la-svizzera-non-e-un-paese-per-inquilini-moderati
In media gli inquilini svizzeri investono il 20% del reddito per la casa (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
15 ore

Lo Stato e la diligenza del buon padre di famiglia

La retorica della destra è riuscita a fare breccia: il pareggio nei conti pubblici andrà raggiunto entro la fine del 2025
Commento
2 gior

A braccetto con Erdogan, pur di avere ragione

Siamo disposti a tutto pur di confermare le nostre tesi, perfino di accompagnarci a Erdogan che impallina i nuovi ingressi Nato per proprio tornaconto
Commento
2 gior

Stampa, di mordacchia in mordacchia

Giornalismo svizzero, da Berna ulteriori restrizioni. Di questo passo l’articolo costituzionale sulla libertà dei media diventerà lettera morta
Commento
3 gior

Lugano, la sinistra riparta da Schönenberger

Positivo che le critiche dell’ex leader abbiano smosso così le acque: giusta la reazione dei vertici cantonali, a Lugano resta molto da fare
Commento
4 gior

Hansjörg Wyss, l’anti-Blocher che si prese il Chelsea

Il magnate bernese ha deciso d’investire 5 miliardi di franchi per mettere le mani sul gioiello calcistico dell’oligarca russo Roman Abramovich
Commento
5 gior

Decreto Morisoli: dicono ‘contenere’, intendono ‘tagliare’

Nelle attuali circostanze costringere lo Stato a raggiungere l’equilibrio fiscale a breve termine è, a rigor di logica, un’assurdità
Commento
6 gior

Due miliardi in più all’esercito, senza sapere bene per cosa

Il Consiglio nazionale approva l’aumento del budget delle forze armate senza garanzie su come verranno spesi i soldi né sulla loro provenienza
l’analisi
6 gior

Un leader che ha dimenticato il futuro

Retorica e bugie per una festa malinconica, in cui lo Zar celebra il passato e ricorda sempre più gli ingialliti gerarchi del secolo scorso
Commento
1 sett

Lo ‘schiaffo’ di Putin a papa Francesco

Il ‘nyet’ dello zar a incontrare il pontefice non ha smosso di un pollice le convinzioni del pacifismo radicale e unidirezionale
Commento
1 sett

L’Usi, il rettore, lo studente e il cliente

Ecco l’equivoco di fondo: un’università che vive sé stessa come azienda, che misura la propria efficacia in termini di iscritti e soddisfatti
laR
 
05.03.2021 - 06:00
Aggiornamento : 13:10

La Svizzera non è un paese per inquilini (moderati)

Le Città, i Comuni e il Cantone dibattono su come offrire abitazioni sostenibili: tanti studi, poche realizzazioni

di Fabio Dozio
Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

La Svizzera è un paese di inquilini. Il 62% della popolazione abita in affitto. Il Gran Consiglio ticinese ha appena bocciato l’iniziativa popolare “No a pigioni abusive, sì alla trasparenza: per l’introduzione del formulario ufficiale a inizio locazione”. Si tratta di una piccola riforma, promossa dall’Associazione svizzera degli inquilini, per sostenere chi fatica a trovare un alloggio a pigione sostenibile. L’anno scorso, il popolo elvetico ha bocciato l’iniziativa “Più abitazioni a prezzi accessibili”: 57 contro 43 per cento. Morale: il paese europeo con la maggior percentuale di inquilini vota contro i propri interessi.

La Costituzione prevede che la Confederazione promuova la razionalizzazione dell’edilizia abitativa, la riduzione del prezzo della costruzione di abitazioni e dei costi abitativi, prendendo in considerazione gli interessi delle famiglie, degli anziani, degli indigenti e dei disabili. Nobili intenti, non sempre messi in pratica.

Le Città, i Comuni e il Cantone dibattono su come offrire abitazioni sostenibili: tanti studi, poche realizzazioni.

A Massagno, per esempio, comune alle porte di Lugano, si è costruito molto, soprattutto condomini di alto livello. Spinto da una proposta del Ppd, il Municipio si è attivato per valutare la possibilità di offrire alloggi a prezzi sostenibili per le famiglie. Uno studio sul tema afferma che il mercato è saturo e la costruzione di alloggi da parte del Comune è inopportuna, perché potrebbe esserci una progressiva riduzione delle pigioni degli appartamenti sfitti. Il Municipio propone quindi un sussidio diretto, dai 400 ai 600 franchi mensili, per venti inquilini. Venti famiglie su 6500 abitanti sono pochine. Il sussidio va a beneficio dei locatari, ma i soldi andranno nelle tasche dei proprietari di casa. Cosa ben diversa se fosse il Comune a farsi promotore immobiliare, come suggerisce la Confederazione.

Intanto in Ticino gli appartamenti sfitti aumentano a dismisura, ma la riduzione dei canoni è poco incisiva (-1,15% nell’ultimo anno).

Lugano sembra stia uscendo dal letargo. In via Lambertenghi, se il Consiglio comunale approva, potrà nascere un ente di pubblica utilità con 25 appartamenti a prezzi bassi. Una goccia nel mare per una Città di 67 mila abitanti. Bene, abitazioni a prezzi sostenibili senza offrire profitti ai privati. Succede il contrario a Cornaredo: si progettano due torri e quattro palazzine di 20 mila mq, quando lo sfitto è del 3% e le abitazioni vuote sono 1'300. Una proposta che foraggia la cassa pensione del Credit Suisse e penalizza quella dei dipendenti comunali!

Il Cantone ha nei cassetti dal 2009 il Piano cantonale dell’alloggio, una storia molto sbandierata, ma rimasta nel limbo delle buone intenzioni.

In media gli inquilini svizzeri investono il 20% del reddito per la casa. Per chi guadagna poco è un sacrificio importante.

Boccata d’aria fresca da Bruxelles. A fine gennaio c’è stata un’inversione di tendenza nella politica abitativa europea. Il parlamento chiede maggiore protezione per gli inquilini e alloggi a prezzi abbordabili. “Mentre i governi credono ancora che il mercato risolverà tutti i problemi abitativi – dice la presidente dell’Unione internazionale degli inquilini – il parlamento Ue sta mostrando il cartellino rosso alla speculazione che ha conseguenze devastanti per gli alloggi a prezzi accessibili in Europa”. Ma chiaro, noi Elvezi non siamo in Europa!

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
alloggi comuni inquilini prezzi studi svizzera
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved