ministero-pubblico-sara-un-cerotto-ma-e-gia-qualcosa
ULTIME NOTIZIE Opinioni
LA TRAVE NELL’OCCHIO
11 ore

Ora sono pronto a vedere in manette Papa Francesco

La condanna di Mimmo Lucano è solo l’ultimo esempio di una giustizia sorda alla necessità di disubbidire, quando le leggi violano i diritti naturali
Commento
14 ore

Il San Gottardo senza i social

Vent’anni dopo la tragedia del 24 ottobre, che causò undici morti, una riflessione sui tempi della cronaca
Commento
2 gior

Un tonno da 475 milioni di dollari per Credit Suisse

Altra tegola sulla reputazione della banca, dopo il crack miliardario della Greensill Capital della scorsa primavera
Commento
3 gior

È giunta l’ora delle aggregazioni

Nel Basso Mendrisiotto sei Comuni si sono seduti allo stesso tavolo per parlarne. L’ultima volta, nel 2007, non era andata bene
Commento
4 gior

Quelli col poster di Ronald Reagan

L’iniziativa per contenere la spesa pubblica è l’ennesimo proclama di chi ancora crede a ricette obsolete, screditate quasi ovunque
L’OSPITE
4 gior

Per un salario certificato

Accettato in votazione popolare nel 2015, il salario minimo continua a tormentare l’opinione pubblica, i partiti, gli attori economici
Commento
5 gior

Si fa le valigie per lavorare pagati dignitosamente

Ad andarsene sono i giovani, quelli che fonderanno altrove start-up. È tempo d’investire per tenerli in Ticino
Commento
6 gior

Salvini e gli effetti del mojito a lungo termine

Batosta elettorale per il leader della Lega, a cui non viene perdonato più nulla. Eppure fino all’estate del 2019 sembrava inarrestabile
il commento
1 sett

Il vistoso fascismo che non esiste

Al posto di abolirli tutti, come chiedono sinistra e sindacati italiani, si potrebbe cominciare con quello che occupa i palchi dei “no vax no pass”
La formica rossa
1 sett

La differenza tra sindacati forti e quelli supini

La polemica sul patrimonio di Unia nasconde in realtà il desiderio recondito di qualcuno di annichilire le ambizioni dei lavoratori
Commento
 
16.03.2021 - 06:000
Aggiornamento : 12:21

Ministero pubblico, sarà un cerotto ma è già qualcosa

Potenziamento: ora la politica pensi a migliorare l'organizzazione della Procura. Evitando intanto proposte confusionarie come quella 'frena arresti' targata Udc

L’attribuzione di due procuratori al Ministero pubblico, il cui organico sale così a ventitré magistrati (pg compreso), sarà un cerotto, come è stato definito da alcuni deputati, a cominciare dalla correlatrice commissionale, la popolare democratica Sabrina Gendotti, ma è pur sempre qualcosa per un’autorità giudiziaria in affanno. Che da anni, troppi, sollecita – statistiche alla mano – un adeguamento del numero di inquirenti. Su un punto possiamo allora essere tutti d’accordo ed è il ritardo con cui governo e Gran Consiglio rispondono alle richieste della Procura. I vertici del Dipartimento istituzioni avrebbero dovuto stabilire delle priorità quando hanno dato il via all’ambiziosa e incompiuta riforma ‘Giustizia 2018’, a meno che l’orizzonte temporale del progetto non fosse stato indicato casualmente. E le priorità erano due: la riorganizzazione del Ministero pubblico e l’assegnazione allo stesso delle risorse necessarie per gestire al meglio gli incarti ed evitare l’aumento degli arretrati. Due priorità che sarebbe stato saggio concretizzare prima della designazione del successore di John Noseda alla direzione della Procura (Andrea Pagani è stato eletto procuratore generale proprio nel 2018). Tuttavia, seppur in ritardo, il rinforzo-cerotto è arrivato.

Ora bisogna guardare avanti, con l’auspicio che ogni intervento volto a rendere maggiormente efficace l’azione della magistratura venga considerato non una spesa, o non solo una spesa, ma un investimento a beneficio della collettività: una giustizia di qualità e resa in tempi ragionevoli oltre ad avere un effetto deterrente evita tensioni sociali. Il potenziamento che il Gran Consiglio ha approvato ieri, avallando il compromesso che il Dipartimento e la commissione parlamentare ‘Giustizia e diritti’ hanno raggiunto per sbloccare il dossier rinforzi, è solo una tappa dell’annunciato processo che nelle intenzioni odierne della politica dovrebbe rimodellare l’autorità giudiziaria di perseguimento penale ticinese. La commissione deve ancora approfondire sul piano giuridico la proposta del Dipartimento di conferire competenze decisionali ai segretari giudiziari nei procedimenti contravvenzionali, cosa che permetterebbe ai procuratori di concentrarsi sui casi grossi, e valutare l’opportunità di reintrodurre la figura del sostituto pp. Soprattutto è chiamata a dar seguito al mandato assegnatole lo scorso dicembre dal plenum del Gran Consiglio: quello di suggerire misure (anche) per migliorare l’organizzazione della Procura e il controllo della Direzione sui flussi di lavoro interni. Al riguardo sarebbe opportuno che la ‘Giustizia e diritti’ tenesse conto pure del rapporto elaborato sei anni fa – sinora lettera morta – dal gruppo di lavoro sul Ministero pubblico designato dal Consiglio di Stato nel quadro di ‘Giustizia 2018’. Gli spunti non mancano. Stando a Gendotti, le proposte dovrebbero vedere la luce entro fine anno. Lo speriamo, prima che incarti, nuove leggi o revisioni normative, con compiti aggiuntivi per i pp, finiscano per paralizzare la Procura.

Nel frattempo è necessario che la commissione si muova con unità d’intenti. Iniziative parlamentari solitarie, come quella ‘frena arresti’ depositata di recente da cinque deputati democentristi che propongono al Gran Consiglio di considerare nella rielezione dei magistrati anche gli eventuali risarcimenti provocati dal loro agire, non fanno che alimentare confusione.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved