biden-e-putin-tutto-di-personale
ULTIME NOTIZIE Opinioni
LA TRAVE NELL’OCCHIO
5 ore

Ora sono pronto a vedere in manette Papa Francesco

La condanna di Mimmo Lucano è solo l’ultimo esempio di una giustizia sorda alla necessità di disubbidire, quando le leggi violano i diritti naturali
Commento
8 ore

Il San Gottardo senza i social

Vent’anni dopo la tragedia del 24 ottobre, che causò undici morti, una riflessione sui tempi della cronaca
Commento
2 gior

Un tonno da 475 milioni di dollari per Credit Suisse

Altra tegola sulla reputazione della banca, dopo il crack miliardario della Greensill Capital della scorsa primavera
Commento
3 gior

È giunta l’ora delle aggregazioni

Nel Basso Mendrisiotto sei Comuni si sono seduti allo stesso tavolo per parlarne. L’ultima volta, nel 2007, non era andata bene
Commento
4 gior

Quelli col poster di Ronald Reagan

L’iniziativa per contenere la spesa pubblica è l’ennesimo proclama di chi ancora crede a ricette obsolete, screditate quasi ovunque
L’OSPITE
4 gior

Per un salario certificato

Accettato in votazione popolare nel 2015, il salario minimo continua a tormentare l’opinione pubblica, i partiti, gli attori economici
Commento
5 gior

Si fa le valigie per lavorare pagati dignitosamente

Ad andarsene sono i giovani, quelli che fonderanno altrove start-up. È tempo d’investire per tenerli in Ticino
Commento
6 gior

Salvini e gli effetti del mojito a lungo termine

Batosta elettorale per il leader della Lega, a cui non viene perdonato più nulla. Eppure fino all’estate del 2019 sembrava inarrestabile
il commento
1 sett

Il vistoso fascismo che non esiste

Al posto di abolirli tutti, come chiedono sinistra e sindacati italiani, si potrebbe cominciare con quello che occupa i palchi dei “no vax no pass”
La formica rossa
1 sett

La differenza tra sindacati forti e quelli supini

La polemica sul patrimonio di Unia nasconde in realtà il desiderio recondito di qualcuno di annichilire le ambizioni dei lavoratori
Commento
 
23.03.2021 - 05:300
Aggiornamento : 17:25

Biden e Putin, tutto di personale

I rancori tra i due uomini più potenti della Terra risalgono a vecchi screzi. Si conoscono, non si piacciono, ma dovranno comunque sedersi al tavolo

La crisi tanto attesa, e causata da vecchie ruggini, è scoppiata come nelle più autorevoli previsioni post-presidenziali Usa. Ora a rischio non vi sono soltanto le relazioni bilaterali tra Russia e Stati Uniti, ma la stessa stabilità internazionale. Mai nella storia un capo della Casa Bianca aveva alzato così tanto i toni, mettendola addirittura sul personale. In un'intervista televisiva Joe Biden è tornato ad affermare, come già fece in passato, che il collega al Cremlino “non ha un’anima”. Conoscere realmente l’interlocutore, secondo il leader Usa, aiuta a capirsi. Putin “pagherà un prezzo” per le interferenze russe nella campagna presidenziale Usa, ha promesso.
La parte più offensiva dal punto di vista personale riguarda semmai la domanda se il presidente statunitense “pensi che Putin sia un assassino”. La risposta breve, dopo aver annuito, è stata “sì, lo penso”. Attenzione, però, perché Biden non ha utilizzato il termine “killer”, rilanciato da tutti i media del mondo. Questioni semantiche o meno, tra russi e americani volano gli stracci. A parte una lunga storia di scortesie più o meno conosciute dal grande pubblico, i Democratici Usa sono ancora irritati per la gelida accoglienza a Barack Obama al vertice G20 di San Pietroburgo nel settembre 2013. Lo stesso Obama nel 2006, quando era ancora senatore e membro della Commissione incaricata di verificare il disarmo nucleare, ricevette in Russia un trattamento poco amichevole.

Lo sgarbo a Obama 

Per otto anni “braccio destro” di Obama, Biden non ha digerito questo modo di fare tra “potenti”, diventato manifesto dopo che, nel 2011, l’allora segretario di Stato Usa Hillary Clinton ricordò a Putin che non poteva essere rieletto presidente, poiché la Costituzione russa prevedeva solo due mandati, da lui già svolti. Quello fu il vero punto di rottura. Putin non prese bene le dichiarazioni della Clinton e le successive manifestazioni anti-Cremlino in Russia nel 2011 – organizzate secondo lui sotto l’influenza del Dipartimento di Stato Usa – vennero interpretate come un'interferenza in questioni interne.
Veniamo ai giorni nostri. Fondamentale è la tempistica. Subito dopo aver capito che Biden sarebbe stato il nuovo presidente, Mosca ha giocato d’anticipo. Tra novembre e i primi venti giorni di gennaio ha risolto alcune questioni pendenti a livello internazionale salvo inciampare in casa nell’inattesa vicenda Navalny, secondo Putin messa in piedi dagli occidentali.
Anche al netto dell’attacco personale di Biden, i russi si aspettavano ora questa situazione. Già martedì scorso i giornalisti stranieri accreditati erano stati invitati, con maggiore enfasi del solito, a un briefing della portavoce del ministero degli Esteri: a breve sarebbe uscito il rapporto dell’intelligence Usa contro Russia e Iran, mentre Putin si preparava a festeggiare – come tutti i 18 marzo negli ultimi 7 anni – il “ritorno” della Crimea alla Russia.
Adesso il Cremlino risponde minimizzando l’accaduto. L’obiettivo dichiarato dalla sua diplomazia è evitare il “degrado” nei rapporti con gli Usa. Pragmatismo, insomma. Anche perché Washington potrebbe creare enormi problemi all’economia federale. D’altronde Mosca sa bene, come per lo Start3 rinnovato alla fine di gennaio, che Biden dovrà comunque trattare con lei sull’arena internazionale.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved