco Sofocle

Johan Cosar non ha mai letto la tragedia di Sofocle. Quando gliene accenniamo ascolta con curiosità. È intrigato perché in Antigone, scritta 2'500 anni fa, il drammaturgo greco aveva già illustrato il dilemma che la storia ci consegna regolarmente e che è stato al centro del processo al Tribunale militare d’appello in cui il 39enne locarnese è stato condannato giovedì scorso. Si è arruolato nelle milizie siriache cristiane (Smc) che lottano contro l’Isis nel nord est della Siria.

In quanto cittadino svizzero, senza l’autorizzazione del Consiglio Federale, non aveva il diritto di farlo. Ma è lecito violare la legge dello Stato in nome di valori etici più alti e universali? Antigone, come Johan Cosar, risponde di sì. Viene condannata dal re di Tebe Creonte a languire in una grotta, perché contrariamente agli ordini di quest’ultimo aveva voluto dare sepoltura al fratello Polinice. Di fronte al sovrano, Antigone non si schermisce: “Confermo di averlo fatto e non lo nego”. E poi aggiunge “per me non fu Zeus a proclamare quel divieto e neppure Dike (la Dea della giustizia, ndr)”. Come dire che la giustizia divina non può essere subordinata a quella degli uomini. Ritorniamo da noi: certo il colonnello della Santa non è Creonte, Locarno non è Tebe, e la pena inflitta a Cosar è ben poca cosa rispetto a quella subita dalla celebre figlia di Edipo.

Ma quello della disobbedienza civile è un tema universale che da sempre interroga il rapporto tra diritto ed etica. Lo scrittore americano Henry David Thoreau, autore del saggio “La disobbedienza civile” viene incarcerato nel 1848 perché si rifiuta di pagare la tassa per finanziare la guerra con il Messico. Più vicino alla nostra realtà, al nostro controverso passato, come non ricordare il “giusto tra le nazioni”, il capitano della polizia di San Gallo Paul Grüninger, l’eroe svizzero che ha disobbedito alla legge falsificando documenti d'identità per salvare gli ebrei. Alla lettura della sentenza nel 1940, l’ufficiale, ora riabilitato con tanto di strade a lui intitolate, disse: “Non mi vergogno per il verdetto della Corte. Al contrario sono orgoglioso di aver salvato la vita di centinaia di persone”.

Johan Cosar ha combattuto con la sua milizia cristiana assiro-siriaca a fianco dei curdi nella coalizione delle “Forze Democratiche Siriane (Sdf) che hanno piegato i tagliagole dell’Isis, il male assoluto. È grazie al loro intervento e soprattutto al loro coraggio, che il Califfato di Abu Bakr al-Baghdadi ha avuto vita breve in Siria e in Iraq a est dell’Eufrate. Se Cosar ha violato la legge lo ha fatto per proteggere la vita della sua gente e i villaggi minacciati dai fanatici islamisti. Che pure per la Svizzera costituiscono una minaccia. Appare dunque singolare l’affermazione secondo la quale Cosar “avrebbe affievolito la forza difensiva del paese”. Una decina di anni fa – ha ricordato la sua avvocata Luisa Polli- sono stati riabilitati i combattenti elvetici che negli anni ’30 andarono a difendere la Spagna dall’aggressione del “Generalisimo” Francisco Franco e dei falangisti. La legge degli uomini lo ha dunque condannato, ma Johan Cosar ha avuto ragione a seguire anche lui Dike, l’altra giustizia, quella dettata dalla morale. La sua battaglia merita riconoscenza e rispetto.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved