Milan
1
Salernitana
0
1. tempo
(1-0)
la-svizzera-non-e-un-paese-per-inquilini-moderati
In media gli inquilini svizzeri investono il 20% del reddito per la casa (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
9 ore

Qatar 2022, lo spettacolo deve continuare

La Giso ha detto qualcosa di sinistra: ha invitato la federazione di calcio a disertare i Mondiali, in protesta contro le condizioni di lavoro inumane
Commento
9 ore

Angela Merkel, il punk e i fantasmi del Terzo Reich

La cancelliera uscente sceglie Nina Hagen per l’addio, ma si ritrova dentro una parata militare dal sapore troppo retrò. Forse sarebbe meglio smetterla
Commento
1 gior

Annusare invece di sprecare

Mentre 675mila persone sono povere in Svizzera si gettano via quasi 3 milioni di tonnellate di cibo commestibile. Una follia tutta elvetica
Commento
2 gior

Non c’è bisogno di dichiarare guerra al Natale

No, l’Unione europea non ha messo fuori legge il Natale. Ha solo ricordato a tutti che viviamo in una società sempre più complessa e sempre meno religiosa
Commento
3 gior

Il brusco risveglio nella storia infinita

Déjà vu: dopo aver temporeggiato ora Berna si dice pronta ad adottare nuove misure per contenere la diffusione del virus
Commento
3 gior

Il discorso di candidatura di Zemmour, con de Gaulle e Brassens

Il candidato dell’ultradestra lancia la corsa all’Eliseo con un pippone nel quale infila tutte le vecchie glorie francesi, tra nostalgia e razzismo
Commento
4 gior

La variante Omicron e il nostro egoismo autolesionista

Le nuove mutazioni dipendono anche dal fatto che il virus continua a circolare liberamente nei Paesi dove non si ha accesso al vaccino
La formica rossa
5 gior

Non gioco più, vado a casa: l’ultradestra piangina e la tivù

Invece di affrontare a viso aperto i risultati delle votazioni dopo mesi di scempiaggini sul Covid, l’Udc si nega alla Rsi
Commento
5 gior

Legge Covid, un assist che il governo ora deve saper cogliere

Il Consiglio federale esce rafforzato dal secondo, chiaro ‘sì’ alle urne. Ma adesso deve agire con maggior risolutezza per contrastare la pandemia
Commento
5 gior

Polo sportivo a Lugano, arriva anche l’assist dei cittadini

Il progetto supera, con un certo agio, lo scoglio del referendum. Iniezione di fiducia per il Municipio che ha segnato la rete decisiva
Commento
 
05.03.2021 - 06:000
Aggiornamento : 13:10

La Svizzera non è un paese per inquilini (moderati)

Le Città, i Comuni e il Cantone dibattono su come offrire abitazioni sostenibili: tanti studi, poche realizzazioni

La Svizzera è un paese di inquilini. Il 62% della popolazione abita in affitto. Il Gran Consiglio ticinese ha appena bocciato l’iniziativa popolare “No a pigioni abusive, sì alla trasparenza: per l’introduzione del formulario ufficiale a inizio locazione”. Si tratta di una piccola riforma, promossa dall’Associazione svizzera degli inquilini, per sostenere chi fatica a trovare un alloggio a pigione sostenibile. L’anno scorso, il popolo elvetico ha bocciato l’iniziativa “Più abitazioni a prezzi accessibili”: 57 contro 43 per cento. Morale: il paese europeo con la maggior percentuale di inquilini vota contro i propri interessi.

La Costituzione prevede che la Confederazione promuova la razionalizzazione dell’edilizia abitativa, la riduzione del prezzo della costruzione di abitazioni e dei costi abitativi, prendendo in considerazione gli interessi delle famiglie, degli anziani, degli indigenti e dei disabili. Nobili intenti, non sempre messi in pratica.

Le Città, i Comuni e il Cantone dibattono su come offrire abitazioni sostenibili: tanti studi, poche realizzazioni.

A Massagno, per esempio, comune alle porte di Lugano, si è costruito molto, soprattutto condomini di alto livello. Spinto da una proposta del Ppd, il Municipio si è attivato per valutare la possibilità di offrire alloggi a prezzi sostenibili per le famiglie. Uno studio sul tema afferma che il mercato è saturo e la costruzione di alloggi da parte del Comune è inopportuna, perché potrebbe esserci una progressiva riduzione delle pigioni degli appartamenti sfitti. Il Municipio propone quindi un sussidio diretto, dai 400 ai 600 franchi mensili, per venti inquilini. Venti famiglie su 6500 abitanti sono pochine. Il sussidio va a beneficio dei locatari, ma i soldi andranno nelle tasche dei proprietari di casa. Cosa ben diversa se fosse il Comune a farsi promotore immobiliare, come suggerisce la Confederazione.

Intanto in Ticino gli appartamenti sfitti aumentano a dismisura, ma la riduzione dei canoni è poco incisiva (-1,15% nell’ultimo anno).

Lugano sembra stia uscendo dal letargo. In via Lambertenghi, se il Consiglio comunale approva, potrà nascere un ente di pubblica utilità con 25 appartamenti a prezzi bassi. Una goccia nel mare per una Città di 67 mila abitanti. Bene, abitazioni a prezzi sostenibili senza offrire profitti ai privati. Succede il contrario a Cornaredo: si progettano due torri e quattro palazzine di 20 mila mq, quando lo sfitto è del 3% e le abitazioni vuote sono 1'300. Una proposta che foraggia la cassa pensione del Credit Suisse e penalizza quella dei dipendenti comunali!

Il Cantone ha nei cassetti dal 2009 il Piano cantonale dell’alloggio, una storia molto sbandierata, ma rimasta nel limbo delle buone intenzioni.

In media gli inquilini svizzeri investono il 20% del reddito per la casa. Per chi guadagna poco è un sacrificio importante.

Boccata d’aria fresca da Bruxelles. A fine gennaio c’è stata un’inversione di tendenza nella politica abitativa europea. Il parlamento chiede maggiore protezione per gli inquilini e alloggi a prezzi abbordabili. “Mentre i governi credono ancora che il mercato risolverà tutti i problemi abitativi – dice la presidente dell’Unione internazionale degli inquilini – il parlamento Ue sta mostrando il cartellino rosso alla speculazione che ha conseguenze devastanti per gli alloggi a prezzi accessibili in Europa”. Ma chiaro, noi Elvezi non siamo in Europa!

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved