genova-l-arte-e-la-beffa-di-modi
Vero o falso? (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
19 ore

Lo Stato e la diligenza del buon padre di famiglia

La retorica della destra è riuscita a fare breccia: il pareggio nei conti pubblici andrà raggiunto entro la fine del 2025
Commento
2 gior

A braccetto con Erdogan, pur di avere ragione

Siamo disposti a tutto pur di confermare le nostre tesi, perfino di accompagnarci a Erdogan che impallina i nuovi ingressi Nato per proprio tornaconto
Commento
2 gior

Stampa, di mordacchia in mordacchia

Giornalismo svizzero, da Berna ulteriori restrizioni. Di questo passo l’articolo costituzionale sulla libertà dei media diventerà lettera morta
Commento
3 gior

Lugano, la sinistra riparta da Schönenberger

Positivo che le critiche dell’ex leader abbiano smosso così le acque: giusta la reazione dei vertici cantonali, a Lugano resta molto da fare
Commento
4 gior

Hansjörg Wyss, l’anti-Blocher che si prese il Chelsea

Il magnate bernese ha deciso d’investire 5 miliardi di franchi per mettere le mani sul gioiello calcistico dell’oligarca russo Roman Abramovich
Commento
5 gior

Decreto Morisoli: dicono ‘contenere’, intendono ‘tagliare’

Nelle attuali circostanze costringere lo Stato a raggiungere l’equilibrio fiscale a breve termine è, a rigor di logica, un’assurdità
Commento
6 gior

Due miliardi in più all’esercito, senza sapere bene per cosa

Il Consiglio nazionale approva l’aumento del budget delle forze armate senza garanzie su come verranno spesi i soldi né sulla loro provenienza
l’analisi
6 gior

Un leader che ha dimenticato il futuro

Retorica e bugie per una festa malinconica, in cui lo Zar celebra il passato e ricorda sempre più gli ingialliti gerarchi del secolo scorso
Commento
1 sett

Lo ‘schiaffo’ di Putin a papa Francesco

Il ‘nyet’ dello zar a incontrare il pontefice non ha smosso di un pollice le convinzioni del pacifismo radicale e unidirezionale
Commento
1 sett

L’Usi, il rettore, lo studente e il cliente

Ecco l’equivoco di fondo: un’università che vive sé stessa come azienda, che misura la propria efficacia in termini di iscritti e soddisfatti
Commento
1 sett

La politica non chieda fiducia ai giovani con cambiali in bianco

Molti ragazzi mostrano disinteresse alla cosa pubblica? Si cominci a dialogare davvero, a capire i loro bisogni e aiutarli a costruire il loro futuro
30.01.2021 - 11:00
Aggiornamento : 08.02.2021 - 22:32

Genova, l'arte e la beffa di Modì

Quel pasticciaccio fu il preludio a un’ultima svolta in città: si capì che alzando l’asticella con il mondo dell’arte è anche più facile scottarsi

La trasformazione di Genova da città di ruggine, fabbriche e salsedine a nuovo polo della cultura italiana è stato lento, come tutto quel che si fa in una città nata vecchia, che ha già visto o dice di aver visto tutto. Poi è arrivato Modigliani, anzi non è arrivato Modigliani. È arrivato qualcosa che gli somigliava parecchio, ma non abbastanza. E Genova ne ha vista un’altra.

La città fu cambiata una prima volta, nel 1992, dalle Colombiadi: le celebrazioni per i 500 anni della scoperta dell’America da parte del suo figlio più celebre, Cristoforo Colombo. Arrivarono i soldi, che già era strano, e li spesero bene, che era ancora più strano. Ripulirono i vicoli quel tanto che bastava da farli girare a tutti senza sentirsi troppo in pericolo e riscoprirono una vocazione artistico-turistica che la città non aveva più. Fino a quel momento ci si passava di corsa per poi decidere in quale riviera andare a prendere il sole. Genova era un viaggio in macchina senza nemmeno scendere o al massimo per una forchettata di trofie al pesto. C’era giusto il Salone nautico a far accorrere gente: un posto strano dove i poveri andavano a vedere le barche in vendita per i ricchi e i ricchi andavano a far vedere ai poveri che le compravano, ma non era mica vero. Le compravano i ricchissimi.

L’arte era considerata qualcosa di superfluo, per chi aveva da perdere tempo. A Genova, insomma, si lavorava, si mugugnava, si tifava Genoa o Samp e poco altro. Giusto un po’ di teatro, l’altra specialità della casa. Poi, nel 1997, è arrivata la mostra su Van Dyck a Palazzo Ducale: fu il secondo punto di svolta. Non solo a Genova si facevano mostre, ma la gente ci andava pure. Poi mugugnava lo stesso, ma intanto ci andava.

Nel 2004 Genova divenne capitale europea della Cultura e ormai ci avevano preso gusto un po’ tutti. Fu l’anno della mostra su Rubens: mugugnare si faceva sempre più difficile. E il palato si faceva sempre più fine. Arrivarono un capolavoro dopo l’altro: Warhol, Matisse, Mirò, Van Gogh, Picasso, Monet. Impararono ad attrarre verso il bello il visitatore che virava verso il pop: Frida Kahlo, Steve McCurry, Fabrizio De André e Assassin’s Creed si accompagnavano a Chagall e Tintoretto. La ricetta era perfetta. Le macchine non solo si fermavano, ma non si trovava più parcheggio.

All’inizio del 2017 iniziò, tra i media locali, la celebrazione di Luca Borzani, presidente del rinascimento di Palazzo Ducale, che avrebbe lasciato di lì a poco, dopo otto anni. I numeri erano tutti dalla sua parte. Aveva portato tanto, tutto, forse troppo. Ma questo nessuno ancora lo sapeva. Alcuni titoli di quel periodo erano talmente entusiastici che oggi, a guardarli, fanno sorridere. Borzani, in sintesi, lasciava col botto: Modigliani e Picasso. Due fuoriclasse. Qualcuno parlava di “pesante eredità da raccogliere”, e in larga parte era vero. Genova nel frattempo si era riscoperta città d’arte, e poi anche di scienza (con Festival, popolarissimo, annesso) e di storia (in piazza, tutta piena, come per i concerti).

Ma Modigliani fa rima con beffa, lo sanno bene nella sua Livorno, dove - nel 1984 - tre buontemponi gettarono delle teste false di Modì nel fiume facendo credere al mondo che fossero vere. Quella era una goliardata, mentre i falsi di Modigliani segnalati a Genova a mostra in corso sono un affare maledettamente serio. Quel pasticciaccio fu il preludio a un’ultima svolta: si capì che alzando l’asticella con il mondo dell’arte è anche più facile scottarsi. C’è chi andò comunque fino a luglio a vedere i falsi capolavori di Modigliani. A vedere l’effetto che fa. Un mese dopo questa assurda vicenda arrivò il momento di scegliere davvero l’erede di Borzani. Insomma, si doveva decidere se piangere o ridere. Il nuovo presidente era (ed è) Luca Bizzarri: un comico.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
genova modigliani palazzo ducale
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved