ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
9 ore

Un’onda nera sull’Italia

L’analisi di Aldo Sofia dopo il voto che ha visto trionfare Giorgia Meloni
Commento
15 ore

Dal ‘sì’ ad Avs 21 segnali chiari alla politica

No a un ulteriore aumento dell’età di pensionamento, no a riforme a scapito delle donne meno abbienti, avanti con quella del secondo pilastro
Commento
2 gior

Zanchi, Bossalini, la malerba e la capacità di rimanere zen

Nella battaglia politica che si combatte attorno al Corpo di polizia di Locarno, la fretta è cattiva consigliera per capodicastero e comandante
La formica rossa
3 gior

Bum! Bal(l)istica elettorale

L’ennesima trovata di Nussbaumer e No Vax assortiti preferisce non prendere le armi, ‘per intanto’
Commento
3 gior

La metamorfosi del franco: da kriptonite ad acquasanta

Di fronte al rialzo dei tassi deciso dalla Bns potremmo ripetere: ‘Jusqu’ici tout va bien’. Ma il problema non sta nella caduta, bensì nell’atterraggio
il commento
4 gior

Il grande ricatto di Putin

Con la mobilitazione parziale la guerra entra in casa di milioni di russi. Washington è convinta che il tempo giocherà contro il leader del Cremlino
Commento
5 gior

Valera è la cosa giusta

Tagliare il traguardo del Puc ha richiesto tempo e coraggio. Anche quello di resistere alle lusinghe delle lobby
Commento
6 gior

Rito dunque sono

Siamo in molti a lasciarci suggestionare dal rituale del saluto alla Regina per la sua capacità di stimolare un senso di riconoscimento trasversale
Commento
1 sett

Putin: troppo piccolo per il Grande Gioco

Il summit di Samarcanda ha rivelato tutte le crepe nelle relazioni tra la Russia, la Cina e gli altri aspiranti a un ‘nuovo ordine mondiale’
Commento
1 sett

Erdogan e il gioco delle tre carte

Erdogan si schiera ambiguamente un po’ con tutti, a seconda di quel che gli conviene. Un equilibrismo che nasconde nuove mosse, anche in Europa
laR
 
22.01.2021 - 06:10
Aggiornamento: 12:56

America the Beautiful, una nazione per tutti

Detto alla JLo, americana di Portorico: 'Una nación, bajo Dios, indivisible, con libertad y justicia para todos'. Nativi inclusi (loro sì che sono del posto).

america-the-beautiful-una-nazione-per-tutti
La vittoria in tasca (Keystone)

Mentre su Washington, fondata da europei, “calavano le prime ombre della sera” (parole di Nick Carter, detective americano disegnato da un fumettista italiano), dopo che Melania Trump (figlia d’immigrati sloveni) s’era imbarcata sul primo volo per la Florida con in mano una Birkin da 70mila dollari (borsa di Hermès, da Thierry Hermès, immigrato in Francia dalla Germania); mentre un raggio di democratica speranza illuminava il neopresidente giurante, piedi sui marmi del Campidoglio (pianificato da un architetto francese), First Lady al suo fianco (mezza italiana) e mano sulla Bibbia (scritta da mediorientali), gli Stati Uniti d’America si preparavano a festeggiare in musica l’insediamento di Joe Biden (dalla contea di Derry, Irlanda del Nord. Nulla a che vedere con la Derry in cui è ambientato ‘It’ di Stephen King, figlio di scozzesi).

Quella di festeggiare in musica i momenti che contano, oltre che abitudine dei napoletani, è anche prerogativa democratica che, fino a Barack Obama (figlio di un keniano) aveva regalato al mondo del jazz (nato da afroamericani) momenti indimenticabili nelle ‘Performance at the White House’, chiuse nel 2016 dalla celebrazione di Ray Charles (notoriamente non di razza bianca). A Washington, con un abito che pareva disegnato da Jacovitti, una treccia bicolore a incoronare il capo in cui l’Erroi ci ha visto Yulia Timoshenko e noi il bretzel al cioccolato di Bretzelkönig, con la colomba d’oro dal ramo d’olivo nel becco, patacca appuntata al petto, con il microfono scolpito in un lingotto della National Bank e, non meno d’oro, gli auricolari su misura nei relativi padiglioni, la musica del 20 gennaio 2021 avrà per sempre in copertina Lady Gaga (di cognome Germanotta, figlia di un siciliano), la sola a insidiare l’inno più bello di sempre, Whitney Houston (afroamericana) al Superbowl del 1991 in Florida. Di splendidi National Anthem è piena la storia americana: da Nathalie Cole a Jennifer Hudson (afroamericane), da Luther Vandross a Carl Lewis (afroamericani), da Beyoncé (sangue creolo) a Mariah Carey (sangue afro-venezuelano), compreso Billy Joel (figlio di germanici) alle World Series di baseball del 1986.

Quanta bella musica alla festa di Joe Biden e Kamala Harris (di origine indo-jamaicana): Bruce Springsteen (mezzo irish e mezzo italiano), John Bon Jovi (all’anagrafe Bongiovi, da Sciacca, Agrigento), John Legend (afroamericano) che omaggia Nina Simone (afroamericana); Demi Lovato (sangue italo-messicano) che omaggia Bill Withers (sangue africano); i Foo Fighters di Dave Grohl (di origini tedesco-slovacche), il cowboy Tim McGraw (di origini mitteleuropee) e l’altro cowboy Garth Brooks (discendente d’irlandesi), sdoganatore del new country (nato ‘country’ dal folk anglo-irlandese, diventato ‘new’ con gli stilemi del pop europeo), a cantare di pomeriggio ‘Amazing Grace’ (traditional di derivazione irlandese).

Prima dei fuochi d’artificio su ‘Fireworks’ di Katy Perry (di origini portoghesi, irlandesi e tedesche), sempre di pomeriggio, tra Woody Guthrie e ‘America the beautiful’, Jennifer Lopez (nativa portoricana) aveva dato voce multietnica a una nazione, gli Stati Uniti d’America, che esiste solo ed esclusivamente in quanto multietnica, in un mondo che è per costituzione multietnico. Per dirla con JLo, “una nación, bajo Dios, indivisible, con libertad y justicia para todos”. Una nazione per tutti, Nativi inclusi, loro sì che sono del posto. Una nazione diversa da quella sognata da Donald Trump (discendente d’immigrati tedeschi).

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved