ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
17 ore

L’arte della supercazzola, dal Mascetti a TiSin

L’associazione padronale Ticino Manufacturing si sfila dalle sue stesse oscenità, con un comunicato piuttosto surreale
Commento
17 ore

Ueli Maurer, lo statista riluttante

Da artefice dell’ascesa dell’Udc a consigliere federale e rispettato ‘tesoriere’. Il suo ritiro chiude un cambio generazionale nel primo partito svizzero.
Commento
1 gior

Quando la bomba scoppia in mano all’artificiere

Tutti i non sentito dire dei piani alti dell’amministrazione cantonale: dall’ex funzionario del Dss al direttore di scuola media
Commento
2 gior

La rivoluzione contro il velo

Le donne in piazza con coraggio dopo la morte di Mahsa Amini, colpevole di avere un hijab messo male. Il regime però ha risposto con il pugno duro
Commento
3 gior

Cassa malati, sogno (o chimera) di un pomeriggio autunnale

L’annuncio dei premi 2023 è senz’altro un brutto risveglio. Abbondano le motivazioni che spiegano la stangata, mancano le soluzioni
Commento
4 gior

Con la candidatura di Marchesi, a destra parte la bagarre

Se il presidente Udc verrà eletto in governo, sarà a scapito di un seggio leghista. La Lega dovrà difendersi anche dagli ‘amici’, che però corrono veloce
Commento
4 gior

L’era del tofu merluzzato

Gli italiani disposti a provare qualsiasi cosa pur di vedere un cambiamento. Ma il cambiamento, finché ci saranno Casini e i suoi emuli, pare impossibile
Commento
5 gior

Un’onda nera sull’Italia

L’analisi di Aldo Sofia dopo il voto che ha visto trionfare Giorgia Meloni
Commento
5 gior

Dal ‘sì’ ad Avs 21 segnali chiari alla politica

No a un ulteriore aumento dell’età di pensionamento, no a riforme a scapito delle donne meno abbienti, avanti con quella del secondo pilastro
Commento
1 sett

Zanchi, Bossalini, la malerba e la capacità di rimanere zen

Nella battaglia politica che si combatte attorno al Corpo di polizia di Locarno, la fretta è cattiva consigliera per capodicastero e comandante
La formica rossa
1 sett

Bum! Bal(l)istica elettorale

L’ennesima trovata di Nussbaumer e No Vax assortiti preferisce non prendere le armi, ‘per intanto’
Commento
1 sett

La metamorfosi del franco: da kriptonite ad acquasanta

Di fronte al rialzo dei tassi deciso dalla Bns potremmo ripetere: ‘Jusqu’ici tout va bien’. Ma il problema non sta nella caduta, bensì nell’atterraggio
DISTRUZIONI PER L’USO
laR
 
23.01.2021 - 06:05
Aggiornamento: 12:22

Amanda, Miranda e Bernie: pensierini un po’ commossi

La poesia di Gorman letta all’insediamento di Joe Biden è una cosa da tirar fuori i Kleenex. Resta da capire perché

amanda-miranda-e-bernie-pensierini-un-po-commossi
Amanda Gorman (Keystone)
+3

Sono passati diversi giorni, ma ogni volta che riascolto la poesia di Amanda Gorman all’insediamento di Joe Biden mi commuovo ancora come un bambino. Tra un Kleenex e l’altro ho provato a chiedermi il perché, tralasciando la critica letteraria – che non conosco – e il fatto che il mestolino mi viene anche quando ascolto Caterina Caselli.

Una prima risposta si trova nella vita stessa di Gorman, incarnazione del sogno americano che a inventarsela non verrebbe così bene: afroamericana cresciuta da una madre single, che le insegna per prima cosa i ‘Miranda Rights’ – “Hai il diritto di tacere, tutto quel che dici potrà essere usato contro di te…” – per spiegarle cosa vuol dire essere neri in America. Eppure Gorman arriva fino a Harvard e adesso guardala lì, sotto al Campidoglio, a salutare il nuovo presidente. Longilinea, elegante, con la faccia gentile e lo sguardo determinato: rassicurante, anche nel far sentire bene noi vecchi progressisti all’europea, forse ancora schiavi di stereotipi tipo ‘I Robinson’.

Poi c’è naturalmente il balsamo delle parole dopo quattro anni di Donald Trump: “Abbiamo visto una forza che distruggerebbe la nostra nazione pur di non condividerla”, ma“non saremo respinti e interrotti dalle intimidazioni”, “ricostruiremo”. Retorico quanto volete, ma si trattava di un’occasione istituzionale per una ‘poeta laureata’, non di recitare in uno scantinato tra bohémien in dolcevita.

A un livello più razionale entra in gioco l’idea d’America che traluce dai versi: quella di un paese imperfetto, in costante costruzione. L’America che “per me non lo è mai stata, ma lo sarà” della quale parlava un altro poeta afroamericano, Langston Hughes. L’America – e la democrazia, ovunque si trovi – che non è un dato di fatto, qualcosa di costruito una volta per tutte, ma un continuo fare e disfare, un “lottare per forgiare la nostra unione”. Una nazione “tutt’altro che tirata a lucido, tutt’altro che incontaminata”; che però “non è rotta, ma semplicemente incompleta”. Nella quale tra l’altro “la quiete non è sempre pace, e le nozioni di quel che è giusto non sono sempre giustizia”; ma un’America che vive nel futuro e non nel passato, come invece voleva quell’‘again’ piantato accanto ai sogni di grandezza di Trump.

Poco importa se poi ogni tanto si torna al sogno puro e semplice, in cui “se fondiamo la misericordia con la forza e la forza col diritto, la nostra eredità diventa l’amore”. Siamo davanti a un cupolone che pare una torta di matrimonio, tra Lady Gaga e Jennifer Lopez, cos’altro dovremmo aspettarci?

Semmai un caveat va rivolto a come noialtri incastoniamo quella poesia. Lo vedo bene, nella mia stessa commozione, il rischio dell’autocompiacimento: ecco, io piango per la ragazzina nera intellettuale perché sono una personcina perbene, mica come quegli altri, quelli lì che stanno con Trump, brutti bifolchi. È proprio quel sentirsi migliori che contribuisce ancora – da entrambi i lati, pur con responsabilità diverse – a dividere anche culturalmente l’America, e non solo.

C’è un rimedio, per quanto temporaneo: staccarsi da YouTube e andare a rivedersi i meme del povero Bernie Sanders seduto sulla sua seggiolina pieghevole, con le mani infilate in un paio di vecchie muffole. Un personaggio da Grande Lebowski piantato in mezzo agli altri ospiti sul Mall. Perché sono America anche i fratelli Coen.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved