l-eleganza-negata-del-passo-indietro
Joe Biden e, sullo sfondo, Kamala Harris (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
22 ore

Rotto l’argine della dialettica, Ppd e Plr pensino al futuro

Lo scambio di cortesie tra Dadò e Speziali non è per forza un male. Però entrambi sappiano che protagonista non è il dibattito politico, ma chi fuori soffre
Commento
22 ore

Forse è tardi, per parlare dei brevetti dei vaccini

Sospendere la proprietà intellettuale sui vaccini per il Covid potrebbe non avere gli effetti sperati. Ma ugualmente dovremmo ripensare il sistema dei brevetti
Commento
1 gior

La ‘Corona Diktatur’ degli uomini forti

India e Brasile, due esempi inquietanti che ci dicono che nemmeno le autocrazie riescono a fare meglio nella gestione della pandemia
Commento
2 gior

Trump, quella di Facebook è una censura lecita ma maldestra

La sospensione a tempo indeterminato dell'ex presidente è una sanzione vaga e priva di base normativa. La “corte suprema” del social network chiede chiarezza, probabilmente invano
DISTRUZIONI PER L’USO
2 gior

Classici e razzismo: precisazioni su Howard (e Marion)

L'università afroamericana non chiude il dipartimento di ‘Classics’ per via della ‘cancel culture’. Ma in Italia e in Ticino si preferisce non verificare
Commento
3 gior

Il non rinnovo di Pelletier, un epilogo in parte già scritto

Non si tratta di un fulmine a ciel sereno, ma la fine di un capitolo probabilmente solo rimandato dalla pandemia
Commento
3 gior

I guardiani della risata

Per molti, se una battuta non ci fa ridere, non deve ridere nessuno. Ma per il comico Ricky Gervais "se ti senti offeso, non è detto tu abbia ragione"
La formica rossa
4 gior

C’era una volta il fioretto, ora la spada affonda il Triciclo

Gli accordi saltano quando si parla di poltrone. E di Centro. Serve leggere tra le righe, non solo in un pomeriggio dei lunghi coltelli come quello di ieri
Commento
4 gior

La storiella, la campana e il coraggio politico (che ci manca)

Del presidente americano Biden la rivoluzionaria svolta: 'È tempo di costruire un’economia che cresca dal basso verso l’alto'
il commento
27.03.2021 - 05:300

L’eleganza negata del passo indietro

Biden stuzzica Trump e annuncia che si ricandiderà nel 2024: avrà 81 anni. Non era meglio tirare una storica volata a Kamala Harris?

La sanità lombarda non sa quel che fa, e non da ieri, nel canale di Suez – scambiato per un parcheggio – non sanno cosa fare oggi e io non so cosa farò domani. Joe Biden sa già che si ricandiderà alle elezioni del 2024. Beato lui che a 78 anni è pieno di certezze. Navigano a vista tutti, dalle megaportacontainer ai guru del vaccino, ma Sleepy Joe (Joe l'addormentato), come lo chiamavano i detrattori in campagna elettorale, deve essere in fase Rem e sogna otto anni alla Casa Bianca. Infischiandosene di piccoli dettagli come l'età, il ricambio generazionale, la questione razziale e di genere. Rinnegando più o meno tutto ciò che gli ha permesso di essere eletto e affogando le speranze di coloro che - pur non sentendosi rappresentati da lui - lo hanno votato immaginando un traghettatore che accompagnasse fuori dalla Casa Bianca un uomo disconnesso dalla realtà come Donald Trump per poi fare spazio ad altri. E ad altro. Sembrava nelle cose, prendendo spunto da chi fa conclavi da più tempo di tutti: Biden scelto più per necessità e calcolo che per acclamazione, per condurre un papato breve in grado di dare alla democrazia americana tempo di riassestarsi dopo quattro anni di sconquassi in superficie e alle fondamenta.

Biden, per essere dov’è, dovrebbe ringraziare Barack Obama, che ha fatto la campagna elettorale al suo posto, l’ondata d’indignazione tirata su da Black Lives Matter e il fatto di aver scelto l’uomo giusto – cioè una donna, nera – come vice: Kamala Harris. Certo, deve ringraziare anche un rivale che negava la pandemia, le sparava sempre più grosse e flirtava apertamente con i russi. Uno che pur di non farsi da parte ha caldeggiato l’invasione dei palazzi del potere e urlato ai brogli dove i brogli non c'erano. Ma in quanto a passi indietro, Biden dimostra la stessa ritrosia del predecessore. Impiegare i quattro anni che ha a disposizione per preparare il terreno alla presidenza della prima donna (perdipiù nera) e fare la storia vale davvero meno che restare nello Studio Ovale a ottant'anni suonati? Se Trump si ricandidasse nel 2024, l'età dei due sfidanti sommata sfiorerebbe i 160 anni. Va bene l’esperienza, ma qui si esagera.

E si esagera quando una disputa elettorale va avanti anche dopo il voto, diventando una sorta di questione privata, un regolamento di conti personale. Biden, alla prima maxi-conferenza stampa della sua presidenza non ha lanciato messaggi chiari contro le armi nemmeno dopo la scia di sangue che da Atlanta è arrivata fino a Boulder, in Colorado. In compenso ha attaccato Trump (sulla questione, sacrosanta, dei migranti) riportandolo sul ring, come se ci fosse bisogno della vecchia rivalità per trovare nuova energia. Pensate l’impatto che avrebbe avuto l’annuncio da parte di Biden di una candidatura di Kamala Harris: avrebbe dato energia per questi quattro anni e per i quattro a venire. Avrebbe alimentato speranze concrete e non solo simboli a chi cerca uguali diritti, uguali possibilità. Fare un passo indietro viene visto, in questo mondo sempre coniugato al maschile, come un gesto che denota debolezza, mai eleganza. E invece.  

Mancano ancora tre anni e mezzo e, per carità, cose ne possono ancora succedere. Ma se dovesse davvero correre nel 2024 e vincere diventerebbe il presidente più vecchio della storia degli Stati Uniti. Un record detenuto, guarda il caso a volte, da un omonimo: Joe Biden.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved