laRegione
Nuovo abbonamento
Una gru tira l'altra (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
3 ore
'Prima o poi le direzioni delle case anziani dovranno chiedere scusa'
La rabbia dei famigliari degli ospiti deceduti per Covid-19 emerge anche in occasione della serata pubblica organizzata dal Movimento per il socialismo
Ticino
5 ore
Il dopo Caprara, istituita la commissione cerca
Alex Farinelli (presidente), Fabio Abate, Alain Bianchi, Sonia Colombo-Regazzoni, Gabriele Gendotti: a loro il compito di individuare il/la nuovo/a presidente Plr
Ticino
7 ore
Ci si prepara alla caccia alta
Avrà luogo in due momenti: dal 29 agosto al 13 settembre e dal 23 al 27 settembre. Catture illimitate per quanto riguarda i cinghiali
Bellinzonese
7 ore
Bellinzona, don Maurizio Silini al posto di don Pierangelo Regazzi
Dopo 15 anni l'arciprete della Collegiata lascerà il posto al suo successore
Ticino
7 ore
Ecco tutti i controlli radar della prossima settimana
Da lunedì 6 a domenica 12 luglio verranno effettuati controlli della velocità mobili e semi-stazionari un po' dappertutto
Locarnese
8 ore
Monti Motti di Gordola, si cerca Aurèle Donis
La polizia ha diramato l'avviso di scomparsa del 34enne domiciliato a Ginevra
Mendrisiotto
8 ore
La Sat Mendrisio alla conquista dell'Ussers Barrhorn
L'uscita alpinistica è in programma il 18 e 19 luglio. Per raggiungere la vetta si seguirà una salita più impegnativa
Mendrisiotto
8 ore
Escursione guidata tra gli alpeggi del Monte Generoso
La organizza il Museo etnografico della Valle di Muggio domenica 26 luglio. Aperte le iscrizioni
Luganese
8 ore
'Per un polo di creazione culturale a Besso-Massagno'
In una mozione Raoul Ghisletta e confirmatari la richiesta di acquistare dalle Ail il sedime della centrale di Gemmo
Bellinzonese
8 ore
Massimo Gabuzzi nuovo presidente del Rotary Club Bellinzona
Succede a Paolo Colombo. Il passaggio delle cariche è avvenuto lo scorso 25 giugno.
Ticino
9 ore
Sventata strage: pena sospesa, ma dovrà curarsi
7 anni e mezzo per il 21enne che pianificò l'assalto alla Commercio di Bellinzona. Ma il giudice concede le misure alternative per curarsi in un foyer
Mendrisiotto
07.12.2019 - 17:250

A Mendrisio il mercato degli alloggi ha due facce

Non mancano le abitazioni vuote, ma ci si mette in fila per le case del Comune. La Sinistra torna alla carica con il Municipio

Da tempo anche a Mendrisio una gru tira l’altra. Chiuso un cantiere per un nuovo complesso residenziale, se ne apre un altro. Dati alla mano, il maggio scorso il Municipio della Città aveva assicurato che nel Comune non si correva il rischio di una bolla immobiliare. Sta di fatto che, in linea con la tendenza cantonale, pure nel capoluogo le abitazioni vuote sono in aumento. Il tasso, secondo l’Annuario statistico ticinese 2019, è del 3,17 per cento (ovvero 273 residenze). L’altra faccia della medaglia, invece, rivela una reale necessità di poter far capo ad appartamenti a pigione moderata. Una domanda che sale soprattutto da famiglie e persone sole e alla quale sin qui ha cercato di dare una risposta l’ente pubblico. A fronte del territorio dell’attuale Città, però, gli alloggi sociali a disposizione sono ‘solo’ 82. Così ai candidati tocca mettersi... in fila. Uno scenario che, agli occhi di Insieme a Sinistra, chiama una riflessione da parte dell’esecutivo locale sulla strategia futura. Esercizio, ricordano i consiglieri comunali Daniele Stanga, Marion Bernardi e Gabriele Manzocchi, che di recente a Lugano è stato messo in campo, proprio per reagire a un mercato non alla portata di una grande parte della popolazione e di conseguenza alla carenza di soluzioni abitative alternative.

In realtà, nel cassetto dell’autorità locale, come ricordano i firmatari dell’interrogazione presentata nei giorni scorsi, c’è un progetto per costruire nuovi alloggi sociali. Nel dicembre di quattro anni orsono, però, il Municipio aveva deciso di ritirarlo per approfondire il dossier, con la promessa di tornare “al più presto sulla questione”. L’aprile scorso, però, l’esecutivo ha sì sollecitato il Consiglio comunale, ma per avallare un investimento di quasi 600mila franchi per il rinnovo di appartamenti del Comune da qui al 2021. In quella occasione, rammentano i consiglieri di IaS, la Commissione delle opere pubbliche aveva fatto notare come “la piena occupazione degli appartamenti, costante nel tempo, e la lista d’attesa di persone che aspettano di poter entrare in uno degli appartamenti delle ‘case popolari’ della Città, conferma il bisogno, sempre maggiore soprattutto per giovani famiglie, di avere a disposizione alloggi con pigioni ‘accessibili’”.

‘La Città che risposte ha?’

A questo punto per Stanga, Bernardi e Manzocchi, si affollano gli interrogativi. Innanzitutto, chiedono, qual è la situazione? In altre parole, “la richiesta di appartamenti a pigione moderata è sempre alta”? E in particolare, “le giovani famiglie, i giovani e gli anziani riescono a trovare appartamenti da affittare a prezzi accessibili”? Il timore è che la difficoltà di trovare casa spinga le persone a traslocare: “Si è a conoscenza – si rilancia – di persone o famiglie che, pur avendo un lavoro, sono costrette a lasciare Mendrisio (o a scegliere un’altra località dove abitare) perché non trovano un alloggio con un affitto moderato in città”? E passando ai rimedi, il Municipio come pensa di affrontare questa tematica “visto che anche a Mendrisio, come a Lugano, c’è molto sfitto ma si tratta soprattutto di appartamenti in vendita o dagli affitti elevati”? La questione, insomma, si fa pressante. Non a caso nel Mendrisiotto è nata la Cooperativa abitativa ‘Cam’On!’, che in agosto ha ricevuto l’attestato di pubblica utilità dall’Ufficio federale delle abitazioni. Il suo obiettivo? Dare forma a opportunità abitative condivise, e sopratutto abbordabili, per persone di ogni età ed estrazione sociale e culturale. Giusto domani, alle 20, al Centro professionale commerciale di Chiasso si organizzerà un incontro informativo.

© Regiopress, All rights reserved