iniziativa-anti-burqa-c-e-del-buono-nel-pot-pourri
Keystone
Berna, 15 marzo 2016: lancio della raccolta firme per l’iniziativa detta ‘anti-burqa’ (a destra, il copresidente del Comitato di Egerkingen Walter Wobmann)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
6 ore

Covid-19, lettera a una cugina No Vax

Cara cugina, alle feste sei venuta in volata. C’è chi non ti ha abbracciata e tu ci sei rimasta male, anche se capivi...
Commento
16 ore

Il gennaio maledetto dei maschi alfa

Il 2022 è iniziato male per la sottospecie più proterva, quella incline a violare le regole, per poi pensare di cavarsela con quattro scuse in croce
Commento
1 gior

Tutt’altro che tennis: Djokovic e il sottosuolo dello sport

In fondo ciò che si prova di fronte alla sentenza della Corte australiana è una sensazione di giustizia, di giustizia e di sorpresa a dire il vero
Commento
3 gior

Una Regione lunga 30 anni

Nel 1992 una nuova sinergia ha dato vita al nostro quotidiano, oggi celebriamo l’anniversario per rinnovare il nostro amore per la divulgazione
Il commento
3 gior

Per causa di forza maggiore

Annullato il visto di Novak Djokovic. Con un verdetto politico che riduce le chance di spuntarla in appello, domani alla Corte federale
il commento
4 gior

È morto Sassoli. Abbasso Sassoli! Viva Sassoli! Viva me!

La reazione alla morte del presidente dell’Europarlamento mette in evidenza la schizofrenia social, tra (auto)santificazioni e orrendi complottismi
Commento
5 gior

I Blues Brothers e il capitalismo accidentale

I licenziamenti presso Dpd dimostrano ancora una volta l’avanzata di un sistema irresponsabile, fomentato dalle voci bianche della deregulation
Commento
6 gior

L’onore perduto di Darius Rochebin

È toccato a Macron il compito di ‘riabilitare’ II giornalista svizzero, detonatore di un’inchiesta su molestie sessuali e mobbing alla Ssr
Commento
1 sett

Una bomba a orologeria chiamata Kazakistan

L’ex repubblica sovietica è uno snodo cruciale a livello economico-energetico e ora anche un termometro della situazione sociale in Asia Centrale
Commento
1 sett

Il Covid, un incubo ricorrente

Già l’anno scorso speravamo di buttarci alle spalle la pandemia. Invece siamo ancora alle prese con varianti e restrizioni, eppure un terzo non si vaccina
Commento
1 sett

Parmalat, succo di un crac

La scomparsa di Calisto Tanzi e quella volta che ci accolse il commissario straordinario Enrico Bondi
 
24.02.2021 - 06:000
Aggiornamento : 18:37

Iniziativa ‘anti-burqa’, c’è del buono nel pot-pourri

Il Comitato di Egerkingen vuole fermare 'l’islamizzazione della Svizzera' vietando il velo integrale. Ma esistono già gli strumenti per far fronte a derive

Chi non prova disagio al cospetto di una donna col velo integrale? A chi in quel momento non balena l’immagine di una Svizzera ‘islamizzata’? Dall’episodio al presunto fenomeno il passo è breve. Velo integrale o no, minareti, jihadisti, moschee finanziate dall’estero, strette di mano negate da allievi musulmani alle loro docenti: tutto allora finisce in un unico calderone. Un pot-pourri.

Il gran rimestatore si chiama Comitato di Egerkingen. Dopo i minareti (2009), questo manipolo di politici dell’Udc e dell’Unione democratica federale (c’è anche l’ex consigliere nazionale Ulrich Schlüer, già segretario di un certo James Schwarzenbach: ricordate, le iniziative contro l’‘inforestierimento’?) tenta il bis. Nel 2015 annunciò il lancio dell’iniziativa detta ‘anti-burqa’ scrivendo che “strutture parallele che si basano sulla sharia non devono avere spazio in Svizzera”. L’anno seguente suoi figuranti si fecero immortalare sulla Piazza federale con pastrani neri addosso, sotto i quali spuntavano finte cinture esplosive. Oggi a trainare il carro del ‘sì’ è anche il consigliere nazionale vallesano Jean-Luc Addor (Udc), condannato nel 2020 dal Tribunale federale per discriminazione razziale. Le donne col niqab? Già viste, sui cartelloni per il ‘no’ alla naturalizzazione agevolata degli stranieri di terza generazione.

Sì: quest’iniziativa (lanciata poco prima delle ‘federali’ 2015) è strumentale, pretestuosa (punta il dito contro il burqa per screditare l’islam), ‘fuori scala’ (una norma costituzionale per due dozzine di donne col niqab?). Ma solleva questioni finora “bagatellizzate” anche da “coloro che si dicono progressisti” (Etienne Piguet, vicepresidente della Commissione federale della migrazione). Come quella del ruolo delle donne musulmane in società pluraliste e secolarizzate. “Non possiamo negare che abbiamo problemi con l’uguaglianza dei sessi nell’Islam. L’iniziativa ci provoca. Ma questo non significa che oggi dobbiamo difendere il burqa”, dice l’imam di Berna Mustafa Memeti, già ‘Svizzero dell’anno’ per il suo impegno a favore della pacifica convivenza.

In realtà nessuno difende burqa e niqab. Non lo fa la stragrande maggioranza dei musulmani (Memeti: “niente a che vedere con la nostra religione”); né le femministe contrarie al divieto, che si battono per “l’autodeterminazione” delle donne, nella fattispecie di quelle poche convertite che avrebbero scelto (così è, a quanto pare) di andare in giro velate da capo a piedi. E tantomeno lo fanno coloro (alcune femministe, anche di sinistra, ma pure Addor & co., pronti ora a riempirsi la bocca di parole come “civilizzazione” e “dignità della donna”) che vorrebbero liberarle con la forza di un divieto dalle loro ‘prigioni’, vestimentarie e non. Buone intenzioni, in tutti i casi. Ma in un senso (laissez-faire) come in un altro (proibizione), i rischi – per le donne interessate, per la società intera – sono dietro l’angolo.

La convivenza civile passa anche dal guardarsi in faccia, giusto ricordarlo. Ma già oggi è reato forzare qualcuno a dissimulare il proprio viso. E si può negare il passaporto o revocare il permesso di soggiorno a chi dimostra di non essersi integrato, ad esempio indossando il niqab. Maggior rigore a questo livello serve “sicuramente di più contro l’islamizzazione [sic, n.d.r.] che non un simbolico divieto del burqa nella Costituzione” (‘Die Weltwoche’). Con il controprogetto del Consiglio federale, l’uguaglianza tra uomo e donna in questo Paese non farà chissà quale passo avanti. Ma è pur sempre meglio di niente. Quanto al divieto del niqab, un giorno se ne potrà riparlare. Casomai.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved