ULTIME NOTIZIE Opinioni
il commento
10 ore

Tornato Netanyahu, tornate le stragi

Dietro l’escalation di violenza tra israeliani e palestinesi non si può non vedere l’ombra di ‘Bibi’, appena tornato al potere
La formica rossa
2 gior

‘Guerra bbbrutto’

"Esigere la pace" è la presunta soluzione al conflitto in Ucraina di chi si oppone alla consegna dei carri armati a Kiev
IL COMMENTO
2 gior

Soldi finti, pirati veri

Riflessioni sulle dinamiche che, negli ultimi anni, hanno portato al fallimento della squadra rossoblù
IL COMMENTO
3 gior

Lugano sorride alla cultura alternativa. L’ora della svolta?

Diversi segnali positivi, a partire dalla Straordinaria ma non solo, fanno ben sperare nel 2023. La strada è in salita, ci vogliono pazienza e volontà
il commento
4 gior

Carri armati a mezzanotte

La Germania sblocca la fornitura di Leopard, che aiuterà l’Ucraina, ma indispettisce il Cremlino
IL COMMENTO
4 gior

Le parole della politica (sono importanti)

La sfiducia del Consiglio comunale di Mendrisio nei confronti dei vertici del dicastero Aziende ha portato all’esonero del municipale responsabile
IL COMMENTO
5 gior

La mondina, il carbonaio e la pomata miracolosa

L’ultimo rapporto Ustat conferma il divario del 20% tra salari ticinesi e d’Oltralpe
il commento
6 gior

Jacinda & Jacinta contro il leader testosteronico

Le dimissioni gentili di Jacinda Ardern, un anno dopo l’addio precoce al tennis di Ashleigh Jacinta Barty, sono la risposta al mito dell’infaticabilità
IL COMMENTO
6 gior

Psicoterapia e LaMal, il cerchiobottismo e l’occasione mancata

Le nuove norme sull’assunzione dei costi della psicoterapia sono un passo avanti, ma troppi paletti ne smorzano la portata a detrimento dei pazienti
laR
 
17.02.2021 - 11:33

Dopo il Covid, c'è chi sta peggio, servono studi e aiuti

Migliorare diagnosi, approcci terapeutici e coperture assicurative per i long Covid, Berna faccia la sua parte

dopo-il-covid-c-e-chi-sta-peggio-servono-studi-e-aiuti
Dopo la mascherina

I vaccini ci tirano su il morale, lasciandoci intravedere una fine al tormento della pandemia, ma questo non deve farci dimenticare chi soffre di long Covid: circa 300mila persone in Svizzera (stimano i ricercatori) rivorrebbero indietro la propria vita. A nove mesi dall’infezione stanno ancora soffrendo di stanchezza cronica, spesso associata a dolori articolari, insonnia, fiato corto, difficoltà di concentrazione, palpitazioni… per citare i sintomi più frequenti. Per chi lo vive, il long Covid è tutto tranne che una banalità: la stanchezza cronica non è un'invenzione ma ti obbliga sul divano; c’è chi per mesi non riesce a tornare al lavoro per i dolori; chi interrompe gli studi perché non riesce a concentrarsi. Tutto è nuovo e poco studiato, i medici non sanno bene che pesci pigliare, i pazienti rischiano di peregrinare da uno specialista all’altro, le assicurazioni (capita pure questo!) chiudono i rubinetti su alcune terapie essendo una sindrome tutta da definire. 

Nel mezzo di una crisi sanitaria, l’attenzione delle autorità è focalizzata soprattutto su come contenere la diffusione del virus e salvare vite umane, ma l’onda lunga del Covid intanto semina nuove vittime.   

Un calvario che tocca una persona su quattro che ha contratto il virus ed è molto invalidante per una su dieci, come ci spiega l’epidemiologo Milo Puhan dell’università di Zurigo che sta seguendo 1’500 ex pazienti. Coinvolge anche chi l’ha preso in forma lieve, ma si ritrova a gestire un post Covid pesante, lungo e sfibrante. Basta leggere le storie (a pagina 2 e 3) di chi, dopo l’infezione, fatica a tornare come prima. Come Chantal, 52 anni, abituata a fare due maratone l’anno, ora non riesce a fare le scale senza avere le palpitazioni. Sabrina, 50 anni, convive da mesi con forti dolori alle gambe, nessun farmaco l’aiuta, solo camminare parecchie ore allevia il tormento. Per entrambe sono passati undici mesi dalla malattia. Sibilla, 29 anni, è prostrata da una stanchezza devastante, dopo il lavoro crolla sul divano spesso senza cena, mentre prima aveva una vita molto attiva. Infine Dragan, 66 anni, che oltre ai dolori non riesce a concentrarsi per più di due ore e la notte fatica a dormire.  

In Svizzera queste persone vanno dal medico di famiglia, molti fanno del loro meglio, ma non sanno con che cosa hanno a che fare. Alcuni paesi - come il Regno Unito, dove le autorità sanitarie hanno saggiamente sviluppato linee guida per il trattamento del long Covid - optano per un approccio multidisciplinare che vede vari specialisti lavorare insieme su questi casi. A maggio ha aperto la prima clinica specialistica in Inghilterra. 

In Svizzera c’è una tale carenza di informazioni dai canali ufficiali che i pazienti elvetici hanno creato piattaforme online e il gruppo Fb long covid (attualmente con mille iscritti) per scambiare consigli, pareri e sostenersi l’un l’altro. Chi era confinato su una carrozzina, si legge, inizia a vedere timidi miglioramenti. 

Forse come dice il prof. Pons (a pagina 3) bisogna armarsi di pazienza per far fronte ai regali ‘avvelenati’ del Covid. Sicuramente, come sta chiedendo la deputata agli Stati Marina Carobbio a Berna, servono studi finanziati dalla Confederazione, per seguire queste persone, capire cosa succede loro e perché, migliorando di conseguenza diagnosi, approcci terapeutici e coperture assicurative. 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved