dall-olympia-all-olimpo-un-passo-piu-che-meritato
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
8 ore

Il Ddl Zan e il muoia Sansone della sinistra italiana

La bocciatura della legge contro l’omofobia è il suo ennesimo errore strategico, figlio di arroganza e incapacità di raggiungere compromessi
Commento
1 gior

Spesa e tagli, perché il no del Ps al referendum non convince

Il non contrastare l’iniziativa Morisoli raccogliendo le firme è un’occasione persa. Se la situazione è davvero così grave meglio l’attacco della difesa
Commento
2 gior

Sostiene Barbero (sfidando l’uragano)

Da qualche giorno il famoso medievista è bersaglio di uno ‘shitstorm’ per una sua opinione sulle disparità sociali di genere
LA TRAVE NELL’OCCHIO
3 gior

Ora sono pronto a vedere in manette Papa Francesco

La condanna di Mimmo Lucano è solo l’ultimo esempio di una giustizia sorda alla necessità di disubbidire, quando le leggi violano i diritti naturali
Commento
3 gior

Il San Gottardo senza i social

Vent’anni dopo la tragedia del 24 ottobre, che causò undici morti, una riflessione sui tempi della cronaca
Commento
5 gior

Un tonno da 475 milioni di dollari per Credit Suisse

Altra tegola sulla reputazione della banca, dopo il crack miliardario della Greensill Capital della scorsa primavera
Commento
6 gior

È giunta l’ora delle aggregazioni

Nel Basso Mendrisiotto sei Comuni si sono seduti allo stesso tavolo per parlarne. L’ultima volta, nel 2007, non era andata bene
Commento
1 sett

Quelli col poster di Ronald Reagan

L’iniziativa per contenere la spesa pubblica è l’ennesimo proclama di chi ancora crede a ricette obsolete, screditate quasi ovunque
L’OSPITE
1 sett

Per un salario certificato

Accettato in votazione popolare nel 2015, il salario minimo continua a tormentare l’opinione pubblica, i partiti, gli attori economici
Commento
 
11.02.2021 - 17:360

Dall’Olympia all’Olimpo, un passo più che meritato

La medaglia d'oro di Lara Gut-Behrami è frutto di un'evoluzione che le ha permesso di trovare un equilibrio tra la vita fuori e dentro la pista

Le mancava, se l'è preso. L'oro. Alla prima occasione, nella sua gara prediletta ma forse proprio per questo anche la più insidiosa, perché al cancelletto di partenza del superG di Cortina e di una pista Olympia che aveva già domato tre volte in passato, Lara Gut-Behrami si è presentata con addosso la pressione della favorita numero uno, di chi non poteva sbagliare dopo aver dominato le ultime quattro prove disputate in Coppa del mondo e più in generale dimostrato di essere tornata ai suoi migliori livelli. Da domare e dominare, prima ancora che le insidie del tracciato ai piedi delle Dolomiti o le avversarie, c'erano le emozioni. E forse più per questo che per tirare linee e curve alla perfezione, serviva la Lara migliore.

Non quella del passato però, bensì una sciatrice e una donna nuova, resa più forte dalla vita e da quelle stesse difficoltà che dopo averla "abbattuta", le hanno permesso di crescere. Come? Aiutandola - lo ha più volte dichiarato anche lei - a trovare un equilibrio, in pista ma prima ancora nella vita, in cui è diventata la signora Behrami (nel 2018) e ha ridefinito le sue priorità. Tra le quali beninteso lo sci non è comunque mai venuto meno, anche se nel cuore e nella testa di Lara la competizione ha dovuto lasciar spazio (e importanza) anche ad altro. Lo ha detto lei stessa dopo la prova che l’ha incoronata: al cancelletto di partenza era nervosa, sì, ma per il desiderio di dimostrare tutto il suo valore e di giocarsi le sue chance di vittoria, non per la necessità di mettere in bacheca quell’oro per certi versi maledetto. Oggi, più importante per la ticinese è chi le sta accanto nella stanza dei trofei, nonché il piacere provato nel tentare di riempirla, più che la soddisfazione nel vedere la collezione allargarsi. 

Un'evoluzione – ma anche una sorta di ritorno alle origini, a quando da ragazzina metteva gli sci a piedi sulle nevi di Airolo per puro divertimento – che le ha permesso di andare oltre a quella che era prima (del grave infortunio al ginocchio sinistro ai Mondiali di St. Moritz 2017) e diventare una versione ancora più performante dell'atleta capace di conquistare la Coppa del mondo generale 2016, due coppette di superG, 57 podi nel Circo Bianco e sei medaglie tra Mondiali (tre argenti e due bronzi) e Olimpiadi (terza a Sochi). Ma non l'oro. Per quello c'è voluto appunto una Lara 3.0, capace di lasciare al cancelletto di partenza della gara più attesa le pressioni (esterne e interne), le paure, gli infortuni e le lacrime del passato – come dimenticare quelle amare sul podio olimpico 2014 per la vittoria in discesa sfumata di 10 centesimi; o quelle versate per la medaglia mancata di 0”01 nel superG dei Giochi di Pyeongchang –, per accarezzare come solo lei sa fare le sinuosità del pendio e andare a prendersi un titolo mondiale che lancia alla grandissima un Mondiale nel quale avrà ancora almeno altre due chance di medaglia (a cominciare dalla discesa di domani, poi ci sarà il gigante ed eventualmente il parallelo). E che le riserva un posto tra i più grandi di sempre.

Dall'Olympia all'Olimpo, il passo non è stato breve e nemmeno semplice, ma di certo più che meritato.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved